Anahita Razmi – Domino Dancing

Bari - 26/04/2014 : 27/05/2014

La galleria Muratcentoventidue Artecontemporanea prosegue il suo programma espositivo con Domino Dancing, la prima mostra personale in Italia di Anahita Razmi.

Informazioni

  • Luogo: MURATCENTOVENTIDUE ARTE CONTEMPORANEA
  • Indirizzo: Via Gioacchino Murat 122b - Bari - Puglia
  • Quando: dal 26/04/2014 - al 27/05/2014
  • Vernissage: 26/04/2014 ore 19.30
  • Autori: Anahita Razmi
  • Generi: arte contemporanea, personale
  • Orari: dal martedì al sabato, dalle 17.30 alle 20.30

Comunicato stampa

La galleria Muratcentoventidue Artecontemporanea prosegue il suo programma espositivo con Domino Dancing, la prima mostra personale in Italia di Anahita Razmi.

Anahita Razmi è una video artista e performer nata ad Amburgo che vive e lavora tra Stoccarda e Amburgo. Si è recentemente tenuta a Stoccarda, nel Kunstmuseum, la sua prima mostra personale, il suo lavoro è stato esposto nel Padiglione Venezia nell’ultima Biennale.
Di madre tedesca e padre iraniano , Anahita Razmi ha un rapporto speciale con il paese d'origine del padre

Nel suo lavoro si occupa di questioni politiche e sociali, che spesso sono legate all'Iran, affrontando temi universali come l'identità di genere, il diritto all'esistenza, l'esperienza dello sradicamento. La sua attenzione è rivolta a quanto accade quando oggetti di uso quotidiano, azioni , immagini e suoni familiari sono trapiantati in un diverso contesto culturale oltre che estetico. Questi spostamenti semantici e le loro conseguenze sono alla base delle opere della Razmi che spesso prendono in prestito e citano il lavoro di altre artiste di alto profilo. Lavorando all'interno della tradizione di appropriazione e di re-enactment, Anahita Razmi separa simboli culturali dai loro significati consolidati per impiegarli in contesti e situazioni inaspettate come nella sua opera più nota, che si ispira a un pezzo della coreografa Trisha Brown del 1971, Roof Piece, in cui venivano ripresi dodici ballerini mentre danzavano sui tetti di New York. Nel suo lavoro Roof Teheran, vincitore nel 2011 del The Emdash Award (Frieze Foundation), vediamo dei ballerini danzare sui tetti di alcuni edifici di Teheran in un paese dove la danza è illegale e la performance artistica è vietata. Si tratta di un chiaro riferimento alle manifestazioni che si sono tenute sui tetti durante le proteste avvenute nel 2009 dopo le elezioni presidenziali iraniane.

Il video Domino Dancing, che dà il titolo alla mostra, mostra un gruppo di ballerini che partecipa a un Dance Marathon party tenutosi in un salotto di una casa privata di Teheran nel gennaio 2014. Poiché è l'unica musica del party, il coro della hit dei Pet Shop Boys " Domino Dancing " si ripete più volte (Tutto il giorno…tutto il giorno Guarda tutti cadono ..Tutto il giorno, tutto il giorno.. Domino dancing) . La danza va avanti per ore, fino a quando - uno dopo l’altro – i ballerini abbandonano la gara.
Il ballo, le feste miste, la musica occidentale e l’alcool sono ufficialmente vietati in Iran - tuttavia le persone si riuniscono in case private per aggirare le restrizioni. Il lavoro riguarda i modi in cui si nasconde la ribellione - ma utilizzando il format di una maratona di danza, alla rivolta simbolica si sovrappone un faticoso e demoralizzante loop di un movimento del corpo che si ripete in continuazione. ”Guarda..cadono tutti” ,canta Neil Tenant più e più volte, il destino dei ballerini che abbandonano , uno dopo l'altro , è ineluttabile .
Le maratone di ballo erano particolarmente popolari negli Stati Uniti negli anni Venti / Trenta. In un periodo di recessione, la danza aveva poco a che fare con l’esuberanza – i concorrenti per lo più avevano bisogno di soldi e il pubblico era felice per l'intrattenimento a buon mercato. In Domino Dancing la scelta di questo format definisce la performance video, sviluppando relazioni bidirezionali tra danza come espressione di libertà e danza come estenuante fatica di Sisifo .
L'installazione video Arsenals è costituita da una video proiezione e una serie allineata di tradizionali pipe ad acqua sinistramente colorate di nero. Il video mostra il volto dell'artista mentre soffia una serie infinita di nuvole di fumo nella videocamera. Le immagini video, riprodotte al rallentatore , sono legate insieme e accompagnate da estratti di colonne sonore . I brani musicali provengono da una selezione di scene molto coinvolgenti: catastrofi, scene culminanti, rese dei conti, momenti di tensione / suspense . La minima ripetizione del movimento corporeo in combinazione con la composizione musicale produce un’immagine molto stilizzata, che rinvia agli effetti e alle strategie comunemente usati nel cinema commerciale. Un certo numero di tradizionali pipe ad acqua nere è posto di fronte alla proiezione video. Il colore nero e l’allineamento in serie contribuiscono a separare l’oggetto dalla funzione tradizionale, all’interno dell’installazione potrebbero così ricordare un arsenale di armi.
La videoinstallazione House of Strenght è costituita da un videoloop che mostra l'artista mentre pratica uno sport diffuso in Iran, il "Varzesh-e Bastani", che viene eseguito con un’attrezzatura tradizionale in una "Zurkhaneh" (Casa della Forza). Lo sport è praticato solo da uomini in Iran, le donne non sono ammesse nei club. Mettendo in discussione questa base patriarcale dello sport, House of Strenght sostituisce il corpo maschile dell'atleta con un corpo femminile. Gli esercizi sono continuamente ripetuti rimandando a un processo meccanico, senza alcun output.
L'installazione ottagonale sul pavimento con la sua forma tipica di una piattaforma in una zurkhaheh, rimanda a una pittura astratta per la sua forma geometrica e il pubblico può attraversarla per seguire il video.