Al Fronte. Cineoperatori e fotografi raccontano la Grande Guerra

Torino - 28/01/2015 : 03/05/2015

La mostra propone un percorso di immagini attraverso 160 fotografie inedite, scattate da Luis Bogino al seguito del Regio Esercito Italiano e dai soldati fotoamatori dislocati sui territori di guerra.

Informazioni

  • Luogo: MUSEO NAZIONALE DEL CINEMA - MOLE ANTONELLIANA
  • Indirizzo: Via Montebello 20 - Torino - Piemonte
  • Quando: dal 28/01/2015 - al 03/05/2015
  • Vernissage: 28/01/2015 ore 12 su invito
  • Generi: documentaria
  • Orari: Da martedì a venerdì 9.00 - 20.00 Sabato 9.00 - 23.00 Domenica 9.00 - 20.00 Lunedì Chiuso Ultimo ingresso un’ora prima della chiusura
  • Biglietti: Intero€ 10,00Ridotto € 8,00studenti universitari fino a 26 anni, over 65, gruppi min. 15 persone

Comunicato stampa

Cento anni fa, la Grande Guerra investe il Vecchio Continente con la sua modernità che, oltre alle armi micidiali, annovera l'utilizzo di nuovi mezzi di comunicazione. Tra queste la fotografia e il cinema si rivelano risorse fondamentali nel definire gli equilibri di potere dei principali paesi belligeranti. Scatti e riprese realizzati da fotografi e operatori militari invadono le pagine di quotidiani e riviste e dominano gli spettacoli cinematografici di tutto il mondo, trovando una eco nelle innumerevoli fotografie amatoriali accumulate dai reduci e dalle loro famiglie, memoria di un'esperienza umana e sociale estrema e contraddittoria



La mostra AL FRONTE. Cineoperatori e fotografi raccontano la Grande Guerra propone un percorso di immagini attraverso 160 fotografie inedite, scattate da Luis Bogino al seguito del Regio Esercito Italiano e dai soldati fotoamatori dislocati sui territori di guerra. Accanto a questo primo tracciato si sviluppa il percorso cinematografico: una selezione di film “dal vero”, girati al fronte e nelle retrovie, e di titoli di fiction di epoche diverse, testimonianza di un'eredità visiva e culturale variamente interpretata nel corso del tempo. Lo sguardo di artisti come Paola De Pietri, Yervant Gianikian e Angela Ricci Lucchi propone infine una lettura personale della prima guerra mondiale, dei luoghi che essa ha attraversato e di una memoria spesso dimenticata.

Il Museo Nazionale del Cinema è inoltre partner del concorso per le scuole Al fronte e nelle retrovie, l'Italia nella Prima Guerra Mondiale, che invita gli studenti a raccontare, in maniera creativa e originale, l'Italia durante la Grande Guerra in tutte le sue realtà, sfruttando le potenzialità espressive offerte dalla sinergia dei diversi media e dall'utilizzo competente e consapevole delle risorse della rete.

I materiali prodotti verranno suddivisi per categorie e il Museo Nazionale del Cinema premierà le tre classi vincitrici (una per ogni grado di scuola) nella sezione 'video cortometraggi' con un sistema di archiviazione dati e contenuti, per la memorizzazione e lo streaming all'interno della scuola (per i vincitori della scuola primaria e secondaria di primo grado) e una rete WiFi studiata ad hoc, comprensiva di wireless controller, switch di rete e access point di ultima generazione (per i vincitori della scuola secondaria di secondo grado).
Il premio assegnato dal Museo Nazionale del Cinema è offerto dal partner tecnico NETGEAR

Link al concorso:
Al fronte e nelle retrovie, l'Italia nella Prima Guerra Mondiale