Cinestesie – Luigi Guarino

Napoli - 17/05/2012 : 02/06/2012

Ogni film in programma sarà interpretato attraverso il lavoro di un artista.

Informazioni

  • Luogo: SEMMAI FACTORY
  • Indirizzo: via salvator rosa 241 - Napoli - Campania
  • Quando: dal 17/05/2012 - al 02/06/2012
  • Vernissage: 17/05/2012 ore 20.30
  • Autori: Luigi Guarino
  • Generi: arte contemporanea, personale
  • Orari: ingresso gratuito su appuntamento dal lunedì al venerdì ore 11.00 - 19.00
  • Biglietti: vernissage: film + aperitivo 5¤

Comunicato stampa

Semmai factory è un nuovo spazio sinergico.

Tutti i giovedì di maggio ospiterà "CINESTESIE - rassegna cinematografica dalle forti contrazioni cerebrali".

Ogni film in programma sarà interpretato attraverso il lavoro di un artista.



"E' irresistibile non esplorare le nostre fantasie desiderate, i nostri impulsi e trasgressioni. Si realizza la realtà, il pensiero e' schiavo della volontà, l'ostinazione di raggiungere la soddisfazione dei sensi

L'egoismo del piacere non ha rivali, l'individuo sfoggia tutto il suo compiacimento, ma il pentimento è alla porte della coscienza, il suono delle voci invisibili è una conseguenza inevitabile della natura umana ."

TEMPTATION di Luigi Guarino per LA PIANISTA di Michael Haneke

orari di apertura:

ingresso gratuito su appuntamento

dal lunedì al venerdì

ore 11.00 - 19.00



biglietto:

vernissage: film + aperitivo 5¤



orario vernissage:

20,30



artista:

Luigi Guarino è nato nel 1981 a Napoli dove vive e lavora .
Pittore, scultore ,designer e performer, dopo gli studi all'Accademia di Belle Arti di Napoli, soggiorna in Inghilterra e in Francia per ampliare le sue esperienze artistiche.
L’Artista nel suo lavoro si interroga sul complesso e misterioso comportamento dell'animo umano. Rappresenta elementi figurativi in spazi vuoti e monocromi, dai colori forti e vivaci.
Le figure sono prive di ogni riferimento materiale e sono poste in modo da poter contemplare sé stesse dalla contemporaneità dilaniata dal vuoto interiore e dalla mancanza di spiritualità.
Il protagonista è l'unico soggetto in preda alle sue emozioni, lasciato solo da un mondo che non pensa ma corre senza consapevolezza.