Non solo 25 anni di Artissima: anniversari negli spazi torinesi con 4 progetti speciali

Nell’anno in cui Artissima festeggia la sua venticinquesima edizione, anche le gallerie e gli spazi torinesi fanno il loro personale amarcord proponendo progetti speciali. Eccone quattro

Quest’anno non è solo Artissima a festeggiare i suoi primi 25 anni di attività fieristica. È tempo di anniversari anche nelle gallerie e negli spazi torinesi. Dalla collaborazione ultraventennale di Noire Gallery con Shirin Neshat – in tour in Italia per presentare il suo ultimo film Looking for Oum Kulthum – che ritorna nei locali rinnovati della galleria anche con un nuovo progetto editoriale, al quasi cinquantennale sodalizio tra Giorgio Persano e Michelangelo Pistoletto, con un intervento anche nell’ex Opificio pastiglie Leone, ecco quattro progetti speciali…

– Claudia Giraud

1. OLTRE 20 ANNI DI COLLABORAZIONE TRA SHIRIN NESHAT E  NOIRE GALLERY

Shirin Neshat, Malala

La collaborazione tra Shirin Neshat e Noire Gallery è iniziata nel 1996 con la mostra personale  Women of Allah, seguita dalla pubblicazione della prima monografia esistente dell’artista. Ora l’artista iraniana torna negli spazi rinnovati della galleria torinese per presentare The Home of My Eyes, un libro d’artista unico, che contiene la selezione di undici ritratti femminili e nove maschili dell’Azerbaijan, stampato in 50 copie numerate e firmate: un arazzo di volti umani che si svela aprendo i due grandi ‘’Leporello’’ all’interno dell’edizione. Completa la mostra la proiezione del video Roja (2016), nel quale l’artista indaga il suo essere straniera in terra straniera.

The Home of My Eyes di Shirin Neshat e Le bel etè a cura di Domenico De Chirico
Fino al 10 novembre 2018
Noire Gallery
via Piossasco 29/a
www.noiregallery.com

2. QUASI 50 ANNI DI COLLABORAZIONE TRA PISTOLETTO E LA GALLERIA PERSANO

Michelangelo Pistoletto, Ufficio, 2018

La mostra Comunicazione. Le porte di Cittadellarte di Michelangelo Pistoletto è frutto della collaborazione che da circa cinquanta anni esiste tra l’artista e il gallerista Giorgio Persano e, prendendo spunto dall’ultimo progetto contenuto nel libro del 1976, 100 mostre nel mese di Ottobre, presenta una grande installazione ambientale in legno e una nuova serie di quadri specchianti. Questa esposizione si sviluppa oltre che nella sede della galleria anche in uno spazio storico della città di Torino, l’ex Opificio Pastiglie Leone.

Michelangelo Pistoletto – Comunicazione. Le porte di Cittadellarte
Fino al 26 gennaio 2019
Galleria Giorgio Persano, via Principessa Clotilde 45
Ex Opificio Pastiglie Leone, corso Regina Margherita 242
www.giorgiopersano.org

3. 10 ANNI DI AUTOFOCUS, IL PREMIO PER L’ARTE EMERGENTE DI VANNI OCCHIALI

Autofocus#1, Federica Gonnelli

Autofocus – il progetto con cui VANNI, il marchio di occhiali creativi nato a Torino trent’anni fa e esportato in 40 paesi del mondo, sostiene l’arte emergente – festeggia i suoi primi dieci anni. E lo fa non solo con l’annuncio del vincitore dell’edizione 2018 – il premio è andato a Matteo Pizzolante, ora in mostra nel circuito di Nesxt fino al 2 dicembre nel project space di Autofocus, presso la showroom VANNI nella fascinosa piazza Carlina – ma anche con il lancio di un progetto editoriale. Questo documenta il lavoro di ricerca portato avanti in un decennio, insieme alla curatrice Olga Gambari.

Autofocus #10 – Matteo Pizzolante – Extension
A cura di Olga Gambari
Fino al 2 dicembre
Apertura straordinaria per la Notte delle Arti Contemporanee sabato 3 novembre 18.00-24.00
Project-space di VANNI
Piazza Carlo Emanuele II, 15/A, Torino
www.vanniocchiali.com

4. 5 ANNI DI ARTUNER, IL SITO DI E-COMMERCE PER L’ARTE CONTEMPORANEA

Juan Antonio Olivares, Teddy bear

Artuner, la piattaforma d’arte contemporanea fondata a Londra dal torinese Eugenio Re Rebaudengo nel 2013, celebra il suo 5° anniversario con una collettiva che comprende le opere di Juan Antonio Olivares, Josh Kline, Caroline Walker, David Czupryn, Des Lawrence, e Pia Krajewski. La mostra è nuovamente ospitata nei locali di Palazzo Capris, nel cuore di Torino, e si propone di “esaminare lo zeitgeist della nostra epoca attraverso le risposte di questi artisti contemporanei sul tema canonico del ritratto”.

Artuner. The World’s Your Oyster
Dal 2 al 4 novembre
Palazzo Capris
Via Santa Maria 1
www.artuner.com

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Claudia Giraud
Nata a Torino, è laureata in storia dell’arte contemporanea presso il Dams di Torino, con una tesi sulla contaminazione culturale nella produzione pittorica degli anni '50 di Piero Ruggeri. Giornalista pubblicista, iscritta all’Albo dal 2006, svolge attività giornalistica per testate multimediali e cartacee di settore. Dal 2011 fa parte dello Staff di Direzione di Artribune (www.artribune.com ), è responsabile dell'area Musica e cura, per il magazine cartaceo, la rubrica musicale "Art Music". E’ stata Caporedattore Eventi presso Exibart (www.exibart.com). Ha maturato esperienze professionali nell'ambito della comunicazione (Ufficio stampa "Castello di Rivoli", "Palazzo Bricherasio", "Emanuela Bernascone") ed in particolare ha lavorato come addetto stampa presso la società di consulenza per l'arte contemporanea "Cantiere48" di Torino. Ha svolto attività di redazione quali coordinamento editoriale, realizzazione e relativa impaginazione degli articoli per l’agenzia di stampa specializzata in italiani all’estero “News Italia Press” di Torino. Ha scritto articoli e approfondimenti per diverse testate specializzate e non (SkyArte, Gambero Rosso, Art Weekly Report e Art Report di Monte dei Paschi di Siena, Exibart, Teknemedia, Graphicus, Espoarte, Corriere dell’Arte, La Piazza, Pagina).