L’artista coreano Park Eun Sun all’aeroporto di Pisa. Nove grandi sculture in marmo per accogliere i viaggiatori

Sfere, cubi, colonne, catene di forme pure: le sculture del coreano Park Eun Sun – classe 1965 – abitano lo spazio come presenze granitiche e insieme dinamiche, in cui convivono superfici lisce e scabre, fenditure ed aperture, chiaroscuri e ampie sezioni di luce. Un lavoro fondato sull’armonia e la ricerca dell’equilibrio, che riconcilia con la purezza […]

Park Eun Sun

Sfere, cubi, colonne, catene di forme pure: le sculture del coreano Park Eun Sun – classe 1965 – abitano lo spazio come presenze granitiche e insieme dinamiche, in cui convivono superfici lisce e scabre, fenditure ed aperture, chiaroscuri e ampie sezioni di luce. Un lavoro fondato sull’armonia e la ricerca dell’equilibrio, che riconcilia con la purezza dello sguardo e l’origine muta delle cose. L’artista – laureato all’Accademia di Pietrasanta e residente a Pietrsanta, in Italia già ospite di vari spazi istituzionali, dal Museo dei Fori Imperiali al Museo Marino Marini, passando per la Fondazione Villa Bertelli – con le sue opere in marmo è il protagonista della terza edizione di VolareArte, un’iniziativa della Fondazione Henraux realizzata in collaborazione con Toscana Aeroporti S.p.A.. Siamo in un luogo di transito per eccellenza, l’aeroporto Galileo Galilei di Pisa, ormai divenuto una vetrina espositiva con una posizione strategica: un vero e proprio museo, raggiungibile da migliaia di persone, facilmente accessibile e fruibile dall’interno fino alle zone sterne. Viaggiatori in corsa, o immersi tra le pause di rito prima del decollo, si imbatteranno stavolta con nove sculture monumentali di Park Eun Sun, pregne di atmosfere orientali, che resteranno esposte fino al 2017.

www.fondazionehenraux.it/

CONDIVIDI
Helga Marsala
Helga Marsala è critico d'arte, giornalista, notista culturale e curatore. Insegna all'Accademia di Belle Arti di Roma. Collaboratrice da anni di testate nazionali di settore, ha lavorato a lungo come caporedattore per la piattaforma editoriale Exibart. Nel 2011 è nel gruppo che progetta e lancia la piattaforma Artribune, dove ancora oggi lavora come autore e membro dello staff di direzione. Svolge un’attività di approfondimento teorico attraverso saggi e contributi critici all’interno di pubblicazioni e cataloghi d’arte e cultura contemporanea. Scrive di arti visive, arte pubblica e arte urbana, politica, costume, comunicazione, attualità, moda, musica e linguaggi creativi contemporanei. È stata curatore dell’Archivio SACS presso Riso Museo d'arte contemporanea della Sicilia e membro del Comitato Scientifico, collaborando a più riprese con progetti espositivi, editoriali e di ricerca del Museo. Cura mostre e progetti presso spazi pubblici e privati in Italia, seguendo il lavoro di artisti italiani ed internazionali.