Carmelita Iezzi

Roma - 12/03/2012 : 21/03/2012

I due lavori presentati in mostra hanno come filo conduttore: il sogno.

Informazioni

Comunicato stampa

Carmelita Iezzi, artista di origini abruzzesi e si è accostata alla fotografia in tenera età
e frequentando successivamente l'istituto d'arte perfeziona attraverso degli stage con dei
maestri d'arte la sua visione creativa utilizzando al meglio la luce naturale e l'attrazione
verso i forti contrasti. Impara a stampare le sue foto in camera oscura, ma oggi lavoro molto con il digitale e utilizza la cosiddetta "camera chiara"


Ama la fotografia onirica e creativa perchè attraverso di essa riesce a comunicare un'emozione questo è lo scopo principale del suo modo di fotografare, rappresentare il mondo interiore, attraverso l'utilizzo del bianco e nero unito all'interesse per la storia dell'arte e per la cultura ellenica che sono il filo conduttore dei suoi lavori, rappresenta stati d'animo che proietta nelle fotografie e nella misticità che solo il bianco e nero riesce a donare ad una fotografia.
Utilizza invece la foto a colori nei viaggi, predilige le tinte forti e dominanti o anche monocromatiche che sono la rappresentazione poetica della realtà, le piace rappresentare il mondo che la circonda attraverso panoramiche e textures.
Raccontare il mondo questo è stato sempre il suo sogno, negli anni poi, accompagnato dalla passione di scrivere e viaggiare, attraverso corsi e workshop ha assimilato anche la capacità di costruire foto concettuali e di ricerca. Con l'avvento del digitale smette purtroppo di stampare a mano, ma non ha smesso di sognare e produrre foto.
Adora Ansel Adams e Mario Giacomelli che con i suoi toni contrastati ha da sempre ispirato i suoi lavori fotografici, tra le donne fotografe considera Tina Modotti una pioniera del suo tempo.
I due lavori presentati in mostra dal 12 al 21 marzo 2012 presso RAVAL GALLERY
hanno come filo conduttore: il sogno.
La recente serie "My little infinite world" è un lavoro che si dipana sul filo del celebre romanzo di Richard Bach “ Il gabbiano Jonathan Livingston”. Dove la metafora principale del libro, ovvero il percorso di perfezionamento del piccolo gabbiano che impara a volare e a vivere, e soprattutto ad essere libero dai preconcetti che la società ci vuole imporre, si rispecchia nei sogni di un bambino che comincia a scoprire il mondo e lo osserva con occhi meravigliati viaggiando sulle ali della fantasia.
La seconda serie presentata in mostra dal titolo: " Icaro fly dream" è solo apparentemente diversa, ciò che la lega alla prima è il filo conduttore del sogno e la voglia di potersi affermare ma in questo casodell'adulto. La leggenda infatti narra che il sogno di Icaro era quello di volare e di volersi innalzare con le sue ali di cera verso il sole, nonostante la sua natura umana ha voluto sfidare le leggi cosmiche e seguendo con audacia il suo sogno si è innalzato verso la luce ma bruciandosi le ali é precipitato nel buio degli abissi. Tra gli opposti si muove il desiderio umano. Nella sua caduta c'è il fallimento ma anche la voglia di raggiungere qualcosa che è più grande di lui, il desiderio di realizzare un sogno che nella sua natura umana è irrealizzabile, viene rappresentata l'audacia di voler raggiungere i propri sogni e di sfidare la società che con i suoi limiti non ci permette mai di essere fino in fondo liberi e farci sentire noi stessi.
Carmelita Iezzi | www.photographyart.it

Carmelita Iezzi ha esposto sia in Italia e all'estero.
Tra le sue esposizione ricordiamo:
Mostre Personali
"Icaro" - Mostra personale Galleria Enea Muse - Mykonos (Greece)
"Metamorfosi" Mostra personale di fotografia presso Taverna del Teatro - Città S.Angelo (Pe) 

"Metamorfosi" presso Kinesis Gallery - Clusone (BG) 

"Metamorfosi" presso Foto Galleria Italia Faenza curata da Pino Valgimigli

Personale "Icaro Fly Dream" in occasione della manifestazione di "Foiano Fotografia III",
Foiano della Chiana (Ar) - Curatore Roberto Mutti
Personale "Oniros" presso Ass. Cult. Il Pane e le Rose Roma
(curatrice Marina Zatta - Collaboratrice di Schifano e Turcato)

Personale "Icaro Fly dream" presso Foto Bar il Grottino - Torricella Peligna 
curata da Pietrino di Sebastiano (Ch)
Mostre Collettive
Collettiva "MADE IN ITALY" January 28 - February 10, 2012
Vista Arte e Comunicazione, Via Ostilia 41- Roma
Collettiva fotografica sull'Infrarosso, Gubbio curata da Daniele Fava e Ass. Infrared

Collettiva "50° FIAF " Archivio di Stato, Pescara

Collettiva "Donne in Fotografia" presso Circolo culturale "Le Gru" - Valverde (CT) 

Collettiva Concorso Fotografico "Graffiti Volti" 
curata dall'Ass. Fotografica di Filomena Fellegara "Il filo dei Ricordi" Cerratina (Pe) 

Collettiva "Obiettivo Femminile " , Centro Civico, Lucinico (Gorizia), 
dedicata a Tina Modotti e curata dall'Ass. Culturale La Primula

Portfolio Featured on Arlimited.net
Recensioni riviste e partecipazioni Radio Rai e televisive
- Gente di Fotografia
- Progresso Fotografico
- Immagini Foto Pratica
- Prospektiva Editrice rivista letteraria numero 15 ( 8 immagini pubblicate della serie Icaro fly dream)
- Partecipazione su invito a Rete 8 (Chieti) per trasmissione sull'arte.
- Partecipazione alla trasmissione 2 di notte su Rai Radio 2 "Il Bianco e il Buio"
(condotto dalla giornalista Roberta Maresci) dedicata all'arte dal titolo "Il bianco e il Buio”.