Turisti italiani in ostaggio nel Museo del Bardo a Tunisi. Ecco quali sono i contenuti artistici dello straordinario museo tunisino

Le notizie di cronaca le potete seguire in diretta su tv e in rete: un gruppo di terroristi travestiti da soldati avrebbe preso in ostaggio un numero imprecisato di turisti, fra i quali ci sarebbero anche alcuni italiani, a Tunisi. Le ultime notizie, in questi momenti concitati, dicono che ci sarebbero almeno 8 morti (7 […]

Le notizie di cronaca le potete seguire in diretta su tv e in rete: un gruppo di terroristi travestiti da soldati avrebbe preso in ostaggio un numero imprecisato di turisti, fra i quali ci sarebbero anche alcuni italiani, a Tunisi. Le ultime notizie, in questi momenti concitati, dicono che ci sarebbero almeno 8 morti (7 turisti e una donna tunisina). E il sequestro sarebbe avvenuto, sembra a opera di tre miliziani armati, all’interno del Museo del Bardo, mentre alcuni colpi d’arma da fuoco si sarebbero uditi nei pressi del vicino Parlamento.
Quello che forse molti non sanno, e che sicuramente passa in secondo piano, in attesa di capire gli sviluppi della questione, è che non si tratta di un museo qualsiasi. Il Museo nazionale del Bardo, inaugurato nel 1888, conserva infatti la più ricca collezione di mosaici romani del mondo, tutti in ottimo stato di conservazione. Ne vediamo una selezione nella fotogallery…

www.bardomuseum.tn

 

 

CONDIVIDI
Massimo Mattioli
É nato a Todi (Pg). Laureato in Storia dell'Arte Contemporanea all’Università di Perugia, fra il 1993 e il 1994 ha lavorato a Torino come redattore de “Il Giornale dell'Arte”. Nel 2005 ha pubblicato per Silvia Editrice il libro “Rigando dritto. Piero Dorazio scritti 1945-2004”. Ha curato mostre in spazi pubblici e privati, fra cui due edizioni della rassegna internazionale di videoarte Agorazein. È stato membro del comitato curatoriale per il Padiglione Italia della Biennale di Venezia 2011, e consulente per il progetto del Padiglione Italia dedicato agli Istituti Italiani di Cultura nel mondo. Nel 2014 ha curato, assieme a Fabio De Chirico, la mostra Artsiders, presso la Galleria Nazionale dell'Umbria di Perugia. Fa parte dello staff di direzione editoriale di Artribune, come caporedattore delle news.