Botticelli. Compianto sul Cristo morto

Napoli - 21/06/2019 : 29/09/2019

Dopo il Ritratto d’uomo di Antonello da Messina da Torino, l’Arlecchino con specchio di Pablo Picasso da Madrid, I Musici di Caravaggio da New York e La Scapiliata di Leonardo da Vinci da Parma, alle Gallerie d’Italia di Napoli arriva il Compianto sul Cristo morto di Sandro Botticelli, grazie a un prestito eccezionale del Museo Poldi Pezzoli.

Informazioni

  • Luogo: GALLERIE D'ITALIA - PALAZZO ZEVALLOS STIGLIANO
  • Indirizzo: Via Toledo 185 - Napoli - Campania
  • Quando: dal 21/06/2019 - al 29/09/2019
  • Vernissage: 21/06/2019 dalle 20:00 alle 22:00 (ultimo ingresso alle 21:30) con entrata gratuita.
  • Autori: Sandro Botticelli
  • Curatori: Alessandro Cecchi
  • Generi: arte antica
  • Orari: Dal 22 giugno al 29 settembre 2019. Inaugurazione: venerdì 21 giugno dalle 20:00 alle 22:00 (ultimo ingresso alle 21:30) con entrata gratuita. Apertura straordinaria: giovedì 15 agosto dalle 10:00 alle 20:00 con ingresso gratuito. Orari Da martedì a venerdì dalle 10:00 alle 19:00 (ultimo ingresso alle 18:30). Sabato e domenica dalle 10:00 alle 20:00 (ultimo ingresso alle 19:30). Chiuso il lunedì.
  • Biglietti: Biglietto congiunto valido per la visita alle mostre temporanee e alle collezioni permanenti acquistabile direttamente in biglietteria: – intero: 5,00 € (disponibile anche su TicketOne) – ridotto: 3,00 € – ingresso gratuito per convenzionati, scuole, minori di 18 anni, clienti e dipendenti del Gruppo Intesa Sanpaolo Prenotazione obbligatoria per i gruppi e le scuole. Informazioni Numero verde: 800.454229 Mail: [email protected] Sandro Botticelli (Firenze 1445 circa – 1510), Compianto sul Cristo morto (particolare), 1501-1505 circa, tempera grassa su tavola, 106 × 71 cm. Milano, Museo Poldi Pezzoli. © Opificio delle Pietre Dure e Laboratori di Restauro, Firenze.

Comunicato stampa

Dopo il Ritratto d’uomo di Antonello da Messina da Torino, l’Arlecchino con specchio di Pablo Picasso da Madrid, I Musici di Caravaggio da New York e La Scapiliata di Leonardo da Vinci da Parma, alle Gallerie d’Italia di Napoli arriva il Compianto sul Cristo morto di Sandro Botticelli, grazie a un prestito eccezionale del Museo Poldi Pezzoli



L’arrivo di questo capolavoro da Milano segna la nona edizione della rassegna L’Ospite illustre che propone, nelle sedi espositive di Intesa Sanpaolo dedicate alla promozione dell’arte, della cultura e della bellezza – le Gallerie d’Italia e il 36° piano del grattacielo di Torino –, un’opera di rilievo in prestito temporaneo da prestigiosi musei italiani e stranieri.
Un dipinto di coinvolgente espressività

Il Compianto sul Cristo morto raffigura con straordinaria partecipazione emotiva il momento in cui Gesù, dopo essere stato staccato dalla croce sul Golgota, sta per essere deposto nel sepolcro: il suo corpo esanime è in primo piano, in grembo alla madre che, sopraffatta dal dolore, è svenuta e viene sorretta da san Giovanni Evangelista mentre Maria Maddalena abbraccia con trasporto i piedi piagati. Giuseppe si trova al vertice della composizione piramidale e mostra al cielo i simboli della Passione: la corona di spine e i tre chiodi tolti dalla croce e dal corpo di Cristo.

Databile nei primi anni del Cinquecento, l’opera è stata realizzata durante la tarda attività del Botticelli e venne identificato per la prima volta nel 1568 da Giorgio Vasari su un altare nella chiesa di Santa Maria Maggiore a Firenze. Fu acquistata nel 1879 da Gian Giacomo Poldi Pezzoli, il nobile collezionista fondatore della casa-museo milanese.

Messo a confronto con il Compianto di Botticelli, un’altra opera che affronta il dramma della morte e della sepoltura, conservata nel Museo e Real Bosco di Capodimonte a Napoli: si tratta del Trasporto di Cristo al sepolcro (1508-1510 circa) di Pedro Fernández, che, pur partendo da premesse figurative diverse, tocca nel ritmo agitato delle forme e nella carica patetica dei caratteri un’intensità non distante dai vertici raggiunti del maestro fiorentino.

Prende così vita alle Gallerie d’Italia un inedito confronto fra due importanti opere del Rinascimento, a ulteriore dimostrazione di come la rassegna non prescinda mai dai momenti di riflessione e indagine sull’arte italiana.
Una collaborazione che si rafforza negli anni

Il rapporto tra il Museo Poldi Pezzoli e le Gallerie d’Italia risale a diversi anni fa: dal 2000 la casa-museo milanese ha infatti partecipato a tutte le edizioni del progetto Restituzioni promosso da Intesa Sanpaolo.

In questo decennio degli anni 2000 i due musei hanno anche lavorato braccio a braccio per realizzare due splendide mostre, sfruttando la loro vicinanza fisica e la comune missione:

nel 2013-2014 si è svolta Wunderkammer. Arte, Natura, Meraviglia ieri e oggi, dedicata alle “stanze delle meraviglie” diffuse fra ‘500 e ‘600 a nord e a sud delle Alpi, strettamente legate al collezionismo raffinato e prezioso di Gian Giacomo Poldi Pezzoli;
nel 2018-2019 è stata organizzata Romanticismo, la prima mostra mai realizzata sul contributo italiano al movimento romantico che ha raccolto sotto “due tetti” i dipinti e le sculture di artisti come Francesco Hayez, Giuseppe Molteni, Salvatore Fergola, Lorenzo Bartolini, Pietro Tenerani e Vincenzo Vela.

Il prestigioso ospite che giunge quest’anno nella sede di Palazzo Zevallos Stigliano è l’atto più recente (ma non sarà di certo l’ultimo) di questa collaborazione mirata allo studio, alla conservazione, alla protezione e alla valorizzazione dell’arte e della bellezza.