Beyond

Milano - 10/02/2022 : 20/03/2022

“Beyond” una mostra collettiva, sei artisti che lavorano con tecniche e pulsioni diverse.

Informazioni

  • Luogo: PLAIN GALLERY
  • Indirizzo: Via Aristide De Togni 28 - Milano - Lombardia
  • Quando: dal 10/02/2022 - al 20/03/2022
  • Vernissage: 10/02/2022 ore 11
  • Generi: arte contemporanea, collettiva

Comunicato stampa

BEYOND

Rafaella Braga | Tristan Drobik | Brian Mountford | Max Mucha |

Olamide Ogunade Olisco | Fabian Ramírez

11 Febbraio - 20 Marzo, 2022

OPENING DAY

10 Febbraio, 11 - 18

“L’ impulso a creare inizia— spesso in modo terribile e spaventoso — in un tunnel di silenzio”

Adrienne Rich, poetessa, saggista

Affermato nella sua spettacolare conferenza del 1997, Arts of the Possible




“Beyond” una mostra collettiva, sei artisti che lavorano con tecniche e pulsioni diverse, ma che allo stesso tempo ci permettono di fare una sorta di generalizzazione – un'immagine della verità personale della vita umana – un tentativo di soddisfare “la brama di nuvola di inconsapevolezza oltre la conoscenza e per il silenzio oltre la parola”. Ci sono tecniche per focalizzare l'attenzione, per insegnare la capacità di attenzione... Un tempo il compito dell'artista sembrava essere semplicemente quello di aprire nuove aree e oggetti di attenzione. Tale compito è ancora riconosciuto, ma è diventato problematico. La stessa facoltà dell'attenzione è stata messa in discussione, ed è stata sottoposta a standard più rigorosi…

Rafaella Braga (n. 1998 Goiânia, Brasile) brasiliana ma vive e lavora a Berlino, ha iniziato a tracciare il proprio percorso artistico attraverso i graffiti per poi ritrovarsi nella pittura, esplorandola liberamente e senza alcun preconcetto. Ha sviluppato e concretizzato le sue idee principalmente su tele di grandi dimensioni, che possono occupare intere pareti, rivelando un metodo di lavoro fisicamente intenso. Utilizzando la tela come un diario, la sua pratica ha il corpo come materia prima, indagando il sé delineato dalle sue vulnerabilità e segreti, e ruota attorno all'interazione tra realtà e fantasia, identità e tempo, offrendo un'alternativa onirica alla realtà.

Tristan Drobik (n. 1993 Frankenthal (Pfalz), Germania) artista di base a Düsseldorf, lavora per affrontare domande su luce, spazio, atmosfera e immaginazione/il livello psicologico della visualizzazione delle cose.

Brian Mountford (n. 1994 Liverpool, Regno Unito) il suo lavoro ha una propensione instabile che si traduce in giustapposizioni sorprendenti e interazioni insolite, che spesso si manifestano come anatomie allungate e carne intrecciata come la materia dei cartoni animati - comicamente mascherata da orrore del corpo semi-umano. I dipinti sono multistrato; creazione e soggetto sono costruiti da idee artistiche e credenze sociali sia usa e getta che significative, come la cultura spazzatura degli anni '80, la cripto zoologia, l'orrore, la fantascienza, il soprannaturale e il folklore. La bellezza del mezzo pittorico e di ciò che ha da offrire, unita alla contraddittoria bruttezza dei suoi soggetti, crea un paesaggio pittorico strano e inquieto.

Max Mucha (n. 1995 Monaco di Baviera, Germania) nei suoi dipinti figurativi crea un mondo pittorico complesso. Lo spazio viene modellato e occupato dalle sue figure. La realtà fittizia dello spazio pittorico è resa tangibile attraverso la fisicità delle figure, e le rappresentazioni pittoriche. Il suo lavoro attuale esplora l'identità maschile attraverso l'immaginazione in termini di soggettività e sensibilità. In costante processo di revisione, dense composizioni invitano a un'osservazione silenziosa, quasi contemplativa.

Olamide Ogunade Olisco (n. 1996 Lagos, Nigeria) si focalizza su temi quali: la corruzione africana, l’ autostima, la negligenza, l'avidità, ecc., ma soprattutto sul complesso di inferiorità sofferto dagli africani. “La mia arte tende a far recuperare la società e credo che possiamo rendere grande il nostro continente se ci uniamo”.

Fabian Ramírez (n. 1994 Città del Messico, Messico) il suo lavoro si concentra sulla comprensione dell'Arte come un'azione in cui i preconcetti della realtà potrebbero essere dinamizzati. In questo modo, il suo recente lavoro studia lo spazio come una trattativa che cerca di rifiutare l'idea dell'arte come oggetto estetico, ma come presenza di simboli e Idee che cercano di rivendicare la loro considerazione su questo scenario che chiamiamo “realtà”.