Some roses have no fragrance. Ambra Abbaticola e Grazia Amelia Bellitta a Lecce

Kunstschau contemporary place, Lecce – fino al 19 novembre 2019. Doppia personale per Ambra Abbaticola e Grazia Amelia Bellitta: ne emerge un’installazione immersiva, intima, che coinvolge i sensi in un percorso anche sinestetico.

Come un antro recondito, Some roses have no fragrance, la doppia personale di Ambra Abbaticola e Grazia Amelia Bellitta – e già i loro nomi insieme rivelano una sintonia imperitura – accoglie il pubblico in una profondità assolutamente rarefatta.
Raggi UVA invadono il piccolo box espositivo e uno straniante odore di sapone stordisce intenzionalmente i primi palpiti della visita. Entrambe fotografe, hanno voluto stavolta separarsi da pellicole e strumentazioni per dedicarsi a un display espositivo che esalta la dimensione del vuoto e della forma attorno a una riflessione sul corpo, dispositivo che consente a entrambe di lavorare per sottrazione. Se Abbaticola non rinuncia alla dimensione plastica per costruire calchi in sapone modellati sul proprio corpo e sospesi come feticci a corde ricamate, Bellitta, oltre allo spaesamento visivo dovuto all’intervento luminoso, presenta un’installazione audio, in cui si avvertono soprattutto i ritmi di un respiro umano che coinvolge, attrae. La mostra, curata da Nicola Zito, è quindi un volume di introspezioni ben integrate con un allestimento essenziale.

Lorenzo Madaro

Iscriviti a Incanti. Il settimanale di Artribune sul mercato dell'arte

 
 

Evento correlato
Nome eventoAmbra Abbaticola / Grazia Amelia Bellitta - Some roses have no fragrance
Vernissage22/10/2019 ore 19
Duratadal 22/10/2019 al 19/11/2019
AutoriAmbra Abbaticola , Grazia Amelia Bellitta
CuratoreNicola Zito
Generiarte contemporanea, doppia personale
Spazio espositivoKUNSTSCHAU CONTEMPORARY PLACE
IndirizzoVia G. Toma 72 - Lecce - Puglia
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Lorenzo Madaro
Lorenzo Madaro è curatore d’arte contemporanea e, dal 2 novembre 2022, docente di ruolo di Storia dell’arte contemporanea all’Accademia delle belle arti di Brera a Milano. Dopo la laurea magistrale in Storia dell’arte all’Università del Salento ha conseguito il master di II livello in Museologia, museografia e gestione dei beni culturali all’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano. Da molti anni è critico d’arte dell’edizione romana de “La Repubblica” e di “Robinson”, settimanale culturale nazionale del quotidiano “La Repubblica”; collabora anche con Arte (Cairo Editore), Artribune, Atp Diary e altre riviste, ed è consulente della Quadriennale di Roma per il progetto Panorama e per la rivista Quaderni dell’arte italiana (edita da Treccani Arte). Ha pubblicato numerosi cataloghi, saggi e contributi critici su artisti del Novecento e della stretta contemporaneità.