Arte e cultura materiale in Occidente

Bologna - 30/11/2011 : 30/11/2011

Renato Barilli presenta Arte e cultura materiale in Occidente. Dall’arcaismo greco alle avanguardie storiche.

Informazioni

Comunicato stampa

Intervengono Daniele Benati e Franco Farinelli

La nozione di cultura materiale, con cui si intendono le modalità adottate nelle varie epoche per produrre le merci e per farle circolare assieme alle persone, è ormai irrinunciabile anche per comprendere pienamente i prodotti altoculturali, quali le arti visive. Renato Barilli la mette sapientemente a frutto in un saggio che unisce originalità di impostazione e piacevolezza di lettura


Ai due estremi del sorprendente itinerario si trovano l’arcaismo greco, con le sue stilizzazioni geometrizzanti prodotte da una civiltà di tipo nomadico, e l’astrattismo del primo Novecento, che si faticherebbe a immaginare senza il raddrizzamento delle infrastrutture, la linearità delle strade, i voli aerei. Ma tutte le grandi epoche storico-artistiche guadagnano a essere considerate in relazione agli aspetti materiali. Il mimetismo, fenomeno quasi solo occidentale, è il corrispettivo di uno spirito di conquista e di dominio che necessita di mappe sempre più accurate, in cui trova applicazione la nuova concezione prospettica. Un viaggio che coincide con la storia della nostra civiltà, raccontata da uno storico dell’arte abituato a guardare anche fuori dalla propria disciplina, là dove le forme visive trovano ampi riscontri. (http://www.bollatiboringhieri.it/)

RENATO BARILLI, nato nel 1935, ha svolto una lunga carriera presso l’Università di Bologna, insegnando Fenomenologia degli stili al corso DAMS. I suoi interessi, muovendo dall’estetica, sono andati sia alla critica letteraria che alla critica d’arte. È autore di numerosi libri tra cui: Scienza della cultura e fenomenologia degli stili (1982, nuova ed. 2007), Dal Boccaccio al Verga. La narrativa italiana in età moderna (2003), Prima e dopo il 2000. La ricerca artistica 1970-2005 (2006), La narrativa europea in età moderna. Da Defoe a Tolstoj (2010), Autoritratto a stampa (2010). Presso Bollati Boringhieri ha pubblicato Storia dell’arte contemporanea in Italia. Da Canova alle ultime tendenze (2007). È stato organizzatore di molte mostre sull’arte italiana dell’Ottocento e del Novecento. Collabora all’«Unità» e a «Tuttolibri», supplemento culturale della «Stampa».