B di Beauté. Baudelaire, Boldini, Bellandi

Bologna - 16/09/2021 : 08/01/2022

La mostra, dal titolo B di Beauté. Baudelaire, Boldini, Bellandi con testo critico di Alice Ensabella, nasce dal concetto di modernità che Charles Baudelaire esprime nel suo testo del 1863

Informazioni

  • Luogo: CUBO - CENTRO UNIPOL
  • Indirizzo: Piazza Sergio Vieira de Mello, 3‎ 40128 - Bologna - Emilia-Romagna
  • Quando: dal 16/09/2021 - al 08/01/2022
  • Vernissage: 16/09/2021
  • Generi: arte moderna

Comunicato stampa

La mostra, dal titolo B di Beauté. Baudelaire, Boldini, Bellandi con testo critico di Alice Ensabella, nasce dal concetto di modernità che Charles Baudelaire esprime nel suo testo del 1863, Le peintre de la vie moderne e che ha suggerito un azzardato e insolito dialogo tra due artisti, Luca Bellandi e Giovanni Boldini, così lontani cronologicamente. “La modernità è il transitorio, il fuggitivo, il contingente, la metà dell’arte, la cui altra metà è l’eterno e l’immutabile”

La pennellata rapida, che Baudelaire definisce “[…] un fuoco, un’ebrezza di matita, di pennello, che somiglia quasi ad un furore, […] la paura di non essere abbastanza veloci, di lasciarsi scappare il fantasma prima che la sintesi ne sia estratta e colta”, è certamente la cifra stilistica che ad un primo sguardo permette di associare l’opera di Bellandi a quella di Boldini e ha permesso a noi, come museo d’impresa, un’efficace mostra con opere del Patrimonio sui temi della modernità e della bellezza che fosse anche un omaggio al raffinato pensiero di Charles Baudelaire in occasione dei 200 anni dalla sua nascita.



Didascalie:

Giovanni Boldini, Ritratto di Lady Nanne Schrader, nata Wiborg, 1903, olio su tela. Courtesy Bottegantica Milano.

Luca Bellandi, Slow I’m Juggler, 2008, tecnica mista su tela. Patrimonio artistico Gruppo Unipol.