Arturo Ghergo – Fotografie 1930-1959

Roma - 02/04/2012 : 08/07/2012

Gli oltre 250 scatti di uno dei pionieri della fotografia di moda in Italia ritraggono stelle del cinema, personaggi di spicco dell'alta borghesia e discendenti di nobili casati che cercarono nel famoso 'tocco Ghergo' la chiave glamour attraverso la quale lasciarsi immortalare, in un'epoca in cui le fotografie di moda tardavano nel nostro Paese a trovare la risposta di riviste specializzate.

Informazioni

  • Luogo: PALAZZO DELLE ESPOSIZIONI
  • Indirizzo: Via Nazionale 194 - Roma - Lazio
  • Quando: dal 02/04/2012 - al 08/07/2012
  • Vernissage: 02/04/2012 ore 12 per la stampa
  • Autori: Arturo Ghergo
  • Curatori: Claudio Domini, Cristina Ghergo
  • Generi: fotografia, personale
  • Orari: da domenica a giovedì: dalle 10.00 alle 20.00; venerdì e sabato: dalle 10.00 alle 22.30; dal 7 maggio chiuso il lunedì
  • Biglietti: intero € 12,50; ridotto € 10,00. Permette di visitare tutte le mostre in corso al Palazzo delle Esposizioni.
  • Uffici stampa: PALAEXPO

Comunicato stampa

Dal 3 aprile all’8 luglio 2012 il Palazzo delle Esposizioni presenta “Arturo Ghergo. Fotografie 1930-1959”, oltre 250 scatti del fotografo che più di ogni altro in Italia riuscì ad immortalare la bellezza e l’eleganza dell’alta società degli anni ’30, ’40 e ’50



Stelle del cinema, personaggi di spicco dell’alta borghesia, discendenti di nobili casati, furono innumerevoli le celebrità che, in posa davanti al suo obiettivo, cercarono nel famoso “tocco Ghergo” la chiave glamour attraverso la quale lasciarsi ritrarre, in un’epoca in cui le fotografie di moda che incantavano il pubblico dalle pagine di Vogue o Harper’s Bazaar tardavano invece nel nostro Paese a trovare la risposta di riviste specializzate.

Nonostante l’assenza di veicoli editoriali di settore, Ghergo è stato un pioniere della fotografia di moda in Italia. Le sue modelle porteranno i nomi altisonanti del “gran mondo”, saranno una giovanissima Marella Caracciolo, Consuelo Crespi, Mary Colonna, Josè del Drago, che si prestavano ad indossare come testimonial le creazioni esclusive delle nascenti case di moda (Fontana, Gabriella Sport, Galitzine, Simonetta, Carosa, Gattinoni).

Cultore della perfezione e professionista dal gusto impeccabile, Ghergo (1901-1959) inventò un suo stile fatto di sofisticata classicità, costruito attentamente senza timore delle sperimentazioni, attraverso tagli diagonali, dissonanze spiazzanti, illuminazioni ricercate e il ricorso a veri e propri ritocchi, effettuati raschiando dal negativo le ridondanze dell’immagine catturata e ridisegnandone poi i contorni a pennello.

Isa Miranda, Alida Valli, Mariella Lotti, Francesca Ferrara Pignatelli di Strongoli, Massimo Girotti, il duca Marco Visconti, i fratelli Bulgari, Leonor Fini, Alcide De Gasperi, Gabriella di Robilant, Domitilla Ruspoli, Giulio Andreotti, Sophia Loren, Silvana Pampanini, Gina Lollobrigida, Silvana Mangano, Vittorio Gassman sono solo alcuni dei nomi del ricchissimo archivio del fotografo marchigiano, trasferitosi a Roma ventottenne per aprire il celebre studio di via Condotti, dove realizzò la maggior parte dei suoi lavori.

Peculiarità della rassegna è, infine, lo spazio riservato a una forma espressiva sicuramente meno studiata e conosciuta del maestro maceratese: quella del Ghergo pittore che, soprattutto negli anni ’50, influenzato in particolar modo dal cubismo picassiano e dall’esperienza futurista e cinematografica, coniugò la ricerca istintiva per l’inquadratura, propria del suo mestiere, con l’esaltazione di un allestimento visivo di più ampia regia, tipico della pittura.

Con oltre 250 fotografie (integrate da otto dipinti), la mostra restituisce il percorso di un artista che, con l’umiltà di un antesignano e il gusto di un esteta, contribuì a dare testimonianza del gusto di un mondo, e dei suoi protagonisti, in un’epoca di radicali trasformazioni, come fu quella tra il fascismo e la Dolce Vita.