La resurrezione di Leonardo. Ecco le meraviglie nascoste dell’Adorazione dei Magi, con i primi risultati del restauro dell’Opificio delle Pietre Dure di Firenze

Iniziata nel 1481 per il monastero di San Donato a Scopeto e poi lasciata incompiuta da Leonardo, l’Adorazione dei Magi torna a nuova e miglior vita grazie al lavoro dell’Opificio delle Pietre Dure di Firenze, nel cui laboratorio di restauro, all’interno delle strutture della Fortezza da Basso, è stata trasferita nel 2011. Si e conclusa infatti […]

Iniziata nel 1481 per il monastero di San Donato a Scopeto e poi lasciata incompiuta da Leonardo, l’Adorazione dei Magi torna a nuova e miglior vita grazie al lavoro dell’Opificio delle Pietre Dure di Firenze, nel cui laboratorio di restauro, all’interno delle strutture della Fortezza da Basso, è stata trasferita nel 2011. Si e conclusa infatti la prima fase del restauro della superficie pittorica, che dovrebbe essere ultimata entro l’estate del prossimo anno (avverrà in un secondo momento il restauro del supporto ligneo), e alla fine del 2015 l’opera verrà accolta da un nuovo allestimento all’interno della Sala 15 della Galleria degli Uffizi.
La pulitura effettuata ha portato alla luce un’immagine estremamente più ricca di valori espressivi, dove volumi e gradazioni cromatiche riemergono alla vista di tutti. Nel corso dei secoli l’opera ha subito l’appesantimento di diverse stratificazioni di materiali sovrapposti dai suoi manutentori, con un effetto di patinatura che dava l’impressione di monocromia (e non esattamente quella di “non finito”). In particolare nella parte superiore del quadrato (quasi un quadrato perfetto) si torna finalmente a riconoscere il colore del cielo e anche le figure dei lavoratori che ricostruiscono il Tempio, con la zuffa dei cavalli e le figure umane in alto a destra.
Finalmente la lettura dei significati e della materia pittorica in sè è possibile a occhio nudo per l’osservatore che prima doveva limitarsi a guardare come da un vetro appannato. Dopo due anni di “assottigliamento”, per cosí dire, con un lavoro attento e delicato da parte dell’equipe dell’Opificio, adesso possiamo riscoprire il piacere di osservare un dipinto che, pur sempre segnato dal passaggio del tempo, si presenta nella sua forma più verace. La rigorosa impostazione prospettica dell’insieme della composizione ritrova in qualche modo spessore con il perdersi di questa patina, e gli elementi figurativi dei personaggi ritratti assumono dunque maggiore rilievo e vivida presenza (magnifico il gruppo di teste di cavallo che appaiono nell’estremità destra, ad esempio, a dimostrare che Leonardo ancora non aveva scelto quale soluzione formale adoperare ancora).

– Diana Di Nuzzo

 

 

CONDIVIDI
Diana Di Nuzzo
Scrive di Pop Surrealism e Lowbrow Art da tempo, e la sua passione per la cultura pop e underground l'ha portata a trasferirsi nella Grande Mela per conoscere da vicino il mondo delle gallerie dedicate e della Street Art. Qui trova pane per i suoi denti e tenta di fare la corrispondente all'estero cercando di dare voce a movimenti che in Italia restano ancora poco conosciuti. Appassionata di fumetti e toys di ogni epoca e tipo, è ormai ossessionata da Instagram e Facebook, al punto di averne fatto una semiprofessione. Nel campo delle arti visive predilige il mondo del figurativo e ha un debole per gli anni '80 e il suo universo di immagini trash, ipercolorate e molto spesso kawaii. Per il futuro confida di disintossicarsi dalla sindrome di Alice nel Paese delle Meraviglie (di recente acuita da New York) e da quella dell'Analisi Semiotica.
  • Massimo Ravecca

    Il “non finito” è la caratteristica del genio. Come il “non luogo”, il “non nome”, il “non tempo”, ecc… L’astuto Ulisse crea un “non nome”, Nessuno, per ingannare Polifemo, e un “non luogo”, il cavallo di legno, per ingannare i troiani. Queste entità frutto di processi ricorsivi, speculari sono state usate anche da Gesù e Michelangelo. Quest’ultimo nella scultura diede origine al termine. L’Adorazione è un non finito e non un opera incompleta, perché l’autore si ritrasse sul bordo destro (per chi guarda), mentre si dirigeva a Milano. Si rappresentò mentre usciva dal quadro, lasciandolo incompiuto . Cfr. Ebook/book di Ravecca Massimo: Tre uomini un volto: Gesù, Leonardo e Michelangelo. Grazie.