Arsenale Vintage Market

Verona - 25/10/2013 : 27/10/2013

L’Arsenale di Verona ospiterà la settima edizione della Mostra-Mercato Arsenale Vintage Market, organizzata dall’Associazione Culturale RETRòBOTTEGA e in co-organizzazione con il Comune di Verona.

Informazioni

Comunicato stampa

Nei giorni 25-26-27 ottobre 2013, l’Arsenale di Verona ospiterà la settima edizione della Mostra-Mercato Arsenale Vintage Market, organizzata dall’Associazione Culturale RETRòBOTTEGA e in co-organizzazione con il Comune di Verona.

La manifestazione, la prima vintage nel territorio veronese, porterà nel capoluogo Scaligero circa 40 professionisti del settore Moda&Design Vintage tra i migliori a livello nazionale con una selezione di altissima qualità. Ma non solo moda, accessori, arredamento, oggetti, musica in stile, concerti, radio in diretta…ma anche mostre, workshop, eventi collaterali per una tre giorni di pura atmosfera vintage per tutti i partecipanti all’evento



Arsenale Vintage Market, infatti, propone una serie di imperdibili e originali eventi e workshop:

• Sabato e domenica alle ore 15.00, per la prima volta in Italia, un progetto intitolato VINTAGE TOUR BLOGGER a cura di Sara Biondi.
Il Vintage Tour Blogger sarà dedicato a FASHION BLOGGER, GIORNALISTI DI MODA, CONSULENTI DI STILE E PERSONAL SHOPPER. Il tour prevede accoglienza degli ospiti presso un “salotto media”, il “VINTAGE CONCEPT SOFA”, dove i blogger potranno scrivere, fare foto, intervistare e fare blogging a tutto tondo. Al termine dei Tour verranno raccontate al pubblico le esperienze dei blogger protagonisti del progetto.

• Sabato e domenica alle ore 11.00 La Cucina Incantata terrà una dimostrazione culinaria a numero chiuso nel nuovo spazio coperto dedicato ai workshop: CUCINARE CON GLI SCARTI, ANCHE LA CUCINA DIVENTA REMAKE. L’idea è quella di usare scarti e avanzi per creare delle ricette nuove e gustose. Dall’arte del riciclo, al riuso delle parti meno nobili delle verdure di stagione.

• Sabato pomeriggio BURLESQUE CURIOSITY, hair-style & make-up, per una full immersion nell’intrigante mondo del Burlesque, tra aneddoti e curiosità sul tema e un pizzico di pratica in movimento, acconciature e make-up in stile a cura di Burlesque & Cabaret Verona e Capelli di Stile.

• E ancora Gaio il Calzolaio, il sarto della calzatura su misura, riporterà in auge lo sciuscià.

• In linea con le edizioni precedenti anche la vocazione motoristica dell'evento. Quest'anno l'esposizione di mezzi vintage avrà una marcia in più: il titolo è "VINTAGE MOTORI GIOIE E DOLORI, L'orgoglio di possedere un mezzo vintage a 2, 3 o 4 ruote". Il pubblico è invitato a condividere sulla pagina Facebook di Arsenale Vintage Market le foto dei propri mezzi vintage a 2, 3 o 4 ruote, partecipando ad una selezione a suon di "mi piace" per accedere al parco chiuso espositivo, sabato e domenica, e concorrere a premi e riconoscimenti attribuiti da una giuria di esperti. Inoltre, il CinCent Trentino sarà presente all'Arsenale Vintage Market domenica 27 ottobre dalle 16.00 in poi.I l club di FIAT 500 con sede legale a Ala TN è attivo dal 2005 e promuove l'utilizzo della storica FIAT 500, vettura simbolo del Made in Italy e simbolo del boom economico degli anni 60, vettura sempre attuale nonostante sia fuori produzione da più di trent'anni.

• Sabato e Domenica esposizione itinerante a cura di ARTIVENDOLO che vede coinvolti artisti e artigiani, studi d’artisti e laboratori, spazi privati e comunque intimi. Un’educazione sociale che coinvolge il pubblico in uno spirito ludico di mimesi: l’ibrido di un mercato e di una galleria in cui la merce esposta in vere cassette della frutta è arte, come se una banana non lo fosse... Ironia e critica verso una situazione di disagio che coinvolge pubblico ed artisti in un momento storico segnato da valori e sistemi commerciali ambigui. L’intenzione è di invogliare il pubblico ad un acquisto o scambio di opere di piccolo formato a prezzi che vanno al di là del circuito ufficiale dell’arte contemporanea.

• Domenica alle ore 15:00 un appuntamento dedicato al benessere dal titolo ORO MAROCCHINO: L’OLIO DI ARGAN, LE SUE VIRTÙ E I SUOI UTILIZZI workshop sull’olio di argan per scopi benefici del corpo a cura di Beauty Case

Non mancheranno i concerti di musica dal vivo, quest’anno tutti al coperto all’interno del padiglione 2: Venerdì sera accompagneranno l’aperitivo a partire dalle ore 19:30 con il loro rare groove soul funk, Il PROFETA & VAI CON DIO dj set. Dalle 22:00, sul palco allestito nel padiglione 2, 13 musicisti, una vera orchestra, il real black funk dal '71 al '74 con i Save the Chiken.
Sabato, dalle ore 20:00, con il 50’s & 60’s rhythm’n’roll, THE FOG SURFERS dj set. Alle 22:00 sempre sul palco interno the Original Beat Party Band con Gli ALBINOS.
Ad animare musicalmente la Domenica dell’Arsenale Vintage Market alle 16:00 i MOSCABURRO e il loro sound "Seventy flowers folk" mentre dalle 18.30 saliranno sul palco i SUPERMARKET LIVE “Exotica beat party”

In diffusione no-stop durante la manifestazione AVM Vintage Radio, la radio ufficiale di Arsenale Vintage Market proporrà interviste ed approfondimenti sui temi della moda, oggetti, stili e filosofie del mondo Vintage e una selezione di vinili da collezione. Ospite d’eccezione di AVM Vintage Radio sarà Leonardo Maria Frattini che con le sue celebri "Frattinate" animerà i pomeriggi dell’etere all’Arsenale Vintage Market.

E come ogni edizione, la possibilità per tutti di venire all’evento e farsi realizzare un’acconciatura ed un make-up vintage, da un team di make-up artist, a cura di Capelli di Stile.















PROGRAMMA CONCERTI


Venerdì 25 ottobre
ore 19.30 DJ selection
Il PROFETA & VAI CON DIO
rare groove soul funk

ore 22.00: Live
SAVE THE CHICKEN
"Funk Experience Orchestra"
13 musicisti, una vera orchetsra, il real black funk dal '71 al '74 !!!

Sabato 26 ottobre
ore 20.00 DJ selection
THE FOG SURFERS
50’s & 60’s rhythm’n’roll

Ore 22.00: Live
Gli ALBINO'S
Original Beat Party Band

Domenica 27 ottobre
Ore 16.00: Live
MOSCABURRO
"Seventy flowers folk"

Ore 18.30: Live
SUPERMARKET LIVE
“Exotica beat party”


QUANDO



VENERDI 25 OTTOBRE dalle ore 17:00 alle ore 24:00
SABATO 26 OTTOBRE dalle ore 11:00 alle ore 24:00
DOMENICA 27 OTTOBRE dalle ore 11:00 alle ore 20:00


ATTIVITA’ PREVISTE
All’interno della Mostra-Mercato gli espositori svolgeranno attività di vendita della merce esposta.


ATTIVITA’ COLLATERALI
Durante tutta la durata della manifestazione il pubblico sarà calato in un’ambientazione che lo coinvolgerà a 360° nel mondo del Vintage. Sono organizzate pertanto alcune attività collaterali alla Mostra-Mercato:

• tutti i giorni dalle 18:30 alle 24:00 la manifestazione ospiterà dj-set ed esibizioni live, che rievocheranno sonorità passate;
• mostre, performance/workshop live di artisti ed esibizioni in chiave vintage;
• saranno presenti veicoli d’epoca a 4 e 2 ruote, in esposizione grazie alla collaborazione con un club nazionale di collezionisti, oltre ad immancabili pezzi unici gentilmente prestati da collezioni private



RISTORAZIONE
Durante l’evento, negli orari di apertura della manifestazione sarà presente, all’interno di un padiglione espositivo, un’area riservata al servizio bar e ristorazione.


INGRESSO ALLA MANIFESTAZIONE
L’ingresso alla Mostra-Mercato sarà aperta al pubblico e avrà un costo giornaliero di € 5,00 a persona.



ORGANIZZAZIONE
RETRòBOTTEGA
Associazione Culturale | Via del Risorgimento, 25 | 37126 Verona (VR) – IT







INFORMAZIONI ALLA STAMPA
STUDIOVENTISETTE S.R.L.
Stefania Berlasso | ph.: +39 0458303646 | mobile: +39 3398848071 | [email protected]

INFORMAZIONI AL PUBBLICO
Email: [email protected] | Tel: +39 0458303646 | Pagina Facebook: arsenalevintagemarket



AVM WORKSHOP

La cucina incantata
Amiche & amanti della cucina, la fantasia delle pietanze ed il gusto per la tavola.

Consigli e ricette per risparmiare ai fornelli usando bucce, foglie, gambi... Parti di frutta e verdura ricche di nutrienti, amiche del portafoglio e dell'ambiente .
Hai mai pensato a quanto cibo finisce nel secchio dell'immondizia? Secondo uno studio della Commissione europea, 179 chili all'anno pro capite. In Italia, fanno in tutto 20 milioni di tonnellate, un terzo dei quali deriva dal consumo domestico. Eppure molti di quegli scarti potrebbero essere usati in cucina per preparare ricette semplici e gustose. E pure economiche, cosa non da poco in un periodo di crisi in cui risparmiare e non sprecare è così importante.

Oltre agli avanzi e agli alimenti andati a male, infatti, la spazzatura di casa si riempie in un baleno degli scarti organici prodotti per preparare il pranzo o la cena: bucce, foglie, gambi, torsoli, scorze... «Tendiamo a eliminare le parti meno nobili degli ortaggi, consumando solo quelle più tenere o che si presentano meglio», osserva Gianvincenzo Barba, ricercatore dell'Istituto di scienze dell'alimentazione del Cnr di Avellino. «Così facendo, gettiamo parti preziose sotto il profilo nutrizionale e spesso anche molto gustose».

I nostri nonni non buttavano via niente, neppure le briciole sulla tovaglia, che raccoglievano e riutilizzavano come pangrattato. Figurarsi se avrebbero mai scartato le foglie esterne di cicoria, lattuga o scarola solo perché un po' più amare: le ripassavano in padella o le usavano come base per il brodo. «Dovremmo riscoprire la cucina povera, buona e genuina di una volta», commenta Lorenzo Maria Donini, docente di scienza dell'alimentazione alla Sapienza di Roma. «Consumare abitualmente anche le parti di scarto fa bene alla salute, in quanto garantisce un buon apporto di fibre e antiossidanti, e fa bene all'ambiente, perché riduce la quantità di rifiuti da smaltire ed evita di sprecare inutilmente le risorse naturali per produrre cibo che poi finisce in discarica».

La vera raccomandazione? Lavare bene frutta e verdura. Ma non solo. Dopo aver sciacquato ortaggi e frutti, è necessario asciugarli con cura con una tovaglietta pulita. Eliminati così gli eventuali residui, si possono cucinare e mangiare anche le parti più esterne. Non resta che munirsi di tagliere, coltello, pentola a pressione, centrifuga o frullatore, e scoprire i segreti della cucina a costo (quasi) zero.




Sabato 26/10 e Domenica 27/10 – dalle 11.00 alle 13.00
Iscrizione gratuita - Posti disponibili su prenotazione (via mail Retrobottega [email protected]): 15 max
Coloro che prenoteranno il corso saranno dotati di sedia, brochure con ricette e materiali vari, penna. Inoltre avranno la possibilità' di degustare tutto ciò' che verra' preparato durante la dimostrazione








AVM LIVE – BIO ARTISTS

Save the Chicken
Funk Experience Orchestra

Save the Chicken nasce da un idea del bassista Paco e del batterista Aghils che da sempre ascoltano, suonano e sudano a ritmo di Funk e nella fattispecie il Roots Funk dei primi anni 70.
Dopo la magica conoscenza di Rebecca, rara cantante in grado di interpretare brani e stile del periodo, si decide di procedere a radunare gli elementi musicali atti a formare la band giusta. Tale progetto si rivelerà essere una vera e propria orchestra formata da tutte le sezioni originali del tempo. Dopo più di un anno di provini, prove e selezione di brani musicali per il repertorio, save the chicken è pronto a riprodurre quel groove e quel sound che solo il ghetto e i B-Side dei 45 giri più rovinati dell'epoca possono svelare.


Gli Albino’s
Vero Beat!

Vi piacciono i vestitini corti corti? Le acconciature a cofana? Senti la nostalgia del passato?Avresti voluto vivere al posto dei tuoi genitori, ma divertendoti molto di più?
Beh, anche noi!

E allora il buon vecchio beat italiano, che scimmiotta e impara il roccherò, vive e sente la musica nera e il rhythm’n’blues, quel beat un po’ oscuro e malato dei minori, diventa il pretesto per inforcare strumenti vecchi, suonare al modo dei nostri vecchi, e fare della buona musica vecchia…
Però noi abbiamo conosciuto anche il garage e la psichedelia dei 60, il primitive funk dei primissimi 70, la rivolta del 77 e tutto quel che è venuto dopo, nel bene o nel male. E questo ci ha lasciato dei segni indelebili, che si fondono con il garage beat di partenza, e ci lanciano a tutta velocità sul binario morto della modernità.
I componenti senza melanina di questo divertente baraccone provengono da mondi diversi, non parlano quasi la stessa lingua, ma si conoscono nell’intimo, e dall’intimo sbatacchiano i propri strumenti senza riguardo. Quattro dolci fanciulle mettono in vestitini bicolore il cuore, le gambe ed i fianchi, due rudi “capelloni” cercano di fare qualcosa, oscurati della luce delle loro belle.

Le fanciulle:
Gilda Zonk – voce, gambe e decolté
Peggy Pongo – voce, gambe e decolté
La Spiccia – Hofner violin (basso)
Marla O’ – Eko tiger (organo)
I rudi:
Fabio 4 Dita – Henz (chitarra)
Junk Yard Bo – frankestein-Ludwig (batteria)


The Fog Sufers
50’s & 60’s rhythm’n’roll

Dalla seconda metà degli anni novanta i Fog Surfers salgono in consolle, abbassano la puntina, alzano il volume e suonano rock’n’roll. E per i Fog Surfers il rock’n’roll, più che uno specifico genere musicale è un’attitudine, un filo rosso fuoco che unisce il rhythm’n’blues al rockabilly, il soul al garage, il boogaloo al beat, il surf al calypso, la bossa nova all’exotica, il mambo allo ska e al rocksteady, il twist al punk-rock, una vibrazione primitiva, profonda ed eccitante che scuote gambe e bacino, che infiamma il cuore e fa girare la testa, che arriva dalla notte dei tempi, irrimediabilmente datata e suonata rigorosamente su vinile, meglio se a 45 giri, ma che non è mai stata così attuale, fresca, moderna e necessaria.

Nel corso di quindici anni di onorata attività i Fog Surfers hanno fatto girare i dischi nei più importanti locali e festival di settore italiani, sono presenza fissa ad ogni edizione dello storico Festival Beat di Salsomaggiore Terme, manifestazione di riferimento per il genere a livello nazionale e dichiarano con orgolglio la loro appartenenza allo Shout! indimenticato ed indimenticabile “wild & crazy twistin’ party” celebratosi per anni sulle colline della Valpolicella, di cui i nostri sono stati parte attiva ed integrante e del quale hanno condiviso e tramandano spirito ed intenti.

I Fog Surfers sono l’illustratore, designer, promoter ed originale surfista della nebbia Andrea “the And” Sartori e Giancarlo Masotto, dietro le pelli e alla testa di gruppi neo sixties come gli Albino’s e les Moquettes e maker d'assalto, che lo affianca dal 2009, completando la line-up e definendo ulteriormente i contorni di un progetto in continuo mutamento e costante evoluzione.


Supermarket Live
Exotica beat party


Il loro sound è un mix di world music, reggae, calypso, funk e jazz, le loro esibizioni sono "autentico cabaret". Da qui la denominazione scherzosa di Supermarket, sinonimo di “marchetta musicale” il cui motto è "tantissime date pagate pochissimo" ...tutto a scopo puramente curativo. Formazione Quartetto: Alfredo Nuti Dal Portone alla chitarra (compositore dei brani) Marcello Jandu Detti al trombone basso tuba e conchiglie Tommy Graziani alla batteria Marco Rossi al Contrabbasso














Moscaburro
Seventy flowers folk

Il progetto Moscaburro nasce nell’estate del 2003 da un sogno di Simone Gelmini e Arianna Merlino, i quali decidono di formare un gruppo in cui poter esprimere liberamente i propri gusti e idee musicali. L’idea si concretizzerà però solo un po’ di tempo dopo, nel gennaio 2006, quando ai due si aggregano Michela Campaner, Marlis Steinegger e Thomas Callegaro.
I Moscaburro iniziano lavorando a cover dei loro artisti preferiti (tra i quali Björk, Radiohead, Emiliana Torrini, Carmen Consoli) che riarrangiano e adattano alla loro strumentazione, prevalentemente acustica (chitarre, arpa, concertina, violino ). Poco dopo il primo concerto live, Thomas lascia il gruppo per motivi di studio. La formazione che viene così a configurarsi (arpa, chitarra e voci), dal sapore delicato e minimale, riscuote da subito un certo consenso e sarà duratura. Ed è con questo sound e questa strumentazione che i Moscaburro cominciano ad eseguire anche pezzi inediti, scritti da Simone.Tra il 2007 e il 2009 la band si esibisce in diverse manifestazioni e nell’ aprile 2009 partecipa al concorso per band emergenti Upload organizzato dal Servizio Giovani/Ripartizione Cultura Italiana di Bolzano; si esibisce agli eventi di warm up del contest e viene poi selezionata per le due serate finali, dove propone un brano di Sally Oldfield per la categoria Cover e 20 minuti di repertorio inedito nella categoria Local .
Nella primavera 2010 i Moscaburro sono impegnati su diversi palchi, tra cui quello della finale regionale dell’Italia Wave Love Festival e dei progetti legati ad Upload 2010, al quale partecipano col brano originale Ticket for your love . Si succedono alla chitarra Michele Testini e Mattia Mariotti e il sound della band si arrichisce con la collaborazione di alcuni archi del Conservatorio di Bolzano. Nel giugno 2011 i Moscaburro vincono il premio “Local” come miglior band altoatesina al concorso Upload con il brano October’s Rain. Il 26 settembre suonano al Mei di Faenza e subito dopo partono per Senigallia dove registrano il loro primo album Bread-and-Butter-flies presso la Red House Recording. Grazie al prezioso lavoro di David Lenci, l’album prende forma e viene finalmente promosso in un tour che vede il gruppo in una tre giorni live tra Trento, Bologna e Bari. Il 18 dicembre 2011 viene presentato il nuovo cd in una serata particolare al “Vintola18″a Bolzano. Nel 2012 partecipano a vari eventi dove promuovono il loro album: aprono per i Friska Viljor, suonano per Musika Dop e partecipano alla Midnight Run a Milano, maratona notturna organizzata dall’artista londinese Inua Ellams.