Casa Giulia

Torino - 24/10/2015 : 24/10/2015

Presentazione nuova iniziativa di housing sociale dell'Opera Barolo, che ha coinvolto l'artista inglese David Tremlett, autore di un intervento di wall drawing sui corridoi e i soffitti dei tre piani dell'edificio, in collaborazione con gli studenti dell'Accademia Albertina.

Informazioni

Comunicato stampa

Sabato 24 ottobre 2015 alle 11 in via Cottolengo 26 a Torino è stata presentata «Casa Giulia», la nuova iniziativa di housing sociale dell’Opera Barolo.

Il nuovo servizio, destinato a famiglie in difficoltà temporanea e a giovani che intendono sviluppare le proprie progettualità, fa parte del «distretto sociale» dell’Opera Barolo: da quasi 200 anni qui, per iniziativa della Marchesa, trovano accoglienza iniziative di solidarietà, formazione, promozione sociale

Attualmente sono 14 gli Enti e le Associazioni che collaborano con l’Opera Barolo per offrire, tra l’altro, assistenza medica agli stranieri, accoglienza ai parenti di malati, case per studenti e per situazioni familiari difficili, tutela di donne in condizioni di disagio.

Il presidente dell’Opera Barolo, avv. Luciano Marocco ha presentato l’Housing Giulia. Sono intervenuti l’Arcivescovo di Torino mons. Cesare Nosiglia (testo del suo discorso in allegato e nella sez. Documenti del sito), il vicesindaco Elide Tisi, i rappresentanti di Regione Piemonte, Compagnia di San Paolo, Fondazione CRT e delle altre istituzioni impegnate con l’Opera Barolo nella realizzazione del nuovo servizio.