Carlo Piemonti – Natural

Trieste - 22/03/2014 : 15/05/2014

La mostra si compone di venti opere di grandi e piccole dimensioni (realizzate sul tema del viaggio, del mare, della vita quotidiana) che rimescolano, per mezzo di un contrasto molto appariscente il rapporto biunivoco tra figura e sfondo e sarà presentata da Roberto Vidali, direttore editoriale di “Juliet art magazine”.

Informazioni

  • Luogo: TWINS CLUB 2.0 ART & GYM
  • Indirizzo: via Economo 5, I piano - Trieste - Friuli-Venezia Giulia
  • Quando: dal 22/03/2014 - al 15/05/2014
  • Vernissage: 22/03/2014 ore 19
  • Autori: Carlo Piemonti
  • Generi: arte contemporanea, personale
  • Orari: da lunedì a sabato, dalle ore 10.00 alle 13.00.

Comunicato stampa

Sabato 22 marzo 2014, a partire dalle ore 19.00, presso gli affascinanti spazi del TWINS CLUB 2.0 Art & Gym di Trieste (via Economo 5, I piano) ci sarà la vernice della mostra di Carlo Piemonti dal titolo “Natural”. La mostra si compone di venti opere di grandi e piccole dimensioni (realizzate sul tema del viaggio, del mare, della vita quotidiana) che rimescolano, per mezzo di un contrasto molto appariscente il rapporto biunivoco tra figura e sfondo e sarà presentata da Roberto Vidali, direttore editoriale di “Juliet art magazine”


La ricerca pittorica di Carlo Piemonti non si inserisce all’interno del dibattito che, ancora oggi, dopo l’esuberanza trasgressiva delle neoavanguardie, continua a dominare le vicende dell’arte contemporanea; il che ci permette di buttare sul tavolo la domanda: gli extra media più consolidati (fotografia, tivù, cinema), unitamente ai principi dell’interattività e della pratica relazionale, debbono condurre un gioco di sponda o possono permettersi di puntare al predominio dell’intero mercato dell’arte? A un problema posto in maniera così brutale e diretta, l’autore evita di rispondere, non per un ostinato voto del silenzio, ma per scelta ben precisa, ovvero per indifferenza verso codeste esperienze che, nostro malgrado, disegnano la vita moderna. In questo modo, di fronte al lavoro ossessivo e da grande equipe di autori come Jeff Koons e Damien Hirst, ipercelebrati a livello globale, egli si permette di tirare diritto lungo una strada solitaria, e questo perché, secondo il suo assunto programmatico la pittura è, ancora oggi, la tecnica più idonea a captare il reale e a impedirgli di sfuggire al quesito “Chi siamo? Dove andiamo? Da dove veniamo?”

In questo modo la sua pittura, con la capacità di interrompere, in maniera spietata, grazie a inquadrature o a tagli arbitrari, la presa di possesso sulla realtà, risulta essere la tecnica ideale per ottenere una estesa frammentarietà iconica.

Ecco perché il nostro, affascinato dalla capacità di produrre immagini variegate e potenzialmente estranee a qualunque sostanziale intreccio narrativo, si concentra su una ricerca binaria, dove gli elementi del discorso si riducono a un semplice dialogo tra figura / sfondo, bianco / nero, maschile / femminile, positivo / negativo; elementi che si compenetrano e si nutrono all’interno di un flusso percettivo, dove le emozioni sono un qualcosa che sta oltre la superficie delle cose, e quindi al di là di ogni possibilità evocativa.

In tale maniera, i riferimenti alla storia dell’arte che affiorano tra i lacerti di questa pittura (le scomposizioni e le compenetrazioni di Balla e Boccioni, la sintesi grafica della Bauhaus) risultano essere solo accidenti del discorso e non citazioni ricercate: stanno lì perché sono elementi inevitabili dell’esperienza formale, e non perché aprono a sentimenti profondi e necessari o a scelte ideologiche di tipo deterministico.

Arrivati a questo punto potremmo dire che negli intenti di Carlo Piemonti c’è il desiderio di ricercare le modalità espressive dell’uomo moderno, con toni minimi, all’interno di un percorso di rarefazione compositiva e di sottrazione cromatica, quasi che un tono del tutto monocorde avesse avvolto il mondo che ci circonda. Non la prassi analitica denuncia, quindi, l’identità della forma, bensì la sua ripetizione, quasi che l’imprimatur del segno (ovvero la cicatrice iniziale della storia umana) possa divenire una traccia inevitabile della nostra stessa esistenza.

La serata è stata sostenuta da Nicolini Assicurazioni (sede provinciale Club Medici) ed è stata realizzata con il concorso di Associazione Juliet, Sushifashion e Azienda Agricola Bergomas Massimo.