Anteprima Scripta Festival 2019 – Teresa Macrì

Firenze - 28/02/2019 : 28/02/2019

Al via il prossimo 28 febbraio alle ore 18, presso la Libreria Brac, Via de’ Vagellai 18/r a Firenze, gli incontri di Anteprima Scripta Festival, una serie di presentazioni che annunciano la terza edizione di Scripta Festival, ideato da Pietro Gaglianò e dedicato alla critica d’arte, che anche quest’anno si svolgerà nel mese d’ottobre al Museo Marino Marini di Firenze.

Informazioni

Comunicato stampa

Al via il prossimo 28 febbraio alle ore 18, presso la Libreria Brac, Via de’ Vagellai 18/r a Firenze, gli incontri di Anteprima Scripta Festival, una serie di presentazioni che annunciano la terza edizione di Scripta Festival, ideato da Pietro Gaglianò e dedicato alla critica d’arte, che anche quest’anno si svolgerà nel mese d’ottobre al Museo Marino Marini di Firenze.
Il primo appuntamento è con Teresa Macrì, critica d’arte, docente e scrittrice che insieme a Pietro Gaglianò presenterà la sua ultima fatica per Postmedia Books “Pensiero discordante”



Il libro In questa epoca di deriva, in cui buona parte del pianeta appare oppiato e ipnotizzato in una univoca visione del mondo, compiaciuta di se stessa e sublimata da reconditi meccanismi di produzione del consenso, è necessario fermarsi e ragionare sulle sollecitazioni e sulle visioni che si distaccano da essa. Il pensiero discordante è quel pensiero che si smarca dalle convenzioni e dai valori che regolano la piattezza culturale e contrattacca con il riposizionamento dell'essere pensante e con la decostruzione dell'ordine simbolico dominante. A ciò contribuiscono gli artisti e i pensatori con le loro utopie estetiche, i loro paradossi, le loro metafore, i loro sovvertimenti estetici e l'attitudine a fare e disfare i mondi. John Giorno, Francis Alÿs, Luca Vitone, Sislej Xhafa, John Cage e Luca Guadagnino, tra gli altri, delineano un orizzonte destabilizzante, che riorganizza un pensiero altro.

Teresa Macrì (vive a Roma) è critica d'arte, curatrice indipendente e scrittrice. La sua ricerca è legata alla teoria critica contemporanea e all'indagine dei Visual Studies. Vive e lavora a Roma. Ha pubblicato Fallimento (Postmedia Books, 2017), Politics/Poetics (Postmedia Books, 2014), In the Mood for Show, (Meltemi, 2008), Postculture (Meltemi, 2002) Cinemacchine del desiderio (Costa & Nolan, 1998), Il corpo postorganico (Costa &Nolan, 1996 e Costlan, 2006 nuova edizione). Insegna Fenomenologia delle arti contemporanee all'Accademia di Belle Arti di Roma. Collabora al quotidiano Il Manifesto.