Chiara Bettazzi – A Tutti Gli Effetti

Firenze - 04/06/2021 : 18/06/2021

Mostra personale dell'artista toscana Chiara Bettazzi.

Informazioni

  • Luogo: VILLA ROMANA
  • Indirizzo: Via Senese 68 - Firenze - Toscana
  • Quando: dal 04/06/2021 - al 18/06/2021
  • Vernissage: 04/06/2021 Ore 18.30: In occasione dell' inaugurazione si terrà un incontro tra il filosofo Rocco Ronchi e Alessandro Sarri attorno all'effetto di pareidolia nell'arte e in specifico sul lavoro di Chiara Bettazzi
  • Autori: Chiara Bettazzi
  • Curatori: Alessandro Sarri
  • Generi: arte contemporanea, personale
  • Orari: dal martedì al venerdì dalle ore 14 alle ore 18 e su appuntamento.

Comunicato stampa

“La domanda più insidiosa, la domanda a cui non si può rispondere proprio perché qualcosa accade, qualcosa chiede conto attendendo una decodificazione, un senso che peraltro si è già manifestato pena la sua impossibilità di venire in presenza

Infatti in cosa consiste una cosiddetta presenza? Cosa appare quando appare qualcosa? L'angoscia di riconoscimento potrebbe mai far apparire qualcosa senza essere già stato riconosciuto addirittura prima della sua stessa apparizione? E questa identificazione è necessariamente correlata ad una somiglianza? Allora, a cosa somiglia una pareidolia? Per cosa nasce la pareidolia? A cosa serve? Questa serie di domande è alla base del concetto costitutivamente virtuale di questa ambigua matassa visiva che questa personale dell'artista toscana Chiara Bettazzi cercherà di dispiegare attraverso un'articolazione immersiva e organica che s'infiltrera' negli spazi di Villa Romana. Ci saranno progetti creati appositamente per l'occasione che andranno a fondersi con lavori pregressi i cui germogli, come prescrive da sempre la pratica intimamente processuale (non meramente ricombinatoria che semmai appare e si configura proprio come suo rammendo percettivo) di Bettazzi, non cessano di cambiare pelle innescando, attraverso video, foto e installazioni, la modulazione incessante di una concrescenza indecifrabile e celibataria che sta per qualcosa che non si dà proprio attraverso la propria manifestazione. Si potrebbe dunque pensare che la pareidolia attiene ad una sorta di referenza assoluta, una referenza che rimane referenza senza indirizzarsi verso una latenza o una transizionalita' referenziale di qualcosa o, detto altrimenti, verso un principio inesausto di ritrovamento e disoccultamento. Stratagemmi che assicurino la capacità di soddisfare, nella convinzione che ogni apparizione sia in quanto sempre disponibile alla 'strategia del contorno', inquadrata e metabolizzata mediante la ricerca di un movente individuabile che immunizzi e circoscriva, attraverso l'allestimento di un quinta associativa, un qualsiasi reperimento ipotizzabile e potenziale insomma, l'atto in atto senza necessità della potenza anonima della pareidolia. Infatti, il dispositivo pareidolico di Bettazzi - né somiglianza né dissomiglianza, né copia né modello - lungi da incarnare il lutto di una forma a venire e da prevenire, si rivela essere l'infinita proliferazione, impersonale e atopica, di una piega prototipica di un atto immanente che non cessa di dispiegarsi nello sciame brachilogico di una catastrofe mimetica; "la mostruosa spontaneità", come direbbe Jean-Paul Sartre, di un apparizione pura e impassibile, senza inizio, senza fine e senza fini che infesta ogni apparenza senza esserne e divenirne parte.”
Alessandro Sarri

Chiara Bettazzi (Prato, 1977) vive e lavora a Prato. Artista e fondatrice dello spazio ex-industriale di Via Genova a Prato. Da anni indaga i linguaggi contemporanei all’interno del paesaggio industriale del territorio pratese, attraverso i quali attua interventi condivisi che riflettono sul patrimonio industriale e culturale. Nel 2005 apre lo studio SC17 tramite il quale riattiva l’area dell’ex Lanificio Bini. Il suo lavoro è legato a una riflessione sulla quotidianeità delle cose, in cui persiste la necessità di cambiare l’identità e trovare incessantemente una nuova immagine, attraverso vari media. Negli anni ha partecipato a mostre personali e collettive in Musei e spazi privati, Museo per bambini, Santa Maria della Scala, Siena (2019); Galleria Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea, Roma (2018/19); Casa Masaccio, San Giovanni Valdarno (2015); Galleria MOO Prato (2013); Museo del Tessuto Prato (2010).


Villa Romana e il Premio Villa Romana sono sostenuti dall'associazione Villa Romana e.V.
Sponsor principale è il Commissario Federale Tedesco per la Cultura e i Media.
Altri sostenitori sono Deutsche Bank Stiftung, BAO Stiftung e - in relazione a specifici progetti - anche numerosi soggetti privati, società e fondazioni da ogni parte del mondo.