Every single day. Haim Steinbach a Bolzano

Museion, Bolzano – fino al 15 settembre 2019. Oggetto, fruizione e identità sono i poli tematici e concettuali attorno a cui prende forma la poetica di Haim Steinbach, in mostra a Bolzano.

La mostra di Haim Steinbach (Rehovot, 1944) al Museion di Bolzano è una co-produzione con il Museo Kurhaus Kleve e punta lo sguardo sulle opere degli ultimi trent’anni, affiancate a lavori più recenti, come Display#91‒ The difference between zoom and zooooooooooooo, nato da una riflessione sui testi raccolti dall’artista nei luoghi più disparati e poi trasferiti su carta e parete.
Agli esordi il linguaggio di Steinbach è pittorico, d’impronta minimalista, in bilico tra la monocromia e la variazione cromatica messa in campo quando dipinge figure geometriche irregolari. Ma a Bolzano siamo di fronte alla metamorfosi del suo operare, quando l’abbandono della pittura lo porta al cospetto dell’oggetto. L’apice di questa disposizione formale dell’oggetto gli fa considerare il colore stesso come un oggetto. Basti pensare alla ripresa della tonalità del marrone Starbucks Roast, che l’artista ha trasformato nell’omonimo wall painting. In pantonecoolgray10 (2016) si ritrova la stessa pratica di oggettivazione formale del colore. L’epifania dell’oggetto trasforma il Museion stesso in oggetto. Tutto è device e lo spazio, così trasformato, diventa un luogo di condivisione e attraversamento. L’oggettivazione del reale compiuta da Steinbach affonda però le radici nel mistero: la “banalità” dell’oggetto cambia status, diventa enigma e genera sorpresa in chi lo guarda.

Claudio Cucco

Evento correlato
Nome eventoHaim Steinbach - every single day
Vernissage17/05/2019
Duratadal 17/05/2019 al 15/09/2019
AutoreHaim Steinbach
CuratoriLetizia Ragaglia, Susanne Figner
Generiarte contemporanea, personale
Spazio espositivoMUSEION
IndirizzoPiazza Piero Siena 1 - Bolzano - Trentino-Alto Adige
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Claudio Cucco
Claudio Cucco (Malles Venosta, 1954) attualmente è residente a Rovereto. I suoi studi di Filosofia sono stati fatti a Bologna, è direttore della Biblioteca di Calliano (TN) e critico d’arte. S’interessa principalmente di arte contemporanea e di architettura e dell’editoria legata a questi due linguaggi. Collabora con il quotidiano L’Adige, con la rivista Arte e Critica e la rivista Nuova Informazione Bibliografica, edita da Il Mulino. Dal 2011 fa parte dei collaboratori di Artribune, dopo aver collaborato per anni a Exibart e precedentemente a Tema Celeste.