Claudio Sinatti – Slitscape

Milano - 19/05/2016 : 04/09/2016

Focus dedicato a un inedito lavoro fotografico di Claudio Sinatti artista che ha attraversato lungo la sua carriera diversi territori espressivi sperimentando ed esplorando nuovi linguaggi.

Informazioni

  • Luogo: MUSEO DEL NOVECENTO
  • Indirizzo: Via Marconi, 1 - Milano - Lombardia
  • Quando: dal 19/05/2016 - al 04/09/2016
  • Vernissage: 19/05/2016 ore 18,30 su invito
  • Autori: Claudio Sinatti
  • Curatori: Cesare Cicardini
  • Generi: new media
  • Orari: Lunedì 14.30 – 19.30 Martedì 9.30 – 19.30 Mercoledì 9.30 – 19.30 Giovedì 9.30 – 22.30 Venerdì 9.30 – 19.30 Sabato 9.30 – 22.30 Domenica 9.30 – 19.30 Ingresso gratuito a partire da due ore prima della chiusura del museo e ogni martedì dalle ore 14.00
  • Biglietti: Ingresso Intero 5 € Ingresso Ridotto 3 €

Comunicato stampa

Il Museo del Novecento presenta Slitscape, un focus dedicato al lavoro fotografico dell’artista Claudio Sinatti, a cura di Cesare Cicardini.

Slitscape si concentra sull’inedito lavoro fotografico realizzato tra il 2012 e il 2013 da Sinatti, artista che ha saputo attraversare lungo tutta la sua carriera diversi territori espressivi, sperimentando ed esplorando nuovi linguaggi, dalla net image alla musica, dalla street art alla fotografia.

Dopo gli inizi come writer, Sinatti si avvicina alle immagini in movimento alla metà degli anni Novanta

È in questo periodo che inizia a collaborare con i gruppi musicali più interessanti della scena italiana, curando la direzione di videoclip di Casino Royale, Sarah Jane Morris, Africa Unite, e tanti altri.
Nel 1999 fonda insieme ad artisti e musicisti milanesi il collettivo Sun Wu-Kung, attivo fino al 2002, punto di riferimento per le sperimentazioni nell’ambito dei live media e del V-Jing in Europa.
Negli ultimi dieci anni, il continuo lavoro di ricerca nella produzione artistica digitale porta Sinatti alla realizzazione di grandi installazioni e performance che lo vedranno partecipare a importanti festival come Sonar, Netmage e Uovo, nonché a collaborare con musicisti e gruppi teatrali, tra cui Renato Zero, Ludovico Einaudi, Kinkaleri e Motus.
Writer, video maker, pioniere del video mapping, Claudio Sinatti, prematuramente scomparso nel 2014, è stato uno dei protagonisti della scena underground milanese degli anni Novanta.

Slitscape presenta 27 immagini realizzate dall’artista in diversi luoghi tra la sua città, Milano, e il mondo, da Dubai a New York, con la tecnica dello slit-scan, che consiste in una ripresa fotografica in movimento e con un’esposizione prolungata, elaborata da un software.
Il risultato non è la rappresentazione statica di un luogo, bensì la restituzione bidimensionale di un tragitto lungo lo spazio e il tempo.
Sinatti si avvicina alla fotografia come mezzo artistico compiuto, di sintesi: se da una parte i lunghi frame rappresentati nelle fotografie sono delle vere e proprie mappe, leggibili nei due sensi di andata e ritorno, a livello estetico evocano una lirica riproduzione dell’immagine elettronica.
Con Slitscape, Sinatti diviene un viaggiatore nello spazio, capace di sondare oltre la superficie, oltre la materia, scrutando nella profondità del tempo.

In mostra, insieme alle fotografie selezionate tra le oltre duecento in archivio, sono esposti tre video realizzati in collaborazione con importanti compositori e musicisti: Gardening (2000), A Shaved Mint (2007) e Canzone di Sabbia (2012).

Per l’occasione, Luca Barcellona, calligrafo di fama internazionale, omaggerà l’amico Claudio Sinatti con interventi di lettering site-specific e con la produzione di un inedito lavoro in dialogo con i paesaggi di Slitscape.
La mostra è accompagnata da un catalogo disegnato dallo Studio Pitis e realizzato con il contributo di Pixartprinting.

In memoria di Claudio Sinatti, la Fondazione Vodafone Italia sostiene il progetto di ricerca scientifica sul Sequenziamento di Nuova Generazione del Genoma, finanziato da AIL – Associazione Italiana contro le Leucemie, linfomi e mieloma, e realizzato dall’Istituto Nazionale dei Tumori di Milano.

Cesare Cicardini, fotografo e regista. A cinque anni il padre gli ha regalato una vecchia macchina fotografica Voigtlander e da allora non ha mai smesso di fare foto, anche se ogni tanto gli viene voglia di dare movimento alle immagini.
Per l’agenzia Contrasto ha immortalato le star di mezzo mondo. Collabora, oltre che con i periodici, con le principali case discografiche e editrici, nel suo portfolio ci sono personaggi del calibro di: Quentin Tarantino, Vincent Gallo, Ben Harper, Joss Stone. I suoi lavori sono stati esposti in diverse gallerie d’arte nazionali e internazionali. Ora è impegnato su diversi progetti artistici legati al ritratto ottenendo diverse menzioni d’onore presso il Prix de la Photographie di Parigi e l’International Photography Award. Alla fotografia affianca anche lavori di regia per diversi brand di moda.

Luca Barcellona, grafico e calligrafo. Formatosi come grafico e writer, approda alla calligrafia nel 1999 cimentandosi in ogni campo del lettering, dal type design al letterpress. L’intento del suo lavoro è quello di far convivere la manualità di un’arte antica come la scrittura con i linguaggi e gli strumenti dell’era digitale. Ha collaborato con importanti istituzioni museali tra i quali il Museo Nazionale di Zurigo, Palazzo Collicola di Spoleto, Akademie der Kunst di Berlino e San
Francisco Public Library, e con molti fra i maggiori brand della moda, dell’abbigliamento, della discografia e dell’editoria. Dal 2007 insegna calligrafia con l’Associazione Calligrafica Italiana e ha tenuto workshop e conferenze in tutto il mondo (USA, Canada, Giappone, Australia).