L'evento trae spunto da un elemento architettonico realmente esistente ed ora inutilizzato, per il quale nove artisti sono stati invitati a fornire progetti per il riuso, portando nell'ambito dell'arte pubblica contemporanea un dialogo che negli ultimi anni è stato ampiamente visitato e interpretato da architetti e designer, attraverso sottolineature e restituzioni fondamentali.

Informazioni

Comunicato stampa

BASE è un evento che identifica Milano come luogo ideale per un dialogo maturo sui luoghi della vita pubblica, sulla loro stratificazione storica e sui residui che questa ha prodotto attraverso alterazioni e perdite di significato. Trae spunto da un elemento architettonico realmente esistente ed ora inutilizzato, per il quale nove artisti sono stati invitati a fornire progetti per il riuso, portando nell'ambito dell'arte pubblica contemporanea un dialogo che negli ultimi anni è stato ampiamente visitato e interpretato da architetti e designer, attraverso sottolineature e restituzioni fondamentali



Incorniciato da un'apertura laterale dell'arco di Porta Garibaldi, si trova un piedistallo in marmo di due colori, dalla tipica linea aerodinamica degli anni '30, che appare svuotato di ciò che era chiamato a sostenere, per via forse di un furto, o perché diventato politicamente scomodo o obsoleto. Nella sua presenza residuale, e quasi invisibile, il basamento diventa metafora di tanti elementi che nello spazio della città si sovrappongono, creando una stratificazione eterogenea che per lo sguardo più curioso diventa un sottobosco di simboli affioranti.

L'evento BASE sarà ospitato sabato 31 gennaio e domenica 1 febbraio 2015 presso La Stecca a Milano, ed è promosso da Città Ideale, associazione che ha tra i suoi obbiettivi quello di individuare e proporre nuove modalità di approccio all'operare artistico, definendo la funzione dell'opera d'arte nel contesto contemporaneo e il ruolo dell'artista nella società.