Arc#Ive Volume 7 – Nanni Valentini

Lissone - 27/05/2017 : 23/07/2017

La rassegna, che in precedenza ha dedica-to dei focus agli archivi di Mauro Staccio-li, Gabriele Devecchi, Emilio Isgrò, Emilio Scanavino, Gruppo Enne, Guido Le Noci e Arnaldo Pomodoro, continua il suo per-corso di approfondimento con l’Archivio Nanni Valentini.

Informazioni

  • Luogo: MAC - MUSEO D'ARTE CONTEMPORANEA
  • Indirizzo: Viale Elisa Ancona, 6 20851 - Lissone - Lombardia
  • Quando: dal 27/05/2017 - al 23/07/2017
  • Vernissage: 27/05/2017 ore 18,30
  • Autori: Nanni Valentini
  • Curatori: Lorenzo Respi
  • Generi: arte contemporanea, personale
  • Orari: Mercoledì e Venerdì h10-13 Giovedì h16-23 Sabato e Domenica h10-12 / 15-19
  • Uffici stampa: CLP

Comunicato stampa

Impegnati nell’organizzazione, conserva-zione e aggiornamento sia delle opere sia dei documenti degli artisti, gli Archivi svolgono un importante ruolo nel sistema dell'arte. Fondamentali non soltanto per la loro funzione di catalogazione, tutela e promozione artistica, gli Archivi incentivano ricerche a fini di studio o di pubblicazione, impegnandosi altresì nella orga-nizzazione di seminari ed esposizioni. A conferma del ruolo e dell’attività da loro svolta, il MAC intende divulgare la cono-scenza di questi Archivi presso il grande pubblico. Il progetto, nato da un’idea di Alberto Zanchetta, permetterà di consul-tare documenti, carteggi, foto, cataloghi o “ephemera” connessi alla vita di un artista

La disponibilità di questo materiale non costituirà quindi un semplice corollario all’interno di un percorso espositivo ma diventerà esso stesso il perno di una serie di mostre che si protrarranno nel corso dell’anno.
La rassegna, che in precedenza ha dedica-to dei focus agli archivi di Mauro Staccio-li, Gabriele Devecchi, Emilio Isgrò, Emilio Scanavino, Gruppo Enne, Guido Le Noci e Arnaldo Pomodoro, continua il suo per-corso di approfondimento con l’Archivio Nanni Valentini.
Scultore ceramista di formazione, pittore e incisore, ma anche appassionato inse-gnante, Giovan Battista (Nanni) Valentini è nato a Sant’Angelo in Vado (PS) nel 19-32 ed è morto a Vimercate (MB) nel 1985. Dopo gli studi iniziati alla Scuola d’Arte per la decorazione ceramica a Pesaro, si iscrive all’Istituto d’Arte di Faenza che frequenta fino al 1953.
L’archivio che porta il suo nome ha sede ad Arcore (MB). Garantisce l’autenticità delle opere mediante l’attività di perizia, l’archiviazione e il rilascio dell’autentica. Tutela, inoltre, il patrimonio artistico di Nanni Valentini e collabora con musei, istituzioni culturali, gallerie private, col-lezionisti e ricercatori per reperire infor-mazioni e documenti sull’artista e il suo lavoro; offre servizio di prestito e consu-lenza sulle opere; promuove la ricerca e la conoscenza dell’arte di Valentini e della tecnica della ceramica.
La mostra al MAC di Lissone presenta una selezione di materiali originali, preva-lentemente inediti. Il visitatore potrà leg-gere la corrispondenza con critici e lette-rati, tra i quali G. M. Accame, N. Cagnone, M. N. Varga e F. Leonetti, ripercorrendo in questo modo le vicende biografiche dell’artista attraverso le sue frequentazio-ni (fondamentale per l’inizio della carriera quella con Lucio Fontana) e le sue passio-ni, dalla filosofia alla poesia. Cataloghi, fotografie e schizzi raccontano non solo il percorso professionale di Valentini fino agli anni Ottanta, ma anche l’attività di ricerca e di approfondimento che oggi viene svolta dall’Archivio: il Diploma al merito alla Terza Mostra Nazionale della Ceramica di Pesaro (1952), l’autoritratto a matita per il taccuino “Rumori di ombre”, la cartella di grafiche “Un ombelico per Empedocle” e la pagina “Prova d’artista” sulla rivista Alfabeta (1985). La mostra propone anche un breve excursus sull’at-tività didattica di Valentini presso l’Isti-tuto Statale d’Arte di Monza. Particolar-mente interessante è il quaderno illustra-to di lezioni su “Lo spirituale dell’arte” di Kandinsky, ove la teoria del colore si af-fianca a nozioni di visual design e di stu-dio delle forme primarie e complesse, ri-prese poi nella realizzazione delle sculture in ceramica.