Christian Megert

Lugano - 15/05/2014 : 06/07/2014

Attraverso una ricca selezione di opere, che muove dagli anni ’80 giungendo sino a oggi, la mostra vuole rendere omaggio alla più recente ricerca artistica di Megert.

Informazioni

  • Luogo: GALLERIA ALLEGRA RAVIZZA
  • Indirizzo: Piazza Cioccaro 7 - Lugano
  • Quando: dal 15/05/2014 - al 06/07/2014
  • Vernissage: 15/05/2014 ore 17
  • Autori: Christian Megert
  • Curatori: Marco Meneguzzo
  • Generi: arte contemporanea, personale
  • Orari: dal martedì al venerdì dalle 11.00 alle 18 Sabato su appuntamento

Comunicato stampa

Negli spazi della Galleria Allegra Ravizza inaugura giovedì 15 maggio la mostra personale dell’artista svizzero tedesco Christian Megert, a cura di Marco Meneguzzo.
La ricerca artistica di Megert (Berna, 1936) si apre agli inizi degli anni Cinquanta nella sua città natale, in un ambiente lavorativo dominato dalla poliedricità degli stimoli e dei linguaggi narrativi. In questo panorama multiforme, Christian Megert scorge nello specchio il medium principale attraverso cui esprimere la propria poetica che vede nella creazione dello spazio il suo tema centrale, come testimonia il Manifesto Ein Neuer Raum (Un nuovo spazio), pubblicato nel 1961


Attraverso una ricca selezione di opere, che muove dagli anni ’80 giungendo sino a oggi, la mostra vuole rendere omaggio alla più recente ricerca artistica di Megert. Tale produzione è caratterizzata dall’uso di toni cangianti, posti in dialogo con geometrie sintetiche e sovrapposte, in un susseguirsi continuo di riflessi e rimandi. Le cromie rigorose dei blu, rossi e verdi sono così accentuate dalla forza dei collage e dalle originali composizioni dell’artista, che coinvolgono lo spettatore in una fruizione dell’opera attiva e in costante divenire. Grazie al ricorso allo specchio e ai giochi di volumi, l’artista sfonda la fisicità classica dello spazio creando una superficie che si staglia oltre la realtà, concretizzando, in questo modo, la propria ricerca di “un nuovo spazio”.





Biografia

Nato a Berna nel 1936, in Svizzera, Christian Megert ha studiato presso la scuola d’arte Kunstgewerbeschule dal 1952 al 1956.
Viaggiando tra la Svezia, la Germania e poi Parigi, Megert sperimenta il suo linguaggio artistico a cominciare dal primo monocromo e, più avanti attraverso le sue opere cinetiche del 1959.
La ricerca artistica di Christian Megert si concentra sull’utilizzo della luce, del movimento e del riflesso luminoso, concretizzata nello specchio quale mezzo artistico primario con cui Megert realizza la sua prima opera a specchio nel 1960. Nel 1961 Megert scrive il suo Manifesto “Ein Neuer Raum” (Un nuovo spazio), sintesi della sua ricerca artistica. Gran parte delle opere di Christian Megert necessitano dell’interazione del pubblico e, similmente alla poetica degli altri membri del Gruppo Zero, il nesso tra arte, vita e realtà quotidiana, elementi fondanti il suo lavoro.
Megert è protagonista di numerose esposizioni personali, tra cui quella alla Galerie Kopke a Copenhagen nel 1959, alla Galerie Kaspar nel 1961 e ancora, a Losanna nel 1963. Megert ha preso parte ampiamente alle esposizioni del Gruppo Zero e quelle dell’Arte cinetica in Europa. Le sue opere si trovano oggi in numerose collezioni private e pubbliche, tra cui al Musée des Beaux Arts di Montreal, al Progressive Museum di Basilea e il Museum of Modern Art di New York.
Dal 1973 Christian Megert si trasferisce a Düsseldorf, dove insegna fino al 2002 presso la Kunstakademie. In questi anni realizza sculture in pietra esposte ad Amsterdam, Maastricht e Vaduz. Attualmente Christian Megert vive e lavora tra Düsseldorf e Berna.