Una chiesa rupestre ospita un’opera d’arte pubblica di Fabrizio Bellomo a Palagianello

Un comune in provincia di Taranto ospita una riflessione sul territorio, a partire dalle originali gravine e chiese rupestri, con l’opera dell’artista Fabrizio Bellomo. Le immagini in anteprima

Una scellerata aggressione dell’habitat genera perverse magie, tali che una chiesa rupestre può trasformarsi in una torre. La sua ascesa dalle viscere della terra all’acquisita condizione di innaturale roccaforte, si trasforma, con Fabrizio Bellomo (Bari, 1982) – recentemente tra i vincitori del Talent Prize e del Bando ntcm per l’arte di Milano, per la permanenza presso KCB-The Cultural Center of Belgrade – nell’installazione ‘Franchino’ (dal nome di un presunto abitatore del luogo). Panni stesi al vento, esposti da una finestra che in passato, prima del prelievo della pietra circostante per mano umana, era il trionfale ingresso della chiesa di Sant’Andrea a Palagianello. L’opera dell’artista barese, non nuovo a riflessioni sui rapporti tra territorio, dinamiche culturali e processi economici, sarà presentata domenica 28 gennaio. Un’occasione per accedere a luoghi non altrimenti fruibili e per rafforzare una sensibilità ecosostenibile che è al centro del progetto Semina. Promosso dall’associazione Bocche del Vento, nelle gravine tra Taranto e Matera, persegue pratiche per condividere luoghi trascurati o offesi, mettendo in relazione artisti e ‘user’. Le immagini in anteprima.

– Marilena Di Tursi

Palagianello (TA) // 28 gennaio, ore 10-20
Chiesa Rupestre di Sant’Andrea
SP26

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Marilena Di Tursi
Marilena Di Tursi, giornalista e critico d'arte del Corriere del Mezzogiorno / Corriere della Sera. Collabora con la rivista Segno arte contemporanea. All'interno del sistema dell'arte contemporanea locale e nazionale ha contribuito alla realizzazione di numerosi eventi espositivi, concentrandosi soprattutto sulla promozione dei giovani artisti pugliesi dal 1988 fino ad oggi. È autrice di numerose pubblicazioni e di testi critici di presentazione dell’opera di giovani artisti, contenuti in cataloghi redatti in occasione di mostre personali e collettive. Per conto della Fondazione Corriere della Sera, in qualità di membro del consiglio scientifico, ha curato cicli di incontri dedicati all’arte contemporanea nell’ambito dell’iniziativa “Da Est a Ovest Bari incontra il mondo” (2015/2016) e “Quanto è contemporanea l’arte contemporanea?” (2016, con Marco Scotini, Achille Bonito Oliva, Domenico Fontana, Marco Senaldi). Laureata in Lettere presso l’Università degli Studi di Bari, con una tesi in Storia dell’arte contemporanea, ha conseguito la specializzazione triennale in storia dell’arte medievale e moderna presso l’Università “La Sapienza” di Roma e il titolo di Dottore di ricerca in Documentazione, catalogazione, analisi e riuso dei beni culturali presso la facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università di Bari. Insegna Storia dell’arte nel locale Liceo artistico.