Arte al Centro 2012

Biella - 05/10/2012 : 30/12/2012

Cittadellarte presenta modi e metodi della trasformazione sociale responsabile a cui dal 1998 dedica la sua principale attività espositiva. Negli spazi di Cittadellarte inaugurano: 'A Life in Common' a cura di Ana Dzokic, Marc Neelen e Juan Esteban Sandoval; 'Memory and place disclosed' a cura di Lucrezia Cippitelli con gli artisti residenti di Unidee; 'ARTInRETI' a cura di Cecilia Guida, Juan Esteban Sandoval e Paolo Naldini con una rete di pratiche, azioni e ricerche artistiche condotte da realta' istituzionali e indipendenti piemontesi; 'Ri-partire dalla paglia' e' un convegno e una mostra di Bioarchitettura.

Informazioni

Comunicato stampa

ArtealCentro
di una trasformazione sociale responsabile 2012


INAUGURAZIONE 5 ottobre 2012

incontri a partire dalle ore 14:00
inaugurazione mostre ore 18:00




Cittadellarte presenta modi e metodi della trasformazione sociale responsabile a cui dal 1998 dedica la sua principale attività espositiva.

Un artista crea un'impresa immobiliare che costruisce e vende case a prezzi accessibili favorendo l'integrazione di famiglie provenienti da slums in aree abitative per comunità creative (Row Houses Community Development Corporation, Houston, USA)


Un gruppo di artisti, scrittori, fotografi, registi, accompagna per 9 anni un villaggio di pescatori in un percorso di cittadinanza attiva che li attiva nel difendere la propria sopravvivenza e dignità (Gudran El-Max, Alexandria, Egypt).
Un collettivo di writers, architetti, fotografi, comunicatori, prende possesso di alcuni edifici abbandonati nel cuore di un'area urbana di 1 milione di metri quadrati su cui è prevista un'operazione immobiliare che cambierà una parte importante della città e attiva un processo di attenzione e discussione urbanistica dal basso (Urbe-Rigenerazione Urbana, Torino).

Sono solo tre esempi dei molti progetti riuniti dalla XV edizione di Arte al Centro di una Trasformazione Sociale Responsabile che inaugura contemporaneamente a Biella e a Graz (Austria) presso l'iconico edificio della Kunsthaus. (http://www.museum-joanneum.at/en/kunsthaus/exhibitions/cittadellarte).

Cittadellarte è sempre più un organismo ramificato le cui collaborazioni si articolano in modo strutturato, dalla Colombia al sud del Mediterraneo, dall'Europa agli Stati Uniti, dando forma e continuità nel mondo a quei cantieri di ri-evoluzione urbana che da sempre realizza e che sono sfociati esplicitamente nell'opera collettiva realizzata alla II Biennale di Arte Urbana di Bordeaux nel 2011.

Inaugurano il 5 ottobre anche una serie di progetti realizzati dagli artisti del programma UNIDEE (perfomances ed eventi che coinvolgono varie associazioni del tessuto civile, laboratori nelle panetterie, video, interviste, racconti, opere sonore, azioni meditativo-esplorative e molte altre forme che l'arte assume manifestandosi nelle comunità etniche, nella natura, nelle associazioni e nelle istituzioni), l'attivazione della collezione del FRAC (primo Fondo regionale per l'arte contemporanea italiano, istituito dalla Regione Piemonte nel 2007 e gestito dal 2011 da Cittadellarte) in laboratori artistici e didattici a Biella e in altre sedi, una mostra, ArtinReti, che diventa tavolo di incontro e lavoro permanente per diverse realtà piemontesi attive nella trasformazione delle città (e dei territori in genere) attraverso l'arte.

Per la XV edizione di Arte al Centro di una Trasformazione Sociale Responsabile, che intende quest'anno approfondire la ricerca intrapresa sul rapporto tra arte e trasformazione urbana, Cittadellarte - Fondazione Pistoletto inaugura nei propri spazi espositivi:

Museo del Presente
A Life in Common
art&culture changing key aspects of urban life

Mostra a cura di Ana Džokić and Marc Neelen (STEALTH.unlimited) and Juan Esteban Sandoval (Cittadellarte)
dal 5 ottobre 2012 al 30 Dicembre 2012

La mostra A Life in Common prende in considerazione sette aspetti chiave della vita urbana ed esamina alcuni degli straordinari, audaci e, talvolta semplicemente provocatori, interventi in cui l’arte e la cultura possono ridefinire la nostra città, nei termini di come viviamo (alloggi), come produciamo (economia), le risorse che abbiamo a disposizione (cibo, corrente, acqua...), la nuova civitas (cittadini, immigrazione) e la politica della città (il processo decisionale collettivo).

Partecipanti: Van Abbemuseum (Eindhoven), Pravo na Grad and mi2 (Zagreb), Stroom Den Haag (The Hague), Macao (Milan), Row Houses Community Development Corporation (Houston), Atelier d'Architecture Autogérée (Paris), Smári McCarthy and Citizens Foundation (Reykjavik)

Galleria – Museo del Presente
Collezione FRAC Piemonte – Fondo regionale Arte Contemporanea
Memory and place disclosed

Mostra a cura di Lucrezia Cippitelli
(dal 5 ottobre 2012 al 30 Dicembre 2012)

Decostruendo il consueto approccio curatoriale, la mostra del FRAC e' stata costruita come conseguenza di questo esercizio collettivo di discussione ed interpretazione. Gli artisti residenti di UNIDEE hanno partecipato attivamente a questo processo, attraverso una serie di incontri e tavole rotonde. Dopo lunga analisi, il collettivo ha selezionato alcune opere, usando come chiave di lettura il proprio esercizio creativo e la ricerca di un'apertura verso il contesto sociale. I lavori selezionati possono essere connessi dal tema “Memory and place disclosed”, dove le memorie e gli spazi sono frammenti di storie e di Storia.
Artisti: Lara Amarcegui, Tobias Buche, Duncan Campbell, Sam Durant, Jimmie Durham, Robert Kusmirowski, Lisa Oppenheim, Reena Spauling (FRAC).
Ayman Alazraq, Lindsay Benedict, Angela Henderson, Dina Karaman, Karl Logge and Marta Romani, Alecia Neo, Meghna Singh (UNIDEE).
frac-lab: Ayman Alazraq, Lindsay Benedict, Angela Henderson, Dina Karaman, Karl Logge, Hektor Mamet, Alecia Neo, Marta Romani, Zaman Shah, Meghna Singh.
Museo del Presente
ARTInRETI
Pratiche artistiche e trasformazione urbana in Piemonte
Ricerca a cura di Cecilia Guida, coordinamento e concept di Juan Esteban Sandoval e Paolo Naldini
(dal 5 ottobre 2012 al 30 Dicembre 2012)

L’intento della mostra è di presentare una rete di pratiche, azioni e ricerche artistiche sviluppate da realtà istituzionali e indipendenti operanti nel Piemonte, regione che da vari anni è particolarmente interessata al tema dell’arte nel contesto sociale. Nella loro eterogeneità, i progetti in mostra indicano sia l’interdisciplinarietà del fare artistico nella città sia il richiamo a strumenti, metodi e obiettivi condivisi, ponendo, di conseguenza, una serie di quesiti fondamentali che riguardano il senso stesso dell’arte e la sua funzione sociale oggi. Come, ad esempio, quello della responsabilità dell’artista spinto dalla propria ricerca o invitato a lavorare negli spazi pubblici della città; quello dei modi per sintonizzarsi con i bisogni e le abitudini di una comunità affinché questa possa partecipare all’intervento artistico; quello della relazione dialettica o polemica con le amministrazioni pubbliche; quello del ruolo dell’arte nell’attuale crisi della gestione della cosa pubblica.
Partecipanti: 6secondsTO (Torino), a.titolo (Torino), Acting Out (Torino), Asilo Bianco (Ameno), Banca della Memoria (Chieri), Eco e Narciso (Torino), Kaninchen-Haus (Torino),
Par coii bsgna semnà/Chi semina raccoglie (Frassineto Po), PAV-Parco Arte Vivente (Torino), Progetto Diogene (Torino), Urbe-Rigenerazione Urbana (Torino)

Spazio Unidee – Sale Auliche – Sala Performance
UNIDEE in progress | open studio
open studio a cura di UNIDEE _Università delle Idee
(dal 5 ottobre 2012 al 30 Dicembre 2012)

Dal 1998, Cittadellarte-Fondazione Pistoletto organizza UNIDEE in Residence International Programme. UNIDEE è un programma interdisciplinare, aperto a tutti i creativi, dagli artisti visivi agli operatori culturali,dai designer ai ricercatori, a chiunque lavori inmodo creativo sul tema della responsabilità sociale.
UNIDEE cerca di esplorare il rapporto fra l’Arte e la Società e di incoraggiare artisti e creativi a diventare attivatori per un cambiamento responsabile.
La residenza culmina nell’Open Studio UNIDEE in Progress, in cui i partecipanti mostrano il loro “work in progress” sviluppato durante il soggiorno di quattro mesi. UNIDEE in Progress si concentra sul processo di feedback, e promuove l’interazione e il dialogo fra partecipanti e visitatori.

Artisti in residenza a Cittadellarte UNIDEE 2012:
Ayman Alazraq (Palestina) | Lindsay Benedict (USA) | Angela Henderson (Canada) |
Dina Karaman (Russia) | Karl Logge (Australia) | Hektor Mamet (Svizzera / Polonia) |
Alecia Neo (Singapore) | Marta Romani (Italia) | Zaman Shah (Pakistan) | Meghna Singh (India)




PROGRAMMA INAUGURAZIONE
5 ottobre 2012


Museo del Presente
ore 14.00 – 17.30 | ingresso libero
"a life in common" - simposio

Saluti e introduzione di Paolo Naldini, Direttore di Cittadellarte
moderatore: Ana Dzokic and Marc Neelen (STEALTH.unlimited)
partecipanti:
Francien van Westrenen (curatore,Stroom Den Haag, The Hague)
Rick Lowe (artista, fondatore della Row House Community Development Corporation, Houston)
Gertrude Flentge (manager international culture program, DOEN Foundation, funder of sustainable, cultural and social pioneers, Amsterdam)
Luca Zevi (architect, curatore del Padiglione Italia alla Biennale di Venezia)
Jeanne Van Heeswijk (artist, Rotterdam)

partecipanti invitati tra il pubblico:
Marco Demarie (Compagnia San Paolo)
Francesca Gambetta (Compagnia San Paolo)
Matteo Pessione (Fondazione CRT)
Andrea Quaregna (Fondazione Cassa di Risparmio di Biella)
Anna Prat (Torino Internazionale) TBC
Ilda Curti (Turin Municipality) TBC

6secondsTO (Torino), a.titolo (Torino), Acting Out (Torino), Asilo Bianco (Ameno),
Banca della Memoria ONLUS (Chieri), Eco e Narciso (Torino), Kaninchen-Haus (Torino),
Par coii bsgna semnà/Chi semina raccoglie (Frassineto Po), PAV-Parco Arte Vivente (Torino),
Progetto Diogene (Torino), Urbe-Rigenerazione Urbana (Torino)