Another breach in the wall

Pistoia - 27/10/2013 : 29/10/2013

Una grande opera murale sulla facciata del mercato ortofrutticolo di Pistoia.

Informazioni

Comunicato stampa

In questi giorni due giovani artisti egiziani, Aya Tarek e El Teneen, sono ospiti dell’Associazione Culturale PoieinLab (www.poiein-lab.eu). Realizzeranno una grande opera murale sulla facciata del mercato ortofrutticolo di Pistoia. Grazie alla collaborazione di PoieinLab con la giornalista e arabista Elisa Pierandrei, i due artisti porteranno in Toscana lo spirito e la creatività della rivolta egiziana di Piazza Tahrir, di cui sono stati protagonisti.
Le vicende di Piazza Tahrir hanno colpito e commosso l’opinione pubblica

La lotta per la conquista di spazi di libertà dopo anni di oppressione da parte di giovani, donne e persone di estrazioni sociali e religioni diverse ci ha imposto una riflessione sul valore della democrazia e sulla sua sostanza. Una rivolta pacifica che è costata molto in termini di vittime e sofferenze che ha visto come protagonisti, tra gli altri, una schiera di giovani artisti di strada che hanno messo la propria sensibilità al servizio del cambiamento sociale e della solidarietà con i manifestanti.
Una lezione che è interessante far conoscere alle giovani generazioni occidentali, anche come esempio di un protagonismo giovanile da noi sempre più negato.
L’opera, realizzata con il patrocinio del Comune di Pistoia, sarà inaugurata Domenica 27 Ottobre alle ore 16. La curatela artistica è affidata a Pamela Barberi. Aya Tarek ed El Teneen hanno partecipato agli eventi della primavera araba con la realizzazione di graffiti caratterizzati da un coraggioso atteggiamento di denuncia della corruzione e dell’oppressione della dittatura egiziana, rischiando e subendo in prima persona le conseguenze del loro attivismo a difesa della libertà di espressione. Con questa iniziativa, PoieinLab, un’organizzazione che ha come obiettivo diffondere e promuovere la cultura della ricerca sociale, intende portare anche simbolicamente una ventata di novità e di riflessione sui cambiamenti sociali che stanno avvenendo in tanta parte del mondo e sulla potenza dell’arte come strumento di comprensione della realtà.