Arte-vita a Roma negli anni ’60 e ’70

Roma - 17/06/2016 : 17/06/2016

Presentazione del libro.

Informazioni

Comunicato stampa

Venerdì 17 giugno, ore 19.00

Libreria Fahrenheit 451 – Campo de' fiori n. 44, Roma

presentazione del libro

“ARTE-VITA A ROMA NEGLI ANNI ’60 E ‘70 - LA PITTURESSA” (De Luca Editori)

di ANNA PAPARATTI
a cura di Guglielmo Gigliotti


interverranno:
l'autrice e il curatore del libro

Autopresentazione


“Da sempre ho letto biografie e autobiografie (soprattutto di donne) - per vedere come se la sono cavata nella vita le altre - artiste - scrittrici - esploratrici - danzatrici - antropologhe - mogli - compagne - muse di artisti famosi - persone non comuni - nel bene e nel male - ho sempre preferito donne che hanno vissuto vite complicate - con vari amori - vari umori - vari conflitti - inoltre il classico schema: nascita vita morte - mi ha sempre lasciato l'amaro in bocca - ho così scelto di raccontare le persone che ho conosciuto - con i loro nomi - nel rapporto con me - a salti temporali - per sorprendere e magari sconcertare di più - così - con "arte-vita" (la pitturessa) ho deciso di presentare - ricordare - rappresentare la mia vita - ora mi sento più leggera - ci sono - esisto –“
Anna Paparatti

Con stile immediato, accattivante, Anna Paparatti, artista ed ex compagna di Fabio Sargentini, racconta, da osservatrice privilegiata, ciò che ancora non sappiamo dei «magnifici anni ’60», ovvero gli angoli in ombra, il quotidiano, gli aneddoti inediti, le fragilità dei protagonisti, la verità della vita vissuta nel cuore di una grande avventura culturale: Roma al tempo delle avanguardie.
Il flusso verbale dell’autrice culla il lettore in una contro-storia dell’arte, perché storia fatta di piccole storie e di affondi nell’umanità dei protagonisti, raccontati in brevi medaglioni, scolpiti con mano ferma nella cera: da Kounellis a Schifano, a Twombly, Angeli, Festa, LeWitt, Fioroni, De Dominicis, Ontani, Mambor, Tacchi, Cintoli, ma pure Calder, Scialoja, Bonito Oliva e numerosi altri.
Il suo operato avviene spesso nell’ombra, ma un’ombra preziosa e feconda.