Andante Animato

Genova - 12/03/2016 : 10/05/2016

Un coro (gli artisti) diretto dal Kappelmeister (la curatrice) si esibisce davanti al pubblico. Quest’ultimo, invitato a riflettere sull’essenza stessa dell’arte, esprime il proprio pensiero. I coristi, rispondono alla reazione del pubblico organizzando un “simposio” che avrà l’apparenza di un gioco.

Informazioni

Comunicato stampa

Il 30 settembre 2014 abbiamo inaugurato una mostra nella quale gli artisti Delfina
Camurati, Claudio Costa, Mauro Ghiglione, Mauro Panichella, Roberto
Rossini, Antonello Ruggieri, Berty Skuber e Giulia Vasta erano presenti non
solo con le opere, ma anche con dichiarazioni su cosa l’arte sia, su dove vada,
quale forza spirituale la sostenga, al di là dei giochi del mercato e del potere.
Abbiamo lavorato e discusso a lungo e collegialmente ogni punto, dalla scelta dei
nomi al titolo della mostra, dall’individuazione delle opere, all’installazione delle stesse


La mostra e il suo tema hanno coinvolto veramente il pubblico, sia durante
l’inaugurazione sia durante tutto il periodo della sua durata. Abbiamo raccolto
molte testimonianze spontanee che hanno arricchito di risposte il nostro tentativo
“glorioso” e il pensiero di tutti noi. Questo è stato l’input che ci ha spinto a dare un
seguito alla nostra avventura, diventata ormai un’avventura dello spirito.
Siamo partiti dall’immagine suggerita dal comunicato stampa della mostra: siamo
a teatro, un coro (gli artisti) diretto dal Kappelmeister (la curatrice) si esibisce davanti
al pubblico. Quest’ultimo, invitato a riflettere sull’essenza stessa dell’arte,
esprime il proprio pensiero. I coristi, insieme al Kappelmeister, rispondono alla
reazione del pubblico organizzando una sorta di “simposio” che avrà l’apparenza
di un gioco. Abbiamo lavorato a lungo, con momenti di pausa e momenti pieni di
passione. Ci siamo incontrati parecchie volte, abbiamo discusso animatamente
su cosa fare, come procedere affinché il gioco non restasse fine a se stesso.
È stato impegnativo, ma molto interessante e anche divertente. È stato un anno
ricco di incontri, qualche volta anche di scontri, tutto all’insegna della massima
collaborazione. Infine abbiamo dichiarato chiuso il simposio e deciso di dar vita a
questa pubblicazione. Ovviamente Claudio Costa non può essere con noi ma la
nostra corale si è arricchita di una nuova voce, quella di un musicista, Massimo
Pastorelli, al quale dobbiamo il titolo del libro “Andante Animato”. Un’altra presenza
ci ha seguito, quella di Antonio d’Avossa, che abbiamo eletto a nostro
Virgilio e che ha partecipato al nostro “andare” se pur da lontano. Desideriamo
ancora sottolineare che l’evento è il libro, e vi invitiamo calorosamente a leggerlo.
La mostra lo accompagna per evidenziare che siamo pur sempre nello spazio
dell’immagine dove l’opera, se autentica, animata dal sacro fuoco dell’arte può
dar vita a tanta bellezza.