Arte Natura Poesia. Interventi a Morterone 2012

Morterone - 07/07/2012 : 07/07/2012

L’iniziativa Arte Natura Poesia. Interventi a Morterone è nata da una concezione dell’operare artistico come azione di conoscenza e non come alterità operativa prevaricante. Da anni, grazie a un progetto di Epicarmo Invernizzi, vengono installate in modo permanente opere di artisti che hanno conosciuto e apprezzato questo piccolo luogo.

Informazioni

Comunicato stampa

Il Comune di Morterone e l’Associazione Culturale Amici di Morterone inaugurano sabato 7 luglio
2012 a partire dalle ore 18 la mostra Arte Natura Poesia. Interventi a Morterone 2012.
La serata si aprirà alle ore 18 con l’inaugurazione della mostra Alan Charlton. Grey Paintings nella
Sala municipale cui seguirà alle ore 19 la presentazione dell’opera di Nicola Carrino Ricostruttivo
2010. Progetto paesaggio Morterone, 2010-2012 e dell’intervento di Niele Toroni Impronte di
pennello n.50 a intervalli regolari di 30 cm, realizzato per l’occasione


Alle ore 21 verrà presentata La porte s’envole, opera di François Morellet e contemporaneamente
saranno proiettati quattro interventi luminosi di Michel Verjux, dal titolo Nocturne à Morterone.
Alan Charlton presenta, in occasione di questa mostra, sei monocromi grigi su tela di 121,5x121,5 cm, che
instaurano un dialogo tra loro e allo stesso tempo si rivolgono allo spazio circostante che diviene
elemento essenziale per ripercorrere il “fare” creativo dell’artista inglese.
Nicola Carrino ha installato nello spazio antistante alla facciata di un edificio, rivolta verso la vallata,
l’opera Ricostruttivo 2010. Progetto paesaggio Morterone, 2010-2012 costituita da nove moduli,
ognuno di 300x75x75 cm, sei in acciaio inox molato e tre in acciaio corten. Il progetto prevede lo
sviluppo di una composizione unitaria su un reticolo modulare per far sì che l’opera riesca a
rapportarsi in modo dialettico con la dimensione architettonica della casa e la vastità atemporale del
paesaggio della vallata stessa.
Niele Toroni ha realizzato l’intervento Impronte di pennello n.50 a intervalli regolari di 30 cm: le
impronte, secondo una metodologia praticata dall’artista a partire dal 1967, si mostrano come
forme geometriche mai identiche a se stesse, sempre diverse e volutamente impersonali.
François Morellet è intervenuto direttamente sulla facciata della casa dove ha realizzato
l’opera La porte s’envole di 261x138 cm, composta da due elementi al neon blu posizionati su
una delle porte decentrandone il perimetro, spostandone la sagoma rettangolare in una posizione
obliqua e descrivendone un movimento verso l’alto.
Michel Verjux ha progettato l’opera Nocturne à Morterone che prevede un intervento di quattro
proiezioni luminose sulle facciate di altrettanti edifici dislocati nella vallata in modo che, da un
medesimo punto d’osservazione, si possa coglierle tutte con lo sguardo “dentro l’immenso cielo
notturno”.
COMUNE DI MORTERONE
ASSOCIAZIONE CULTURALE AMICI DI MORTERONE
L’iniziativa Arte Natura Poesia. Interventi a Morterone è nata da una concezione dell’operare
artistico come azione di conoscenza e non come alterità operativa prevaricante; in questo è
fortemente legata al mondo della Natura Naturans, concezione poetico-filosofica originata proprio a
Morterone - conca incontaminata situata ai piedi del Resegone, sul versante opposto a Lecco - e da
numerosi anni al centro delle riflessioni di Carlo Invernizzi.
L’idea di presentare mostre d’arte contemporanea a Morterone è nata a metà degli anni Ottanta da
un’idea di Epicarmo e Sostene Invernizzi che, con alcuni amici, vogliono far rivivere la comunità
morteronese sulle proprie radici anche creativamente, abbellendone il territorio con opere d’arte per
renderlo, nel rispetto della sua incontaminatezza, un autentico segnale poetico.
La mostra Arte Natura Poesia. Interventi a Morterone 2012 si collega idealmente e concretamente
a quelle realizzate a Morterone nel 1988, nel 2006 e nel 2010 in cui furono presentate, tra le
altre, opere installate all’aperto (tuttora presenti) di Gianni Asdrubali, Francesco Candeloro, Carlo
Ciussi, Lucilla Catania, Gianni Colombo, Igino Legnaghi, Pino Pinelli, Bruno Querci, Ulrich
Rückriem, Nelio Sonego, Mauro Staccioli, David Tremlett, Grazia Varisco, Rudi Wach, e nella sala
espositiva del Palazzo municipale opere di artisti italiani e stranieri che hanno sempre frequentato e
amato il territorio e la comunità morteronese tra cui Rodolfo Aricò, Dadamaino, Riccardo De
Marchi, Lesley Foxcroft, Mario Nigro, Günter Umberg, Elisabeth Vary.
“Opere d’arte all’aperto - come ha scritto Francesca Pola - immerse nella natura, sulle pareti degli
edifici, disseminate tra le case del paese. Nell’esperire la realtà di Morterone è necessario tenere
presente alcune caratteristiche che ne definiscono la specificità, anche e soprattutto nell’ambito del
progetto pluriennale di costituire in questa cornice naturalistica e antropica una realtà permanente di
dialogo epistemologico tra arte, poesia e natura”.