Cryptic Art

Milano - 25/01/2022 : 27/01/2022

Cryptic Art, un evento per il lancio della piattaforma di vendita NFT di The Art Club.

Informazioni

  • Luogo: GALLERIA CERNAIA
  • Indirizzo: Via Goito 11 - Milano - Lombardia
  • Quando: dal 25/01/2022 - al 27/01/2022
  • Vernissage: 25/01/2022 ore 12
  • Curatori: Francesca Nannini
  • Generi: presentazione

Comunicato stampa

Cryptic Art
Milan NFT’s Happening and Crypto Art Show

Anteprima stampa: 25 gennaio 2022 h. 12.00

In occasione del lancio ufficiale di The Art Club, l’artista Oliver
Kauten Ludico presenterà in anteprima mondiale la sua collezione
esclusiva “The Queue”, powered by The Art Club.

PROGRAMMA:


25 GENNAIO

12:00: Introduzione di The Art
Club, servizi offerti alle gallerie
e presentazione della gamma
di artisti digitali presenti nella
piattaforma


12:30: Presentazione della
collezione “the Queue” by
Oliver in esclusiva per The Art Club – a seguire BRUNCH

26 Gennaio

15:00: Introduzione di The Art
Club, servizi offerti alle gallerie
e presentazione della gamma
di artisti digitali presenti nella
piattaforma.
16:00: Presentazione della
collezione “the Queue” by
Oliver in esclusiva per The Art


27 Gennaio

18:00: Introduzione di The Art
Club, servizi offerti alle gallerie
e presentazione della gamma
di artisti digitali presenti nella
piattaforma.
19:00: Presentazione della
collezione “the Queue” by
Oliver in esclusiva per The Art Club



Una curatrice d'arte è andata a visitare una mostra d'arte nel Cryptic Art District, e questo è quello che è successo:

Come sopravvivere a un'esperienza virtuale nel mondo dell'arte digitale?
Hai solo bisogno di sperimentarlo per dirlo: sono sempre stata incuriosita da tutto il clamore attorno alla realtà virtuale che circonda il mondo dell'arte, e un giorno ho deciso di provare l'eccitante esperienza del mondo degli NFT.
Non passa molto tempo prima che inizi a imbattermi in alcuni personaggi divertenti di cui ignoro completamente la funzione: sono qui per per fare da ciceroni o per attirarmi in questo mondo? O, meglio, per convincermi a comprare NfTs?
Mi pongo queste domande mentre sono profondamente concentrata sullo spostamento della mia persona “da sinistra a destra”, al “volo” (questa funzione ancora non l'ho capita), al punto che ho quasi ignorato le opere che ho incontrato mentre ero in questo metaverso ispirato a Minecraft.
Ma aspetta un attimo, quella era un'installazione o solo alcuni blocchi da costruzione accuratamente accatastati? Non fare domande stupide, sei nel metaverso e dovresti saperlo. In realtà, questo non è diverso da quella sensazione di essere disorientati che alcune persone provano quando entrano in una galleria d'arte contemporanea, chiedendosi come diavolo si possa chiamare Arte quella pietra sul pavimento.
Ci risiamo, la storia si ripete, giusto? è lo stesso concetto che continua a riecheggiare nella tua mente: “ questo lo saprei fare pure io - sì ma tu non l'hai fatto,” con l'unica differenza che ora si applica al mondo crypto Art. Solo più ferocemente. E con la possibilità di esserci di persona, o di essere lì come un burattino virtuale, come in un videogioco.
È così semplice: l'idea di vendere NFT è arte concettuale 3.0 nella sua forma più pura. La vendita di un'opera d'arte virtuale nel metaverso non è molto diversa da nessuna delle centinaia di transazioni rapide che avvengono durante le aste più importanti, in cui l'acquirente non è presente di persona e non ha nemmeno visto o toccato l'opera d'arte.
Semmai, come disse una volta Johns, se la pittura non è altro che un mezzo per raggiungere un certo risultato, che potrebbe essere ottenuto in qualche altro modo, allora è proprio questo! L'arte concettuale è una forma di espressione che cerca di abolire il più completamente possibile il fisico e che mira a bypassare la stimolazione ottica a favore di processi intellettuali che il pubblico è invitato a condividere con l'artista. Quindi, se l'arte concettuale affermava che l'arte poteva essere ridotta a documentazione o a una serie di dichiarazioni scritte o diagrammi, e che l'incarnazione fisica era quindi superflua, lo stesso concetto si applica al mondo dei NFT.
Allora non mi sbaglio: questa è sicuramente arte, e anche il mondo dell’arte più prevenuto è al sicuro. Se riesco a convincere i critici più severi che questo concetto non è diverso dal taglio, al tempo provocatorio e rivoluzionario, di Fontana sulla tela, o dall'oltraggiosa glorificazione del colore puro effettuata da Yves Klein & Co., allora metà del duro lavoro qui è fatto . Dopo tutto, ci sentiamo al riparo sapendo che questa nuova ondata è solo qualcosa che abbiamo visto o sperimentato prima: ma perché deve per forza assomigliare a qualcosa che proviene dal passato per sentirsi al sicuro?
Mi pongo queste domande mentre mi immergo in quei NFT proiettati su schermi hi tech di ultima generazione. Ora che il digitale non è più così digitale, mi sento meglio, per lo più rassicurata da quegli schermi, come se fossero tele perfettamente dipinte.
Come ha affermato il critico d'arte Jerry Salt, “NFT è solo un'altra tecnologia da utilizzare per un artista. La criptovaluta è allo stesso modo un materiale/mezzo/strumento/tecnologia per qualsiasi artista che abbia voglia di giocarci - senza i prezzi giganteschi. Un NFT è solo un altro modo per incorporare il pensiero in materiale e materiale in una piattaforma di social media o in uno "spazio artistico". Niente di piu; niente di meno. Come per l'arte, l'85% dei NFT è una merda. Probabilmente di più.
E allora? Ora c'è più o meno motivo per fare o non fare un NFT allo stesso modo in cui si crea o non si crea una litografia.”

Prendendo spunto dal pensiero degli artisti concettuali che l'arte non esiste tanto nell'oggetto d'arte in sé, quanto nella mente dello spettatore, l’evento Cryptic Art Happening si basa sull'idea che l'arte non esiste solo nel mondo fisico , ma anche in quello virtuale attraverso il sistema blockchain, rendendo così anche la proprietà di quell'Arte un concetto virtuale in se stesso.
Inoltre, se sei come me, e ti senti inibito dalle fredde e sterili gallerie “blue chip”, allora forse ti sembrerà un po' liberatorio vagare liberamente nel Cryptic art District, dove ti senti quasi incoraggiato a unirti a questo mondo e sei predisposto ad immergerti nel seducente spazio virtuale che fonde passato, futuro e presente di tutto ciò che hai conosciuto finora sull'arte. Preparati ad essere avvolto da quei vortici tortuosi e dai colori audaci, e dai provocanti paesaggi futuristici che sono quelli degli NFT.
Eppure, non siamo pronti ad abbracciare completamente questa nuova dimensione, è un mondo inesplorato che a volte può anche intimidire. Noi dell'Art Club siamo qui per colmare questa lacuna, per rendere questa esperienza transitoria il più fluida possibile, aprendoti la strada nel mondo della cripto art. Galleristi, collezionisti d'arte e direttori di fiere d'arte accorrono per contemplare la nuda bellezza di questa nuova dimensione, per assistere al manifesto della crypto art che avviene nel cuore pulsante di Milano, una città costantemente proiettata nel futuro.

Si tratta di un vero e proprio art show con tutte le carte in regola per diventare il prossimo happening dell'arte, una realtà virtuale dall'aspetto accogliente e familiare, ancora ancorata al passato grazie alla tecnologia che aiuta a mantenerla reale, e agli schermi che fungono da ponte che collega il passato e il futuro. No, non sono pronta a lasciare la sensazione di vedere qualcosa di persona, l'emozione che si prova quando si tocca leggermente un'opera d'arte, quindi tutto sommato la mia visita non è andata molto bene, in quanto non sono riuscita ad abbandonare completamente le mie mie nozioni radicate di storia dell'arte. Ma hey, questo è un gran bell’ art happening, e noi siamo qui per testimoniarlo.


Testo di Francesca Nannini