Christophe von Hohenberg – Andy Warhol-The Day The Factory Died

Torino - 15/12/2011 : 28/01/2012

Documentando la conclusione di un’epoca straordinaria e di un’esperienza unica come quella della Factory di Warhol, le fotografie presentano una carrellata di volti celebri degli anni ’70 e ’80, da Debby Harry a Yoko Ono, da Liza Minnelli a Leo Castelli, catturati fuori dai riflettori, in un momento di cordoglio, di intimità, di “normalità”.

Informazioni

Comunicato stampa

Il 1 aprile 1987, giorno della commemorazione funebre di Andy Warhol a New York, il fotografo Christophe von Hohenberg aveva ricevuto il suo primo incarico dalla rivista Vanity Fair per fotografare minigonne a lutto alla Cattedrale di St.Patrick.
Quel pomeriggio, von Hohenberg scattò più di 200 fotografie di alcune tra le più celebri personalità che avevano frequentato la Factory di Andy e lo Studio 54, e che parteciparono alla commemorazione. Sfortunatamente nessuna di loro indossò minigonne in quella giornata e per questo motivo il servizio fu annullato e le fotografie furono dimenticate


Ciò fino al 2007, anno del XX anniversario della morte di Warhol, quando le fotografie in bianco e nero di Christophe furono raccolte in una pubblicazione curata dallo scrittore e curatore Charlie Scheips dal titolo “ANDY WARHOL: The Day the Factory Died”, in cui compaiono anche alcuni testi scritti dalle stesse celebrità delle foto e che raccontano aneddoti riguardanti l’artista e gli anni della Factory.
La mostra presentata a Metroquadro nel periodo natalizio offre una selezione delle fotografie di Christophe von Hohenberg raccolte nel catalogo.
Documentando la conclusione di un’epoca straordinaria e di un’esperienza unica come quella della Factory di Warhol, le fotografie presentano una carrellata di volti celebri degli anni ’70 e ’80, da Debby Harry a Yoko Ono, da Liza Minnelli a Leo Castelli, catturati fuori dai riflettori, in un momento di cordoglio, di intimità, di “normalità”.
Una mostra insolita, che documenta un pezzo della storia dell’arte e della cultura contemporanea.


Christophe von Hohenberg è un fotografo ritrattista e di lifestyle.
E’ stato scoperto da American Vogue e il MoMA ha consacrato il suo lavoro con due mostre di sue fotografie.
Durante la sua prolifica carriera di fotografo di celebrità, ha lavorato con riviste come: Vogue americana, francese e tedesca, Interview, Vanity Fair, Marie Claire, Rolling Stone tedesca, New York Time Magazine ed altre.
I suoi ritratti sono stati esposti alla Grey Art Gallery di New York, Art and Interior a Berlino e Valentina Moncada a Roma.

“Andy Warhol-The Day The Factory Died” e’ stato pubblicato nel 2006 e nel 2007 ha vinto il Photo District New Photography Book Award e AIGA Book Award.
La mostra è stata esposta presso la Goss Gallery di Dallas, Texas 2006; la Rudolph Budja Gallery di Salisburgo, Austria, 2007; l’ America House a Monaco, Germania, 2007 e l’ Affirmation Arts a New York, 2008.

Questo fotografo di fama internazionale e’ cresciuto nei Caraibi ed Europa. Ha studiato arte, filosofia e storia in Germania, Francia e Spagna. Si è laureato presso la Schiller University di Parigi. Vive tra New York, gli Hamptons e i Caraibi.