Bruno Cattani – Memorie

Venezia - 19/09/2014 : 19/10/2014

Rivivere la malinconia di ciò che è stato, il rimpianto del passato, un’immagine impallidita, solo accennata, che riemerge a un tratto tra le pagine di un libro sfogliato come una musica confusa.

Informazioni

  • Luogo: BUGNO ART GALLERY
  • Indirizzo: San Marco 1996/d 30124 - Venezia - Veneto
  • Quando: dal 19/09/2014 - al 19/10/2014
  • Vernissage: 19/09/2014 ore 18,30
  • Autori: Bruno Cattani
  • Generi: fotografia, personale

Comunicato stampa

Bugno Art Gallery è lieta di annunciare l’inaugurazione della mostra dedicata alle opere fotografiche di Bruno Cattani, intitolata Memorie. Questa occasione rappresenta il ritorno a Venezia del fotografo dopo la sua partecipazione alla 54a Biennale Internazionale d’Arte che ospitò i suoi lavori all’interno della sezione dedicata alla fotografia curata da Italo Zannier per il Padiglione Italia

Memorie, come testimoniato dalle stesse parole dell’autore, è il frutto di una ricerca fotografica intrapresa già alcuni anni fa: “ […] Questo viaggio è iniziato quasi per caso qualche anno fa, quando il comune di Reggio Emilia mi ha chiesto di leggere e interpretare la mia città e io ho voluto scegliere il tema della memoria legato alla mia città. Col passare del tempo è nato in me il desiderio di ampliare questa ricerca, realizzando immagini evocative con la potenzialità

di comunicare a tutte le persone con un linguaggio universale. Non so ancora spiegarmi bene come si formi in noi la memoria durante il corso dell’esistenza e non sono sicuro che qualcuno un giorno riuscirà a farlo. Ciò che so è che per me la memoria è un’emozione legata a un istante unico, speciale e irripetibile. Fissare nella memoria i ricordi, assimilarli e conservarli in una immaginaria e misteriosa scatola e poi per qualche arcano mistero, o a volte attraverso stimoli inconsapevoli, aprire questa scatola e ridare loro forma. Questa scatola la possiamo definire concettualmente come una Memory Box, complice della quale è la fotografia. Nel momento stesso in cui scattiamo, le consegniamo un frammento della nostra vita.Quante volte ci è capitato di ritornare nei luoghi dove abbiamo trascorso la nostra vita, di ripercorrere le strade e di

fermarci per un attimo ed entrare nei luoghi unicamente con la forza della memoria.
Rivivere la malinconia di ciò che è stato, il rimpianto del passato, un’immagine impallidita, solo accennata, che riemerge a un tratto tra le pagine di un libro sfogliato come una musica confusa. Questo viaggio attraversa i luoghi che formano la nostra memoria, luoghi che da sempre conserviamo dentro di noi, strade, case, stanze, città, a volte oggetti di uso comune vissuti in altro modo. Un cammino attraverso il quale registriamo emozioni che arricchiscono e nutrono la nostra anima, attribuendo a questi luoghi la storia di ognuno di noi. Essi, infatti, possiedono un’anima. Cerco di creare delle immagini che contengano elementi narrativi ed evocativi, andando oltre alla mera documentazione, riportando in vita le emozioni del mio passato. […] “.