Nel castello di Bonifacio VIII. In Umbria si apre al contemporaneo anche il Castello Corsini di Sismano, nei dintorni di Todi: ecco chiccera alla “prima”…

Nelle stanze del castello hanno dimorato i papi Bonifacio VIII e Clemente XII. Ora, con un brusco ma vitale jump temporale, vi “dimora” un gruppo di giovani artisti, intraprendenti ed aperti ad ogni genere di contaminazione. Anche quella con la storia, di cui è ricco il Castello Corsini di Sismano, vicino a Todi, una delle […]

Nelle stanze del castello hanno dimorato i papi Bonifacio VIII e Clemente XII. Ora, con un brusco ma vitale jump temporale, vi “dimora” un gruppo di giovani artisti, intraprendenti ed aperti ad ogni genere di contaminazione. Anche quella con la storia, di cui è ricco il Castello Corsini di Sismano, vicino a Todi, una delle dimore storiche umbre della nobile casata fiorentina: che la proprietaria Ginevra Sanminiatelli, marchesa Bruti Liberati, già nota per la sua attività antiquariale, ha deciso di aprire all’arte contemporanea. Lo fa con la mostra Per un’arte fluida, che – per la cura di Luca Tomìo – mette insieme opere di Alfredo Rapetti Mogol, Seboo Migone, Luigi Puxeddu, Fosco Valentini, Angelo Formica, Fabrizio Braghieri, Alessandro Cannistrà. Molti presenti al raffinato opening, assieme ad ospiti giunti da tutta Italia: li trovate nella fotogallery…

CONDIVIDI
Massimo Mattioli
É nato a Todi (Pg). Laureato in Storia dell'Arte Contemporanea all’Università di Perugia, fra il 1993 e il 1994 ha lavorato a Torino come redattore de “Il Giornale dell'Arte”. Nel 2005 ha pubblicato per Silvia Editrice il libro “Rigando dritto. Piero Dorazio scritti 1945-2004”. Nel 2007 ha curato la costituzione, l’allestimento ed il catalogo del Museo Nino Cordio a Santa Ninfa (Tp). Ha curato mostre in spazi pubblici e privati, fra cui due edizioni della rassegna internazionale di videoarte Agorazein. Ha collaborato con diverse riviste specializzate, e nel 2008 ha co-fondato il periodico Grandimostre, del quale è stato coordinatore editoriale. È stato membro del comitato curatoriale per il Padiglione Italia della Biennale di Venezia 2011, e consulente per il progetto del Padiglione Italia dedicato agli Istituti Italiani di Cultura nel mondo. Fa parte dello staff di direzione editoriale di Artribune, come caporedattore delle news.