58. Biennale – Padiglione Venezia

Venezia - 10/05/2019 : 24/11/2019

Progetto espositivo al Padiglione Venezia presso i Giardini di Biennale per la 58. Esposizione Internazionale d’Arte della Biennale di Venezia.

Informazioni

Comunicato stampa

Comunicato stampa 8 Aprile 2019
Padiglione Venezia 58. ESPOSIZIONE INTERNAZIONALE D’ARTE DELLA BIENNALE DI VENEZIA Esposizioni: 11 Maggio - 24 Novembre 2019 Anteprime: 8-10 Maggio 2019 (vernissage Padiglione Venezia: 10 Maggio, 13:30)
Per gli addetti stampa la visita del Padiglione sarà possibile a partire da martedì 7 maggio. Per organizzare la visita si prega di mettersi in contatto con Eugenia Ellanskaya: [email protected]
Per omaggiare Venezia nel suo Padiglione ai Giardini della Biennale per la 58

Esposizione Internazionale d’Arte della Biennale di Venezia è stato selezionato un gruppo di sette artisti internazionali con forti legami creativi con la Città e attivi in settori diversi: Mirko Borsche, Lorenzo Dante Ferro, Sidival Fila, Ferzan Özpetek, Plastique Fantastique, Fabio Viale e George Koumentakis. La mostra è curata da Giovanna Zabotti con la collaborazione di due direttori artistici, Alessandro Gallo e Stelios Kois. Per il ruolo di Commissario del Padiglione è stato designato Maurizio Carlin (dirigente del Comune di Venezia).
Il Padiglione Venezia, di cui il sindaco di Venezia Luigi Brugnaro ha fortemente voluto che se ne rinnovasse la presenza all'interno della Biennale per raccontare le eccellenze della Città, sarà esso stesso l’opera d’arte nel quale la coralità delle opere, frutto delle esperienze individuali, ne rappresenta la visione collettiva.
Il concept della mostra è ispirato al tessuto urbano della città, per esplorarne la storia e la mitologia. Attraverso un ambiente artistico coinvolgente, gli artisti mirano a catturare l'essenza di Venezia con elementi diventati nel tempo simboli associati alla città - immagini sacre, barche, bricole e acqua - e l'uso dei materiali che la caratterizzano come pietra, marmo, legno, corda e tessuto. Il Padiglione Venezia - creato dall’architetto Brenno Del Giudice nel 1932 - si trasformerà in un'opera d'arte nella sua interezza, dove i visitatori potranno vivere Venezia come un microcosmo composto da tutti i suoi elementi essenziali: la sua nebbia, la sua arte e il suo misticismo.
Una mostra visitabile dall’esterno (il Padiglione inteso come “scatola magica” di un tessuto urbano unico ed irripetibile che, nell’immaginario, sfocia spesso in un sogno) e dall’interno (il Padiglione inteso come sintesi di una lunga storia tra incroci di civiltà, religioni, arte e cultura). Uno degli elementi della mostra che trascenderà i confini del Padiglione sarà progettato dal famoso grafico Mirko Borsche, che creerà un collegamento tra il Padiglione e la città stessa. Ispirato al tradizionale simbolo di Venezia - il leone di San Marco - l'astratto motivo giallo fluo disegnato dallo stesso grafico si infiltrerà negli oggetti quotidiani contaminando il più possibile la città, a partire da Ca' da Mosto, uno dei palazzi più antichi sul Canal Grande, per giungere fino al Padiglione stesso. Il percorso di ricerca che ne è risultato è stato creato per portare i visitatori a interagire indirettamente con il Padiglione, anche al di fuori dei suoi confini.
Gli artisti selezionati lavoreranno per ricreare le innumerevoli narrazioni che continuano a plasmare la città. I Plastique Fantastique, che si definiscono una piattaforma creativa di installazioni temporanee, creeranno una struttura gonfiabile immersiva su larga scala che dialogherà con gli elementi in marmo dello scultore italiano Fabio Viale. Una sezione del Padiglione sarà dedicata al lavoro del cineasta turco - italiano Ferzan Ozpetek e la sua “musa” Kascia Smutniak, un’altra sezione sarà dedicata alle opere che esplorano la spiritualità e la religione realizzate dall’artista Sidival Fila, brasiliano ma romano d’adozione (il primo monaco francescano ad esporre nella storia di Biennale). L'ambiente, per essere ancora più coinvolgente, sarà completato da un’ambientazione olfattiva realizzata dal Maestro profumiere Lorenzo Dante Ferro e un’opera sonora dal compositore greco George Koumentakis.
Oltre alla mostra principale nel Padiglione Venezia, ci sarà un evento collaterale, voluto dal sindaco, Luigi Brugnaro e promosso dal Comune di Venezia. “Artefici del nostro tempo” un concorso attraverso il quale sono stati invitati giovani, di età compresa tra i 18 ed i 35 anni, nati, residenti, studenti o lavoratori in Italia, ad esprimere la propria visione del tempo presente, attraverso sei categorie: poesia visiva, video clip musicale, street art, pittura, fumetto e fotografia, secondo il tema principale della 58. Esposizione Internazionale d’Arte della Biennale di Venezia: “May You Live in Interesting Times”.
L’opera vincitrice di ogni categoria sarà esposta a Ca’ Pesaro il Museo d'Arte Moderna di Venezia e, a rotazione una alla volta, al Padiglione Venezia dal primo di giugno nello spazio dedicato.
Per maggiori informazioni, visitare: https://live.comune.venezia.it/it/2019/02/artefici-del-nostro-tempo-al-un-bando-giovani-artisti-emergenti
Per ulteriori informazioni e immagini: International press office: Sutton, London Rosie O’Reilly: [email protected] / T +44 (0)20 7183 3577
Italian press office: Fondaco Italia Enrico Bressan: [email protected] / T: +39 041 5242851
Note per gli editori
NWC - VENICE | | VENICE - Golden Goose Deluxe Brand – Margraf – Sonepar – Novacolor – Pasqualucci - ST – Servizi tecnici - Grafiche Tintoretto - VeLa - MUVE – Fondazione Musei Civici Venezia
Comitato scientifico e operativo Padiglione Venezia
Nicola Ferrari, Matteo Ballarin, Francesca Giorgi Pierfranceschi, Lorenzo Poggiali, Cristiano Grisogoni, Tonino Zera
Biografie
Giovanna Zabotti
Zabotti (nata a Venezia, 1971) è Art Director e Vicepresidente di Fondaco Italia, di cui è co-fondatrice nel 2004. Fondaco Italia è una società di consulenza con sede a Venezia, specializzata nella realizzazione di progetti di comunicazione attraverso la valorizzazione dello storico e patrimonio artistico e la realizzazione di eventi culturali. Ha ideato, curato e coordinato diversi progetti tra i quali: 1. Biennale Arte di Praga (2003), "Mari Verticali" di Fabrizio Plessi all'ingresso dei Giardini della Biennale (2005), nello stesso anno è stata co-curatrice di eventi collaterali della Biennale Arte in "l’Isola della poesia" e "La Notte dei poeti". Dopo aver promosso il restauro del Padiglione Venezia ha coordinato la mostra "Mariverticali" di Fabrizio Plessi alla 54. Biennale Arte (2011), e poi alla 55. Biennale ha coordinato il progetto "Silk Map" (2013). Nello stesso anno ha co-ideato la mostra "Gero qua" Canaletto - Chiesa di San Gregorio Venezia.
Alessandro Gallo
Gallo nasce a Venezia nel 1978 e, dopo un percorso di formazione in Architettura, fonda nel 2000 insieme alla moglie “Golden Goose Deluxe Brand”.
L’azienda di moda, della quale ricopre oltre al ruolo di amministratore delegato anche quello di direttore creativo, lo porta a viaggiare e cercare influenze e ispirazioni in tutto il mondo.
La creazione di capi e accessori di abbigliamento dalla forte personalità e innovazione, porta il brand a crescere molto rapidamente e a divenire nel giro di pochi anni riferimento nel settore “high end”.
Nonostante gli sviluppi a livello internazionale rimane fortissimo ed essenziale il legame con Venezia, città che continua ad essere la maggior fonte di ispirazione oltre che sede dell’head quarter e importante realtà produttiva d’eccellenza.
Il suo lavoro spazia oltre il mondo della moda, cercando collaborazioni e contaminazioni nel mondo dell’arte, dell’architettura e del design. Interviene negli anni a diverse esposizioni e
istallazioni di arte e architettura oltre a collaborare con Biennale, Pitti e magazines internazionali.
Nel 2016 fonda una nuova società con l’obbiettivo di allargare il proprio concetto di lifestyle veneziano al mondo dell’hotellerie, della ristorazione e del design.
Dal 2018 partecipa al development board di Ca’ Foscari al fine di contribuire al positivo sviluppo di questa importante realtà e del territorio che rappresenta.
Stelios Kois
Kois è nato nelle vicinanze del Monte Athos in Grecia. Il Monte Athos, circondato dal paesaggio di terra rossa, i monasteri con il loro mistico gioco di luci e ombre e l’introduzione all’iconografia dell’icona bizantina da giovane, hanno avuto una duratura impronta nel suo lavoro successivo.
Si è trasferito a Roma dove ha studiato all’Università degli Studi di Roma. Un premio per studenti di architettura gli ha dato l’opportunità di viaggiare ad Osaka in Giappone. Lì ha studiato la tradizione giapponese e la sua attenzione sull'equilibrio e l'interazione eloquente di luce e materiali. Tornato in Italia, ha collaborato con studi di architettura e ha lavorato come direttore creativo. Più tardi, si è trasferito ad Atene dove ha completato i suoi studi alla National Technical University. Dopo alcune collaborazioni di successo ha fondato la sua azienda nel 2007. Risultato della necessità di esprimere la sua visione di un’architettura che incarnava il suo gusto per una purezza di stile che sembrava combinare la serenità fisica e spirituale. Le sue opere testimoniano la coerenza di questa visione estetica, ma dimostrano anche la sua capacità di rivelare la sua essenza spaziale strutturando l’esperienza del visitatore su di essa.
Biografie degli artisti:
Mirko Borsche (nato in Germania, 1971) è un affermato designer grafico tedesco con sede a Monaco di Baviera. Dal 1994 al 1999 ha lavorato come art director per diverse agenzie pubblicitarie, incluso Start.Advertising e Springer & Jacoby. Nel 1999, Mirko è diventato direttore artistico di jetzt Magazin, un supplemento settimanale orientato alla gioventù del quotidiano nazionale Süddeutsche Zeitung. Dal 2004 al 2007 ha preso la direzione artistica di Süddeutsche Zeitung Magazin, il noto supplemento settimanale del quotidiano, ha poi fondato il proprio studio di grafica, Bureau Borsche, e ha iniziato a lavorare come direttore creativo per il settimanale nazionale tedesco Die Zeit, supplemento per la rivista ZEIT magazin e molti altri spin-off come Zeit Verlag.
Lorenzo Dante Ferro (nato in Svizzera, a Baden, 22/09/1952) è un profumiere italiano e fondatore della compagnia artigianale che porta il suo nome. Ha fondato l'azienda nel 1982 a Venezia, una città che ha avuto un ruolo fondamentale nelle sue prime creazioni della profumeria del Cinquecento. Il viaggio di Ferro nell'industria dei profumi ha inizio in Svizzera, dove ha studiato chimica e successivamente si è iscritto come apprendista in Luzi AG. Dopo una prolifica carriera come profumiere con Bush Boake Allen Ltd. a Londra e New York, tra gli altri, ha ricevuto il prestigioso titolo di Inventore con l'assegnazione di brevetti internazionali per la ricerca, lo sviluppo e la creazione di nuovi aromi. Oggi è uno dei pochi maestri profumieri al mondo che lo rende uno dei pochi produttori indipendenti di profumi per la distribuzione esclusiva. Sidival Fila (nato in Brasile, 1962) è un artista brasiliano con base a Roma che si è trasferito in Italia nel 1985 alla ricerca di un'identità artistica e spirituale. Qui si unì all'Ordine dei Frati Minori di San Francesco d'Assisi, mettendo da parte la sua pratica artistica per quasi vent'anni. Nel 2006, Fila torna all'arte concentrandosi su materiali e tessuti scartati associati alla liturgia
dal 17 ° secolo ad oggi. Le sue mostre recenti al Bilotti Museum di Roma (2015), al Fresnoy-National Studio of Contemporary Art, Tourcoing (2016) e una prima personale in Francia al Gale-rie Jérme Poggi di Parigi (2017) segnano il suo ritorno alla scena artistica istituzionale. Fila, oggi, vive e lavora nel convento dei frati francescani di San Bonaventura a Roma. Ferzan Özpetek (Istanbul, 1959) è un regista turco-italiano trasferitosi a Roma nel 1976 per studiare storia del cinema all'università La Sapienza. Ha conosciuto il successo con il suo primo film Il Bagno Turco - Hamam (1997), selezionato per la Quinzaine des Réalizateurs a Cannes. I suoi film successivi Le Fate Ignoranti (2001), La Finestra di Fronte (2003) e Mine Vaganti (2010) hanno vinto numerosi premi tra cui diversi Globo d'oros. Nel 2008, il Museum of Modern Art di New York ha dedicato una retrospettiva al regista Filmmaker in Focus: Ferzan Özpetek. Le sue opere hanno da allora trasceso il tradizionale mezzo cinematografico per includere opere, teatro e romanzi. Plastique Fantastique è una piattaforma fondata da Marco Canevacci (nato in Italia, 1970), e Yena Young (nata in Corea del Sud, 1982) che crea installazioni architettoniche temporanee per attività temporanee. Le strutture trasparenti, leggere, morbide e mobili create dall'azienda si riferiscono alla nozione di attivazione, creazione, condivisione e trasformazione dello spazio pubblico, coinvolgendo i cittadini nei processi creativi. L'architettura pneumatica è sovversiva e adattabile, accoglie attività fugaci ed esperimenti, dando nuova vita alla città e rendendo visibile l'invisibile. Plastique Fantastique è stata fondata a Berlino nel 1999. Fabio Viale (nato in Italia, 1975) è uno scultore pluripremiato, rinomato per il suo lavoro con il marmo, che vive e lavora a Torino. Nel 2017, Viale ha creato una barca in marmo funzionante, Ahgalla, che è stata lanciata a Venezia durante la Biennale e successivamente esposta al Museo Storico Navale di Venezia. Tra i progetti recenti ricordiamo Cavour (2019), un monumento a Camillo Benso conte di Cavour per il Quirinale a Roma e una mostra personale al Center for the Contemporary Art di Mosca Garage (2011). Nel 2016 Viale inizia la sua collaborazione con la Galleria Poggiali che ha portato le sue sculture a diventare le prime opere d'arte contemporanea nella storica Basilica di San Lorenzo a Firenze e nella Königsplatz a Monaco. L'esperienza di Viale consiste nello sperimentare la scultura tradizionale in un modo moderno e unico.
Giorgios Koumendakis è (Grecia, Rethymno, 1959) è direttore artistico dell'Opera nazionale greca, è uno dei compositori greci più dotati e versatili.
Oltre ai suoi numerosi brani di musica sinfonica e da camera, gran parte della sua carriera artistica è stata dedicata alla composizione di musica per le arti performative (teatro, cinema, danza, opera, installazioni).
Ha collaborato con importanti artisti nel campo del teatro, dell'opera e della danza, tra cui, tra gli altri, Karolos Koun, Stefanos Lazaridis, Yannis Houvardas, Roula Pateraki, Rallou Manou, ecc.
Ha anche lavorato come direttore artistico del complesso musicale "Nikos Skalkotas", il Kyklos Ensemble e il Rethymno Rennaissance Festival, e come direttore del programma artistico per la Fondazione culturale di Tinos.
Le sue opere sono state presentate in tutto il mondo, in prestigiose sale da concerto e teatri lirici, tra cui: Salle Olivier Messiaen, Théâtre de l'Archevêché, Teatro La Fenice, Alte Oper, Museo Benesse di Naoshima, Concertgebouw (Amsterdam), Purcell Room, Wigmore Hall, Carnegie Hall, Forbidden City Concert Hall (Pechino), Muziekgebouw aan't IJ (Amsterdam), Auditorio Nacional de Música (Madrird), Clarice Smith Performing Arts Center (Maryland), Piccolo Teatro (Milano), Guarnerius Art Center (Belgrado), Odeon of Herodes Atticus, Megaron - La Concert Hall di Atene, ecc.
Dal 2015 al febbraio 2017 è stato direttore del programma artistico dello Stage Alternativo dell'Opera Nazionale Greca, per il quale ha progettato programmi e produzioni innovative basate su criteri artistici, educativi e sociali.