Adriano Di Giacomo – Fragmenta urbana/persistenze

Spoleto - 05/11/2011 : 05/11/2011

Si presenta, in un incontro con l’artista, il Libro/Catalogo: Adriano Di Giacomo “fragmenta urbana/persistenze”, edito a documentazione – con la fotografia di Emanuela Duranti – dell’intervento site-specific, concluso a Settembre 2011, all’interno della Chiesetta Madonna del Pozzo, nell’ambito della rassegna“Opus & Light” su un progetto di Studio A’87.

Informazioni

  • Luogo: PALAZZO MAURI - BIBLIOTECA COMUNALE G. CARDUCCI
  • Indirizzo: Via Filippo Brignone 11 - Spoleto - Umbria
  • Quando: dal 05/11/2011 - al 05/11/2011
  • Vernissage: 05/11/2011 ore 17 presso il Caffè Letterario Biblioteca Civica
  • Generi: presentazione
  • Sito web: http://www.adrianodigiacomo.it
  • Patrocini: del del Comune di Spoleto, Sabato 5 Novembre 2011, alle h. 17.00, presso il Caffè Letterario Biblioteca Civica, Palazzo Mauri, a Spoleto

Comunicato stampa

Con il Patrocinio del del Comune di Spoleto, Sabato 5 Novembre 2011, alle h. 17.00, presso il Caffè Letterario Biblioteca Civica, Palazzo Mauri, a Spoleto

si presenta, in un incontro con l’artista, il Libro/Catalogo: Adriano Di Giacomo “fragmenta urbana/persistenze”, edito a documentazione – con la fotografia di Emanuela Duranti – dell’intervento site-specific, concluso a Settembre 2011, all’interno della Chiesetta Madonna del Pozzo, nell’ambito della rassegna“Opus & Light” su un progetto di Studio A’87





Intervengono Antonella Pesola, che cura la presentazione storico-critica in catalogo; Lamberto Gentili, che propone un contributo sul tema della valenza dell’arte contemporanea nei siti storici; Mario Lunetta, autore del testo poetico “Che cos’è una città”, acuta riflessione intorno all’essenza della contemporaneità.

Il Libro/Catalogo raccoglie e documenta nella seconda Sezione, attraverso un articolato excursus fotografico

e critico, la ventennale partecipazione di Adriano Di Giacomo all’attività artistica in Umbria (1990-2010) – e in

particolare a Spoleto - in spazi pubblici e privati, condotta dall’artista lungo il filo rosso della riflessione sulla relazione tra

“fragmenta” e “persistenze”, come metafora forte della città e/o della storia che sostanzia la stessa ricerca artistica.


Adriano Di Giacomo si è formato artisticamente nei primi anni sessanta in Ancona e poi attraverso studi artistici,

scientifici e letterari tra l’Università di Bologna e l’Accademia di BB.AA. di Roma; inizia la sua ricerca alla fine degli anni

’60, non ancora ventenne. Presente in numerose collezioni private e pubbliche, tra cui la Collezione civica della GCAM di

Spoleto, partecipa ad oltre duecento manifestazioni artistiche; è promotore di associazioni per l’arte contemporanea e di

numerose iniziative, tra cui, dal ’94, il progetto per l’istituzione del MUDITAC, Museo Didattico Territoriale d’Arte

Contemporanea del Liceo Majorana di Roma. Vive e lavora a Roma, dove, fino al 2011, ha diretto il Liceo Artistico

Statale/ISA 3- “Giulio Carlo Argan”.



“Il progetto “ Opus & Light ”, a cura di STUDIO A’87, prevede interventi di singoli artisti nello spazio della chiesetta Madonna del

Pozzo, o dei Miracoli, di Porta Monterone, ingresso sud della Città medievale. Installazione di un’opera a confronto con la specificità del

luogo, impreziosito da un ciclo di affreschi che racchiude in sé un intero secolo della storia della pittura italiana ( 1493 - 1600 )”.