Aurelio Alessandro Guerrini

Milano - 02/02/2012 : 14/02/2012

L’arte per Aurelio Alessandro Guerrini: Per me è tutto e non è niente. Per me è tutta la mia vita, fatta di sacrifici e delusioni, di grandi gioie e soddisfazioni, ma anche di incertezze e speranze deluse. Per me è ieri, oggi e domani. E’ la felicità di un attimo che in una mia opera vivrà eternamente. E’ la sconfitta di un giorno che farà compagnia alla gloria di un futuro.

Informazioni

  • Luogo: SASSETTI CULTURA
  • Indirizzo: Via Volturno 35 - Milano - Lombardia
  • Quando: dal 02/02/2012 - al 14/02/2012
  • Vernissage: 02/02/2012 ore 18
  • Autori: Aurelio Alessandro Guerrini
  • Generi: arte contemporanea, personale
  • Orari: tutti i giorni 16-19

Comunicato stampa

L’arte per Aurelio Alessandro Guerrini:
Per me è tutto e non è niente. Per me è tutta la mia vita, fatta di sacrifici e delusioni, di grandi gioie e soddisfazioni, ma anche di incertezze e speranze deluse. Per me è ieri, oggi e domani. E’ la felicità di un attimo che in una mia opera vivrà eternamente. E’ la sconfitta di un giorno che farà compagnia alla gloria di un futuro.
E poi non è niente, perché ci sono momenti in cui mi sembra (se pur errando) di non avere nulla



L’arte è la mia migliore amica e il mio antagonista, il mio peggior nemico. Mi scontro con lei ogni volta che faccio un’esposizione, con lei e con la società; ma poi nell’intimità del mio operato, mi incontro con lei come se fosse la mia amante. Di nascosto, trepidante, timido ed allo stesso tempo esigente. Mi confido, le apro il mio cuore, la odio perché mi ha fatto soffrire. Sostanzialmente, è unica ed indispensabile, è la mia sigaretta. Non ne potrei mai fare a meno…
Lei è fedele solo a me e questa è una certezza che non ha confini.

Io con la mia arte respiro, è il mio ossigeno. Ho scelto lei per dire al mondo chi sono e perché lo sono, chi non sono stato e non vorrei mai essere. Vorrei un mondo pulito dove l’arte di ognuno potrebbe vivere nell’amore di tutti. Vorrei essere in ogni casa per fare compagnia con le mie opere e per aiutare, consigliare e confutare tutto quello che vi è dentro.

La mia arte è anche narcisismo. Ogni artista è un po’ narciso perché consapevole della sua diversità a dispetto di tutto e di tutti. Vorrei essere capito, condiviso, ammirato, ma allo stesso tempo sono geloso, timoroso di rivelarmi senza scudi alcuni. Il mio mondo interno è pieno di contraddizioni e solo nell’arte ritrovo la logica e la filosofia della mia vita, che mi aiuta e mi sostiene in ogni istante di dubbio. E’ un’ancora che vorrei appartenesse ad uno yacht, e invece spesso mi ritrovo a remare su una zattera… (quanto non vado a nuoto!)…