Dante Ferretti / Oliviero Rainaldi – Nada y Todo

Roma - 03/07/2014 : 30/09/2014

La mostra Nada y Todo. Omaggio a San Juan de la Cruz costituisce un evento speciale e unico; per la prima volta e in via del tutto eccezionale, l’Ambasciata di Spagna in Italia ha consentito a due grandi artisti italiani, Dante Ferretti e Oliviero Rainaldi, di presentare, all’interno nello straordinario scenario espositivo nel Tempietto del Bramante (adiacente all’Accademia di Spagna a Roma) una mostra - evento, curata da Otello Lottini.

Informazioni

  • Luogo: TEMPIETTO DEL BRAMANTE - SAN PIETRO IN MONTORIO
  • Indirizzo: Piazza S.Pietro in Montorio 2 - Roma - Lazio
  • Quando: dal 03/07/2014 - al 30/09/2014
  • Vernissage: 03/07/2014 ore 21
  • Autori: Oliviero Rainaldi, Dante Ferretti
  • Curatori: Otello Lottini
  • Generi: arte contemporanea, doppia personale
  • Orari: Lunedì - Venerdì: 9.30 - 12.30 / 14.00-16.30
  • Biglietti: ingresso libero
  • Email: press.studioerre@gmail.com
  • Patrocini: Sponsor Nabige Editore, Rimini-Roma; Casale del Giglio - Azienda agricola; Farsetti Factory; I Guzzini; Suono e Comunicazione, Specialisti Hi-Fi Istituzioni promotrici Ambasciata di Spagna in Italia Università degli Studi Roma Tre Accademia di Spagna a Roma

Comunicato stampa

La mostra Nada y Todo. Omaggio a San Juan de la Cruz costituisce un evento speciale e unico; per la prima volta e in via del tutto eccezionale, l’Ambasciata di Spagna in Italia ha consentito a due grandi artisti italiani, Dante Ferretti e Oliviero Rainaldi, di presentare, all’interno nello straordinario scenario espositivo nel Tempietto del Bramante (adiacente all’Accademia di Spagna a Roma) una mostra - evento, curata da Otello Lottini


La mostra, ideata e realizzata con il supporto scientifico e culturale dell’Università Roma Tre e, in particolare con l’apporto del Rettore - architetto, Mario Panizza, si compone di tre grandi sculture di Rainaldi (rispettivamente, in piombo, in vetro e in marmo), e di tre opere luminose di Ferretti.
Esse sono ispirate alla poesia e al pensiero di San Giovanni della Croce (1542 - 1591), uno dei più grandi mistici e poeti di tutti i tempi, di cui si è pensato di riproporre una rilettura della sua esperienza spirituale, nella convinzione che possa avere una grande forza e un grande impatto culturale, spirituale e morale ancora oggi. Le opere sono pensate in modo da delineare, in una straordinaria contaminazione artistica, la dottrina mistica di San Giovanni della Croce.
Rainaldi sintetizza, idealmente e simbolicamente, la proposta del cammino di purificazione spirituale dell’uomo, che passa per tre fasi o vie: purgativa, illuminativa e unitiva. Il suo lavoro artistico è esaltato dal contributo creativo di Dante Ferretti (celebre scenografo e vincitore di tre premi Oscar) che, con felice intuizione, ha realizzato tre diverse “opere di luce”, che potenziano il senso delle sculture, in una dinamica luminosa, che accompagna, con fraterna correlazione artistica, le costruzioni simboliche dello scultore.
I due artisti partono dalle specificità del loro linguaggio, che si alimenta delle tensioni problematiche di oggi. La creatività tecnologica e poetica di Dante Ferretti, integra e approfondisce, dialetticamente, le sculture di Rainaldi, nella loro correlazione spaziale con l’architettura rinascimentale.
Il Tempietto, realizzato da Bramante nel 1505 - 1506, è una delle opere più significative del Rinascimento italiano e venne costruito (su incarico dei sovrani spagnoli) per ricordare il luogo dove, per tradizione, si pensava fosse stato crocifisso San Pietro, l’Apostolo e primo papa, fondatore della Chiesa di Roma.
Il progetto espositivo si sviluppa tra lo spazio esterno al Tempietto, il colonnato e l’interno della Cappella. Le opere sono disposte in modo da tracciare il percorso mistico, diviso in tre tappe o vie. La prima tappa (via purgativa), simboleggia la dimensione mondana, la fase intermedia è caratterizzata dalla dinamica della vita spirituale (via illuminativa) la terza, nella purificazione dell’Unione trasformante con Dio (via unitiva).
La prima scultura è realizzata in piombo: è una lastra di 200 x 500 cm., su sui sono impressi dei fiori a bassorilievo: un’allusione a uno stagno o palude, da cui, appunto, possono nascere i fiori. Ciò significa che dalla materialità e dalle oscurità del mondo e della vita, può rifiorire la speranza. Su un lato della lastra, è collocata una testa a grandezza naturale, reclinata su se stessa: con essa, l’artista allude al narcisismo mondano dell’uomo, ripiegato nel proprio egoismo e nel proprio “particulare”, ma anche al ripiegamento pensieroso e meditativo su se stesso, come prodromi per imboccare un cammino diverso dal passato.
La seconda scultura è una figura umana verticale in vetro, alta 240 cm.: simboleggia la depurazione della materia umana nel suo approfondimento della dimensione morale e religiosa, e quindi, la sua trasformazione. La scultura è collocata dinanzi alla porta di ingresso della Cappella: è il simbolo dell’uomo, che si trova in una fase di confine, tra un fuori e un dentro e tra un prima e un poi. Con un’altra felice intuizione, Ferretti la illumina dal basso verso l’alto, trasformandola in una sorta di fiamma.
La terza scultura, infine, è collocata dentro la Cappella. L’opera misura 120 x 180 cm. ed è costituita da un rettangolo di marmo retroilluminato, su cui sono scolpite a bassorilievo due figure profilate, in una spirituale nudità: esse simboleggiano l’unione mistica con il divino. Qui Ferretti ha oscurato la Cappella e l’opera (come lo spazio intorno), è illuminata da un forte fascio di luce, proveniente da un faro, collocato nel piano sottostante (esattamente, nel luogo del sacrificio dell’Apostolo Pietro).

Biografie
Dante Ferretti, (Macerata, 1943)
Celebre scenografo italiano, sostenitore di una estetica del ‘meraviglioso’, si è mosso attraverso le diverse epoche con una libertà che ha sfiorato talvolta la trasgressione storica, rivoluzionando il panorama della scenografia cinematografica dapprima in patria, al fianco di registi come P. P. Pasolini e F. Fellini, e poi fuori dai confini nazionali. Premio Oscar, con la moglie Francesca Lo Schiavo, nel 2005 per The aviator di Scorsese e nel 2008 per Sweeney Todd di T. Burton; Hugo Cabret, 2012, pellicola per la quale nel 2012 si è aggiudicato insieme a Francesca Lo Schiavo il terzo Oscar della carriera. Nel 2013, in concomitanza con il settantesimo anniversario della sua nascita, il MoMA di New York gli ha dedicato la personale Dante Ferretti. Design and construction for cinema.

Oliviero Rainaldi, (Caramanico Terme, 1956)
Fin dagli esordi nel 1976, l’opera di Rainaldi è incentrata sulla figura umana, analizzata attraverso i diversi linguaggi del disegno e della grafica, della pittura e della scultura. Dopo avere iniziato con composizioni di carattere velatamente narrativo, attorno agli anni '90 passa alla rappresentazione di figure isolate, fissate attraverso un segno lineare nella loro essenzialità ideale, in cui corpi e frammenti di corpi manifestano sottili e sotterranei congiungimenti con le culture arcaiche e medievali. Come nei cicli di opere Gisant (1990), Battesimi Umani (1992), Caduti (1993), o più di recente Santo (2000), Conversazioni (2001) e Vergine (2006). Importanti personali gli sono state dedicate dalla Fondazione Staurós a San Gabriele, Teramo (1999), dalla Galleria D’Arte Moderna, Bologna (2003), a Palazzo Venezia, Roma (2006), a Villa Aldobrandini, Roma (2010), al Museo Nazionale di Villa Pisani, Stra, Venezia (2011), alla Venice International University, Isola di San Servolo, Venezia (2013) e alla Galleria Partners&Mucciaccia, Singapore (2013).