Africana: Magie Culture Colori

Cagliari - 01/08/2013 : 05/01/2014

In mostra oltre settecento oggetti e documenti per raccontare il mondo del continente africano in tutti i suoi aspetti, dalla vita quotidiana alla religione, dal commercio ai viaggi passando per spiritualità, magia e tradizione.

Informazioni

  • Luogo: LAZZARETTO DI SANT'ELIA
  • Indirizzo: Via Dei Navigatori - Cagliari - Sardegna
  • Quando: dal 01/08/2013 - al 05/01/2014
  • Vernissage: 01/08/2013 ore 18
  • Generi: arte etnica
  • Orari: tutti i giorni tranne il lunedì h. 9.00-13.00; 16.00-20.00

Comunicato stampa

Sarà inaugurata giovedì 1 agosto al Lazzaretto di Cagliari la grande mostra etnografica “Africana: Magie Culture Colori”: oltre settecento oggetti e documenti per raccontare il mondo del continente africano in tutti i suoi aspetti, dalla vita quotidiana alla religione, dal commercio ai viaggi passando per spiritualità, magia e tradizione.
Gli oggetti in mostra fanno parte della grande collezione privata di Claudia Zuncheddu, medico cagliaritano che ha da anni ha instaurato un lungo e intenso rapporto professionale e umano con diverse popolazioni subsahariane


La collezione è frutto di una raccolta spontanea nata dai contatti continui con questi popoli: oggi si compone di circa duemila pezzi che appartengono alla sfera quotidiana e al mondo dei commerci. In mostra armi, tende, tessuti e utensili di uso domestico, prodotti in pelle come le selle dei cavalli e dei dromedari; non mancano gioielli antichi e le preziose perline di vetro, che per secoli hanno animato gli scambi in tutto il continente.
Un'ampia sezione della mostra è dedicata alla cultura dei Tuareg che attualmente lottano per la libertà e l'autodeterminazione: negli ultimi anni i Tuareg sono stati oggetto di repressione culturale e politica da parte del governo nigeriano e dei gruppi fondamentalisti, responsabili di genocidi e devastazioni. Grande spazio anche per l'arte della tessitura Dogon e per le vie dei commerci delle perline di vetro, ceramica, ambra e cauri.
Claudia Zuncheddu si è occupata di studi antropologici su popolazioni del Niger e sui Pigmei del monte Ojo, ha soggiornato nella Repubblica Popolare del Congo per una ricerca sull'AIDS; ha curato progetti per l'Africa su salute, istruzione e scuola nell'ambito di un più ampio processo di rinascita per regioni devastate dalla crisi e dall'impoverimento, di cui l'Occidente con il neocolonialismo continua ad avere responsabilità. Da tempo ha un forte legame con i Tuareg, nomadi del deserto.
La mostra al Lazzaretto, curata dall'associazione Azalai, si inserisce all'interno di un più ampio progetto di scolarizzazione per i piccoli Tuareg del Mali, attualmente rifugiati in Mauritania e Burkina Faso.