Apo Yaghmourian / Alessandra Ragionieri – Mappae memoria

Spinea - 05/03/2022 : 20/03/2022

Quarta mostra della rassegna di arte contemporanea MEMORIAE, voluta dal Comune di Spinea e curata da Santina Ricupero, con la collaborazione dell’Associazione Contemporis ETS.

Informazioni

  • Luogo: ORATORIO DI SANTA MARIA ASSUNTA
  • Indirizzo: via Rossignago 61 - Spinea - Veneto
  • Quando: dal 05/03/2022 - al 20/03/2022
  • Vernissage: 05/03/2022 ore 17
  • Autori: Apo Yaghmourian, Alessandra Ragionieri
  • Curatori: Santina Ricupero
  • Generi: arte contemporanea, doppia personale
  • Orari: da giovedì a domenica 15,30-1830; sabato e domenica: 10 - 12 / 15,30 – 18,30
  • Patrocini: Ente promotore: Comune di Spinea (Venezia)

Comunicato stampa

quarta mostra della rassegna di arte contemporanea MEMORIAE, voluta dal Comune di Spinea e curata da Santina Ricupero, con la collaborazione dell’Associazione Contemporis ETS.
Il progetto comprende sette esposizioni che indagano i rapporti della memoria con l’identità, la natura, l’oblio, lo sradicamento, il tempo, il silenzio.






Mappae memoria propone al publico il lavoro di Alessandra Ragionieri, artista fiorentina, a confronto con l’opera dell’artista libanese armeno Apo Yaghmourian


A Spinea, nella sede espositiva di Villa Simion, Alessandra Ragionieri espone pitture su carta eseguite con inchiostri, grafite e china, appartenenti alle serie In Balia, Viaggiatori Permanenti e Viandanti. Le eleganti opere della Ragionieri mostrano persone in cammino: flussi di una umanità sempre più disorientata e alla deriva. Le mappe sono cartine nautiche in cui l’artista ricostruisce rotte misteriose e annoda i fili della memoria: le sue terre bianche e mute emergono per contrasto con il blu intenso del mare, limite di altre terre, confine che determina differenze di cultura e razza. Il mare è la linea dell’orizzonte che le figure, tratteggiate con la, si lasciano dietro quando, varcando le frontiere, approdano in nuovi mondi verso l’ignoto.
L’idendità individuale di Apo Yaghmourian, inscritta nella memoria collettiva del popolo armeno, affiora in tutto il suo lavoro, in particolare nell’installazione e performance di Santa Maria Assunta. L’artista esegue per l’inaugurazione, sabato 5 marzo ore 17, la performance IL SACRO, ispirandosi alle storie bibliche: nel ricordo dei motivi di antichi tappeti armeni, crea un misterioso e archetipico scenario, utilizzando drappi di tessuti con righe orizzontali e verticali, a simboleggiare fiumi e montagne, su cui, vivendo la ritualità dei gesti semplici ripetuti, ha cucito a mano passamanerie varie.
“Inventa una personale liturgia lasciando tracce rosse dei suoi piedi a ricordo di cammini difficili e sacrificali, chiodi a ricordo della croce. Alla fine del suo cammino, lo attendono tre mele, simboli per eccellenza di morte e rinascita, di diversità e conoscenza.” (da In accesso al sacro, testo critico di Maria Angela Tiozzi).
L’opera di Apo Yaghmourian in Santa Maria Assunta ricorda l’importanza di non annullare la propria identità, saperla esprimere, condividere, creando unione e circolazione tra le persone; riconoscere l’altro e farsi riconoscere, apprezzare, arricchirsi a vicenda.
Il lavoro di Alessandra sembra avvertire: l’uomo ama l’avventura, il viaggio, la scoperta di altri mondi con il rischio della non accettazzione, la possibile perdita di identità.
Abbiamo bisogno di avere un confine che non sia divisione bensì punto di incontro con l’altro. Consapevolezza della propria identità e allo stesso tempo incontro, rispetto nella relazione.

Mostre a seguire nel 2022:
Naturae Memoria Francesca Della Toffola . Stefano Zaratin ( 25 marzo -10 aprile) testi critici Monica Mazzolini, Luca Berta e Francesca Giubilei.
Identitas Memoria Elisa Biagi . Andrea Serafini ( 29 aprile -15 maggio) Testi critici Monica Mazzolini, Luca Berta e Francesca Giubilei.
Tempus Memoria Identitas Santina Ricupero . Maria Angela Tiozzi ( 27 maggio -12 giugno) a cura di Francesca Giubilei e Monica Mazzolini.