Bianco-Valente – Nuovi arrivi nuove storie

Pontinia - 18/12/2015 : 07/01/2016

Nell’ambito dei festeggiamenti dell’Ottantesimo Anniversario della Fondazione della città di Pontinia, il MAP Museo Agro Pontino è lieto di annunciare la presentazione dell’installazione site-specific Nuovi arrivi, nuove storie del duo artistico Bianco-Valente a cura di Marianna Frattarelli.

Informazioni

Comunicato stampa

Nell’ambito dei festeggiamenti dell’Ottantesimo Anniversario della Fondazione della città di Pontinia, il MAP Museo Agro Pontino è lieto di annunciare la presentazione dell’installazione site-specific Nuovi arrivi, nuove storie del duo artistico Bianco-Valente a cura di Marianna Frattarelli.
Il titolo Nuovi arrivi, nuove storie allude a una modalità narrativa che ritorna nell’Agro pontino. L’arrivo di gruppi di etnia indiana ci porta indietro negli anni. Le loro storie ricordano da vicino quelle dei vecchi coloni. Il lavoro nei campi, la voglia di riscatto e il desiderio d’integrazione sono tensioni universali e senza tempo

L’installazione di Bianco-Valente si concentra su questa equivalenza e la trasforma in una narrazione.
Nuovi arrivi, nuove storie prevede un'installazione composta di 26 bandiere colorate sopra gli edifici che si affacciano su Piazza Indipendenza. Ciascuna bandiera riporta una frase estrapolata dalle interviste che gli artisti hanno registrato con i vecchi coloni del nord Italia e con i “nuovi coloni” provenienti dall’India. Con questo lavoro, che è il completamento della loro Residenza d’artista di luglio, la coppia Bianco-Valente suggerisce una narrazione corale ed emotiva che si rivela a ogni soffio di vento e che fa da contraltare a quella istituzionale – rappresentata dalla citazione che corre lungo il perimetro alto della Torre del Comune.
Giovanna Bianco (Latronico, 1962) e Pino Valente (Napoli, 1967) vivono a Napoli. La memoria, le immagini oniriche, le relazioni interpersonali e la parola sono i temi ricorrenti della loro ricerca. Spesso declinata sul piano scientifico, la loro opera conserva capacità emozionale e appeal estetico. Durante il loro percorso ventennale, la coppia ha realizzato interventi installativi per MAXXI (Roma), Madre (Napoli), Triennale di Milano, Museo Reina Sofia (Madrid), Kunsthaus (Amburgo), NCCA (Mosca) e progetti speciali in Libano (Becharre), Marocco (Marrakech), New York (The Kitchen-ISP 2014 Whitney Museum).