Crisalide Festival 2012

Forlì - 13/09/2012 : 16/09/2012

Crisalide intende favorire diverse modalità di esercizio creativo, sul piano della composizione artistica così come sul piano filosofico, auspicando quegli interventi che si propongano come reale produzione di pensiero, che possano generare condizioni di incontro, di «imbattersi fortuito», necessarie alla produzione di una nuova dimensione etica/strategia politica.

Informazioni

  • Luogo: EX FILANDA
  • Indirizzo: Via Orto Del Fuoco 3 - Forlì - Emilia-Romagna
  • Quando: dal 13/09/2012 - al 16/09/2012
  • Vernissage: 13/09/2012 h 18 | Oratorio San Sebastiano opening mostra fotografica Enrico Fedrigoli_ ES
  • Generi: fotografia, performance – happening, serata – evento, teatro
  • Biglietti: apertura un’ora prima dell’inizio degli spettacoli ingresso singoli spettacoli 10 € ingresso intera serata biglietto unico 12 € ***prenotazione consigliata*** ingresso gratuito : ES - mostra fotografica di Enrico Fedrigoli- Giornata di Studi How Shall I Act? Come Fare Atto di pensiero di Rocco Ronchi The return- Succo Acido on paper
  • Sito web: http://www.crisalidefestival.eu/
  • Email: info@crisalidefestival.eu

Comunicato stampa

CRISALIDE XIX

Filosofia e performance



Ciao,
ho partecipato nell'edizione di Crisalide di quest'anno (settembre 2011) alla conferenza di Ubaldo Fadini "Neuro-habitat': osservazioni sulla società della comunicazione".
Esiste per caso una relazione scritta dell'intervento e nel caso è possibile consultarla? Oppure ci sono dei suoi testi in cui esprime quei concetti?
In particolare, se non ricordo male … Fadini aveva parlato di una condizione dell'agire che è sovversiva al sistema soltanto nel momento in cui si pone radicalmente fuori da esso; non in antitesi o in lotta, ma proprio ignorandolo perchè esistenzialmente fuori

Qualunque altra azione di contrasto o di antitesi verrà prima o poi omologata.
Ecco, mi interessa capire cos'è e come si declina in un fare artistico questa condizione dello stare fuori.
Grazie in anticipo per gli eventuali suggerimenti, buon lavoro.
Luca B.



L’edizione XIX di Crisalide si pone a compimento del progetto triennale Winter years. Dopo avere in un primo momento esplorato le pluralità di divenire in direzione di un segmento minoritario, passando poi per la questione della normalizzazione in relazione ai dispositivi di potere che ripiegano i segmenti divergenti ripristinando una condizione di ordine, Crisalide si apre in questo nuovo momento di indagine al confronto con un terzo tipo di linea, la linea di fuga, che, comprendendo le prime due, apre sempre verso una destinazione sconosciuta: il fuori.

La questione del rapporto con il fuori si articola a sua volta sia nelle differenti dinamiche di resistenza al potere sia nella necessità di sottrarsi a quell’«immagine dogmatica del pensiero» che prescrive come e cosa pensare, per andare verso una filosofia che sia creazione e sperimentazione. Una fuga da tutte le certezze immediate, la ricerca di un vuoto – di una messa fuori di sé – che diviene così non un abbandono della vita o il protendersi verso un’illusoria trascendenza, ma il tentativo di trovare nuove armi. E, allo stesso tempo, di opporsi all’inesorabilità di un rientro, alle pretese di verità di un discorso. «Quasi un compito sotteso da un’etica nascosta» (F. Polidori): perché la ricerca di un fuori, ossia di una continua deterritorializzazione, non sia un vuoto terrificante cosparso di morti parziali, progressive e lente, ma un’affermazione di vita, potenza di vita. In questo senso How Shall I Act?, titolo di Crisalide XIX, è una domanda che nell’incontro tra sfera del potere e sfera della vita apre a un problema etico: come si articolano territori/deterritorializzazioni e modi di vita? Come abitare «il fuori» senza ricadere in un codice ma nemmeno nell’autodistruzione? Come ripensare il modo di essere al mondo?

A partire da queste riflessioni Crisalide intende favorire diverse modalità di esercizio creativo, sul piano della composizione artistica così come sul piano filosofico, auspicando quegli interventi che si propongano come reale produzione di pensiero, che possano generare condizioni di incontro, di «imbattersi fortuito», necessarie alla produzione di una nuova dimensione etica/strategia politica.








PRESENZE
GIORNATA DI STUDI / sabato 15 settembre
How shall I act?
per una filosofia della realtà
10.30 > 17.30 | Liceo musicale A. Masini
22 > 23 | Ex Filanda

RESIDENZE.
Isabella Bordoni. Fabrizio Varriale. Nicola Ratti
11 > 13 settembre | Ex Filanda

MOSTRA FOTOGRAFICA.
Enrico Fedrigoli_ ES | 13 > 16 settembre
opening > 13 settembre h 18 | Oratorio San Sebastiano




Fanny & Alexander
Isabella Bordoni. Fabrizio Varriale. Nicola Ratti

Cindy Van Acker (CH)
Claudia Castellucci
Giacomo Piermatti

Masque teatro
Mika Vainio (FIN)

Cod.Act (CH)
Lorenzo Bazzocchi
Dewey Dell

Enrico Fedrigoli


Sara Baranzoni
Ubaldo Fadini
Fabio Polidori
Katia Rossi
Paolo Vignola
Silverio Zanobetti
Tiziana Villani
Rocco Ronchi
Bernard Stiegler

SuccoAcido




Direzione artistica Lorenzo Bazzocchi

Cura ed organizzazione Masque teatro

Giornata di studi a cura di Sara Baranzoni

Media Partner Succo Acido