Cristina Treppo – Riabitare

Udine - 02/12/2011 : 23/12/2011

Un percorso di lavori site-specific che si snodano nel cortile e lungo le sale del palazzo, interagendo con le sale affrescate, creando una sorta di casa ideale, fantasmatica. Il filo conduttore dell'intervento e' l'idea di abitare un luogo inteso anche, metaforicamente, come spazio della mente.

Informazioni

  • Luogo: PALAZZO CAISELLI
  • Indirizzo: vicolo Florio, 2/b - Udine - Friuli-Venezia Giulia
  • Quando: dal 02/12/2011 - al 23/12/2011
  • Vernissage: 02/12/2011 ore 12
  • Autori: Cristina Treppo
  • Generi: arte contemporanea, personale
  • Orari: lunedì/venerdì 8.00/18.30.
  • Biglietti: ingresso libero

Comunicato stampa

L’arte contemporanea “invade” Palazzo Caiselli sede dell’Università degli studi di Udine, con la mostra personale di Cristina Treppo. Riabitare, è un percorso di lavori site specific che si snodano nel cortile e lungo le sale del palazzo, interagendo con le sale affrescate del palazzo. L’intervento, visitabile dal 2 al 23 dicembre, si popola di sculture e installazioni che delineano le ricerca dell’autrice, volta a indagare una oggettualità portatrice di emozioni.

Il filo conduttore dell’intervento è l’idea di abitare un luogo inteso anche, metaforicamente, come spazio della mente


Nel cortile del palazzo sono collocati dei calchi in cemento che rimandano a vasellami del passato. Presente e antico si mescolano stravolgendo la percezione degli oggetti, che possono apparire come residui d’un cantiere, oppure il segno di una civiltà lontana. Accanto a questo stanno le “inclusioni”, sculture dove elementi d’arredo sono “imprigionati” da colate di cera che creano una situazione atemporale, provocando nello spettatore una sensazione che è opprimente e al tempo stesso rassicurante.

Il percorso espositivo continua all’interno del palazzo. Qui opere entrano in relazione con gli affreschi che caratterizzano alcune sale dell’edificio. Tra stanze e scaloni, appaiono delle opere che hanno la forma di oggetti decontestualizzati dalla loro funzione primigenia, oramai divenuta superflua. Ciò che domina questi lavori è il senso di equilibrio che regge la costruzione, in senso fisico ed estetico. Elementi che sono la manifestazione di un’incombente precarietà di questo ipotetico cantiere, che pian piano edifica materie tangibili ed emotive.

Ci troviamo davanti alle presenze di una sorta di casa ideale, che l’autrice ha definito “fantasmatica”, carica di un lato oscuro che può generare inquietudine e disagio. Lampadari di vetro scintillanti sono sospesi su strutture minimali e le vediamo galleggiare come delle misteriose visioni cariche di suggestioni.

La mostra, promossa dal Dipartimento di Storia e Tutela dei Beni Culturali dell’Università degli Studi di Udine e dall’Associazione Culturale Ermes di Colloredo, inaugurerà venerdì 2 dicembre alle ore 12.00.
A conclusione della rassegna venerdì 23 dicembre sarà presentato a Palazzo Caselli un catalogo con testi di Denis Viva e Carlo Sala che documenterà le opere esposte.