Conversazione sul collezionismo – Eliana Guglielmi

Torino - 28/11/2018 : 28/11/2018

Conversazione in ricordo di Eliana Guglielmi tra Marcella Beccaria e Marinella Guglielmi.

Informazioni

Comunicato stampa

La Pinacoteca Giovanni e Marella Agnelli prosegue il programma di approfondimento sul tema del collezionismo ospitando una conversazione in ricordo di Eliana Guglielmi, grande collezionista torinese. La sua avventura nel mondo dell’arte verrà ripercorsa attraverso le parole della figlia Marinella Guglielmi e di Marcella Beccaria, Capo Curatore e Curatore delle Collezioni al Castello di Rivoli Museo d’Arte Contemporanea.

Eliana Guglielmi nasce a Torino dove studia e si laurea in Storia Medioevale

Alla fine degli anni Settanta si avvicina all’arte contemporanea grazie ad un amico mercante che le offre delle opere di Andy Warhol e, a partire da quel momento, inizia ad acquistare lavori importanti, inizialmente a Torino dalla Galleria Stein, da Ippolito Simonis e da Eva Menzio. Entrano così a far parte della sua collezione artisti come Mario Merz, Giulio Paolini , Luciano Fabro , Jannis Kounellis.
Conosce poi, a Milano, Sergio Casoli e nella sua Galleria di corso Monforte Eliana Guglielmi trova un proficuo scambio culturale con altri collezionisti e ingrandisce la sua raccolta. In questo percorso è molto importante la figura di Marcello Levi, con il quale nasce una profonda amicizia.
Negli anni Novanta viaggia per musei e fiere, acquisendo opere di artisti contemporanei da giovani galleristi.
Sostiene e fonda alcune Associazioni di Amici dei Musei e partecipa a progetti per l’arte contemporanea a Venezia e a Roma.
La sua collezione raccoglie sia opere ormai storicizzate sia lavori di giovanissimi e talentuosi artisti, acquisiti sempre con grande gioia, leggerezza e divertimento.
L’arte per lei era la felicità di vivere.

________________________________________
Storica dell’arte, curatrice e autrice di numerose pubblicazioni, Marcella Beccaria è Capo Curatore e Curatore delle Collezioni al Castello di Rivoli Museo d’Arte Contemporanea.