Archivi1 – Giovanni Anselmo – Direzione 1967

Torino - 05/04/2016 : 11/09/2016

Con la mostra dedicata a Giovanni Anselmo (Borgofranco di Ivrea, 1934), prende avvio Archivi, una nuova serie di appuntamenti alla GAM che intendono valorizzare rare opere d’arte, materiali d’archivio e documenti originali. Il progetto Archivi, nell’era della smaterializzazione digitale, attinge a repertori di immagini e documenti capaci di contribuire, con elementi inediti, all’analisi e alla contestualizzazione del lavoro degli artisti e alla riflessione sulle modalità di conoscenza e circolazione delle opere.

Informazioni

  • Luogo: GAM - GALLERIA D'ARTE MODERNA E CONTEMPORANEA
  • Indirizzo: Via Magenta 31 - Torino - Piemonte
  • Quando: dal 05/04/2016 - al 11/09/2016
  • Vernissage: 05/04/2016 ore 17,30
  • Autori: Giovanni Anselmo
  • Curatori: Maria Teresa Roberto, Gregorio Mazzonis
  • Generi: arte contemporanea, personale
  • Orari: martedì - domenica 10.00-18.00 (la biglietteria chiude un’ora prima) chiuso il lunedì Servizio navette gratuite tra la GAM e il Castello di Rivoli tutti i sabati, dal 9 aprile al 30 luglio (sino a esaurimento posti). Dalla GAM per il Castello di Rivoli: ore 11.00 e 15.00 Dal Castello di Rivoli per la GAM: ore 13.00 e 17.00 (30’ circa)

Comunicato stampa

Il nero cuneo in fòrmica con la bussola che ne dirige la punta


Tommaso Trini, 1969

Inaugurazione Martedì 5 aprile ore 17.30

Navette di collegamento GAM – Castello di Rivoli in occasione dell’inaugurazione:

Navetta con partenza dalla GAM per il Castello di Rivoli alle ore 18.30 (c.so Stati Uniti ang c.so Galileo Ferraris)
Navetta con partenza dal Castello di Rivoli per la GAM alle ore 21.00
Prenotazioni: Segreteria GAM 011 4429595

Con la mostra dedicata a Giovanni Anselmo (Borgofranco di Ivrea, 1934), prende avvio Archivi, una nuova serie di appuntamenti alla GAM che intendono valorizzare rare opere d’arte, materiali d’archivio e documenti originali. Il progetto Archivi, nell’era della smaterializzazione digitale, attinge a repertori di immagini e documenti capaci di contribuire, con elementi inediti, all’analisi e alla contestualizzazione del lavoro degli artisti e alla riflessione sulle modalità di conoscenza e circolazione delle opere.

Al centro della mostra Archivi1 alla GAM è Direzione, un’opera del 1967 esposta dall’artista in occasione della sua prima personale, inaugurata nella galleria torinese di Gian Enzo Sperone l'11 aprile 1968.

Si tratta di un prisma a base triangolare rivestito di fòrmica nera, sulla cui faccia superiore è inserita una bussola. Anche le altre opere della mostra d’esordio erano volumi primari, realizzati con materiali industriali quali fòrmica, perspex, polistirolo. Si trattava di strutture apparentemente statiche, ma invece attraversate da una tensione o da un campo di energia, oppure collocate in equilibrio precario.

In catalogo Germano Celant parlò di una “oggettualità … solo apparente”, di “fisicizzazioni macroscopiche di un evento energetico in potenza”, Maurizio Fagiolo di “una serie di attimi statici dislocati nel tempo”.

Grazie alla presenza dell’ago magnetico, Direzione si presenta come un dispositivo capace di auto-determinare il proprio orientamento nello spazio.

Come ha dichiarato Giovanni Anselmo, l'opera si estende fuori da sé, connettendosi ai campi magnetici che attraversano la terra. Nei mesi successivi Anselmo avrebbe ripreso quello stesso principio in una serie di lavori in cui l'ago magnetico era collocato in un recipiente di vetro e realizzati per le mostre Prospect 68 a Düsseldorf e arte povera + azioni povere ad Amalfi, passando poi a inserire la bussola nella massa di grandi pietre triangolari.

A complemento dell'opera sono esposti fotografie e testi a stampa che documentano la storia espositiva di Direzione e del ciclo di lavori cui essa appartiene (dalla personale da Sperone al Deposito d’Arte Presente di Torino, sempre nel 1968), la fortuna critica, attraverso i testi di Celant e Fagiolo per il catalogo e di Tommaso Trini su “Domus”, così come le modalità di collocazione nello spazio e di relazione con altre opere dell’artista e dei suoi compagni di strada.

Centrali in tal senso risultano le immagini degli allestimenti, tra cui le fotografie di Paolo Bressano per la galleria Sperone e il Deposito d'Arte Presente e quelle di Mario Cresci per la mostra romana Il percorso alla galleria Arco d'Alibert di Mara Coccia.


Questa presentazione si collega al più articolato percorso offerto dalla grande mostra di Giovanni Anselmo dal titolo: Mentre la mano indica, la luce focalizza, nella gravitazione universale si interferisce, la terra si orienta, le stelle si avvicinano di una spanna in più… che si inaugura in concomitanza al Castello di Rivoli, curata da Carolyn Christov-Bakargiev e Marcella Beccaria.

La sera dell’inaugurazione una navetta gratuita porterà i visitatori dalla GAM al Castello di Rivoli alle 18.30, con ritorno alle 21. Prenotazioni: Segreteria GAM 011 4429595

Al Castello di Rivoli alle 19.30 conferenza della storica dell’arte Anne Rorimer dal titolo: Giovanni Anselmo: Da qui all’infinito, 1965-2015. Alla presenza dell’artista.


Giovanni Anselmo
Nato a Borgofranco d’Ivrea nel 1934, Giovanni Anselmo vive e lavora a Torino. Nel 1990 riceve il Leone d’Oro alla Pittura alla XLIV Esposizione Internazionale d’Arte – La Biennale di Venezia.
Tra le mostre personali segnaliamo quelle alla Galleria Sperone, Torino (1968), Galleria Tucci Russo, Torre Pellice (1978) e Marian Goodman Gallery, New York (1984). Tra le collettive ricordiamo Arte povera + azioni povere, Arsenali dell’Antica Repubblica, Amalfi (1968); Conceptual Art – Arte Povera – Land Art, Galleria Civica d’Arte Moderna, Torino (1970); La Biennale di Venezia (1972, 1978, 1980, 1986, 1990 e 2007); documenta 5 (1972) e documenta 7 (1982); La Biennale di Sydney (1976); La Biennale di Istanbul (2015).

Direzione (Direction), 1967
legno, formica, ago magnetico 75 x 75 x 200 cm
Courtesy l’artista e Tucci Russo Studio per l’Arte Contemporanea, Torre Pellice
Photo Paolo Mussat Sartor

Servizio navette gratuite tra la GAM e il Castello di Rivoli tutti i sabati, dal 9 aprile al 30 luglio (sino a esaurimento posti).
Dalla GAM per il Castello di Rivoli: ore 11.00 e 15.00
Dal Castello di Rivoli per la GAM: ore 13.00 e 17.00 (30’ circa)



GAM Galleria Civica d’Arte Moderna e Contemporanea Torino
Intorno alla collezione di 45.000 opere d’arte dall’Ottocento a oggi, tra dipinti, sculture, disegni, stampe, installazioni, video e fotografie, la GAM offre al pubblico una serie di appuntamenti con i più interessanti esponenti dell’arte e grandi mostre di artisti italiani e internazionali, ordinate intorno alle ricerche più attuali. Un museo vivace, capace di raccoglie tanti settori, dalla VideotecaGAM, alla biblioteca d’arte, all’archivio fotografico, alla Fondazione de Fornaris. La GAM cura e propone progetti inediti, conferenze, incontri oltre a collaborare con i musei e le istituzioni più importanti al mondo. Il museo offre laboratori, visite guidate ed esperienze formative per ragazzi e adulti, tra cui incontri in mostra. La GAM, fondata già come primo Museo Civico d’Italia nel 1863, apre nel 1959 nell’edificio attuale progettato dagli architetti Bassi e Boschetti.