Asta d’arte per il popolo ucraino

Informazioni Evento

Luogo
EXANTE
Via Nicola Fabrizi 7, 98123 , Messina, Italia
Date
Il
Vernissage
21/03/2022

ore 11

Generi
asta
Loading…

SALVIAMOLI CON L’ARTE: L’ASTA D’ARTE DI
BENEFICENZA PER AIUTARE IL POPOLO UCRAINO.

Comunicato stampa

La conta di morti e feriti è in continuo aggiornamento. Il “rumore della guerra” si sente in
tutto il mondo. Tutti vorrebbero trovare una soluzione che porti al “cessate il fuoco”;
ognuno con le proprie “armi”. Come gli artisti, che con colori e pennelli vogliono dare
forma alla voce e al pensiero. Attraverso la cultura, affermano la necessità di risolvere ogni
conflitto, in nome dei valori di civiltà e libertà.
È perciò che la galleria d’arte Messinese “Exante Galleria”, insieme all’aiuto dell’artista
LBS (Bruno Salvatore Latella), visto il momento storico e la situazione geopolitica, hanno
deciso, di organizzare giorno 20 marzo, alle ore 11:00, un’asta d’arte di beneficenza, grazie
soprattutto all’appoggio della Croce Rossa Italiana e all’iniziativa social #PUTINPEACE,
il quale intero importo ricavato verrà donato alla Croce Rossa Italiana per gli aiuti
umanitari al popolo ucraino.
All’asta si vedrà la partecipazione di artisti affermati, quali Alex Caminiti, Glauco, Natino
Chirico, LBS, Pietro Mantilla, Nunzio Pino, ed altri ancora, ed emergenti, provenienti dalle
due città dello stretto, Reggio Calabria e Messina, che con una o più delle loro opere, hanno
deciso di mettersi in prima linea per aiutare e condannare questo atto disumano, quale è la
guerra, che sta soltanto mietendo donne, uomini e bambini ucraini.
“Quando i ricchi si fanno la guerra tra loro, sono i poveri a morire.” - Jean-Paul Sartre -
Di seguito i nomi degli artisti partecipanti:
Alex Caminiti (GAS collettivo indipendente), LBS, Glauco, Natino Chirico, Priscilla, P.
Mantilla, N. Pino, N. Mancuso, Lola, M. Tuccia, A. Samiani, L. Malaspina, Alphatelescopii
(aka D. Mircuda), P. Anna, V. Macadino, Nunzio Enrico Bonina, C. Piccini, G. Telli, J.
Iannì, D. Pellicanò, M. D’Ascola, R. Grande.