Asta Arte Moderna e Contemporanea. Da Balla a Dorazio, passando per Hockney

Milano - 10/06/2019 : 10/06/2019

Asta Arte Moderna e Contemporanea

Informazioni

  • Luogo: ITINERIS CASA D’ASTE
  • Indirizzo: Via Vivaio, 24 - Milano - Lombardia
  • Quando: dal 10/06/2019 - al 10/06/2019
  • Vernissage: 10/06/2019 ore 15
  • Generi: asta

Comunicato stampa

ASTA ARTE MODERNA E CONTEMPORANEA
Da Balla a Dorazio, passando per Hockney

Lunedì 10 giugno 2019

Orari:
Ore 15:00 - Prima Sessione - dal lotto 1 al lotto 130
Ore 17:30 - Seconda Sessione - dal lotto 131 al lotto 294
Esposizione: da mercoledì 5 giugno a domenica 9 giugno - ore 10:00 - 19:00

ITINERIS CASA D’ASTE
Via Vivaio, 24 | Milano
Tel: 02 49501546 | Fax: 02 49462505

È possibile partecipare anche on line in diretta streaming audio e video tramite ArsValue

com
registrandosi all’asta, cliccando il bottone blu a questo link
Per inviare offerte prima dell’asta, cliccare qui

Il prossimo lunedì 10 giugno la casa d’aste Itineris di Milano presenterà circa 300 lotti di Arte Contemporanea suddivisi in due sessioni pomeridiane, alle ore 15:00 ed alle 17:30. Le due sessioni sono accomunate dalla medesima attenzione dedicata all’accurata selezione delle opere proposte, che spaziano dalla grafica internazionale, dove spiccano i nomi di Twombly, Rauschemberg, alle opere di artisti rappresentativi della scena contemporanea.

La seconda sessione, offre un’esaustiva panoramica degli sviluppi e delle contaminazioni che contraddistinguono le scelte stilistiche delle principali correnti artistiche europee e statunitensi. Dal tormentato rapporto tra figurazione ed avanguardia del primo Novecento, ben rappresentati dall’opera di Kirchner, ‘Atelierszene’ del 1908, piuttosto che dagli ‘Studi’ di Fernand Léger, dallo splendido ritratto di Balla del 1922 o dalla ‘Scomposizione di chitarra’ realizzata da Giulio D’Anna negli anni ’30, sino alle astrazioni compositive di Scarpitta, Carol Rama o gli ‘Oggetti scompagnati’ presentati da Pirandello alla Biennale del 1962.

Le relazioni tra visioni solo geograficamente distanti, sono rese possibili dal confronto tra opere come ‘Small Californian Forest’ del 1965 di David Hockney e l’imponente tela ‘Match’ di Piero Dorazio del 1968, o lo storico ‘Pavimento’ del 1963 di Tano Festa. Paragoni forse azzardati ma accomunati da una dominante concettuale, che consentono di valutare relazioni possibili, ad esempio, tra ‘Around the End of a Beam’ di Robert Morris e l’opera di Calzolari, entrambe del 1973.