Asta 117

Roma - 12/11/2015 : 12/11/2015

Si apre a Roma la stagione autunnale della Casa d’Aste Minerva Auctions con l’asta di Arte Moderna e Contemporanea.

Informazioni

  • Luogo: MINERVA AUCTION - PALAZZO ODESCALCHI
  • Indirizzo: Piazza SS. Apostoli, 80 00187 - Roma - Lazio
  • Quando: dal 12/11/2015 - al 12/11/2015
  • Vernissage: 12/11/2015 ore 11 e 16
  • Generi: asta

Comunicato stampa

Arte Moderna e Contemporanea
ASTA 117 – 12 novembre 2015


Si apre a Roma il 12 Novembre la stagione autunnale della Casa d’Aste Minerva Auctions con l’asta di Arte Moderna e Contemporanea.

Sulla scia del successo ottenuto lo scorso Aprile, presenterà una strepitosa tela di Piero Dorazio, Sub Gratia, 1969, olio su tela, cm 175 x 265 stimato € 140/180mila e una numerosa raccolta di opere di Maria Lai che documentano con estrema dovizia la peculiare creatività dell’ artista, dall’ abito premaman realizzato nel 1977, alla grande tela intitolata Il Diario di Renato, del 2007



Con immenso onore, la casa d’aste romana annuncia l’affidamento dei beni appartenuti al Premio Nobel Rita Levi Montalcini, di cui due dipinti di Felice Casorati provenienti direttamente dallo studio del Maestro del quale Paola Levi Montalcini, sorella gemella di Rita, era stata allieva, e una scultura di Arnaldo Pomodoro con cui Rita Levi Montalcini era stata insignita del Premio Immagine Italia.

Di particolare rilievo le opere di Giacomo Balla presenti in asta, da alcune significative opere su carta come lo Sventolamento e gli Aerei Caproni a due piccole ma luminosissime vedute di Monte Mario, eseguite negli anni in cui dipinge il celebre La città che avanza.

Di grande impatto e notevole attualità il tavolo di Mario Ceroli, Labirinto, cm 200 x 200 x 35, stimato € 40/50mila, realizzato su commissione nel 1970.
Importante per epoca e dimensione la scultura in terracotta di Leoncillo, Tralcio d’autunno, 1957, valutata € 20/30mila
Fra le opere su carta si segnalano un raro e raffinatissimo disegno di Adolfo Wildt del 1917, due opere giovanili di Gino de Dominicis, una composizione di Achille Perilli ed una superficie di Giuseppe Capogrossi del 1970.

Per gli amanti del nostro Novecento, segnaliamo un dipinto di Massimo Campigli, Idolo bianco, 1961, olio su tela, cm 89 x 57 stimato € 50/70mila; una bella veduta di Via Margutta di Filippo de Pisis, 1947 e due dipinti di Fausto Pirandello raffiguranti Bagnanti, soggetto tra i preferiti dell’Artista.

Infine, segnaliamo un raro dipinto del 1934 di Enrico Prampolini esposto alla Seconda Quadriennale di Roma e conservato in una importante Collezione privata.

Fra le curiosità, il dipinto di Giuliano Geleng Amarcord, utilizzato per il manifesto del film.