Giovani gallerie crescono. Con un progetto di Jaša parte la Project Room della milanese Jerome Zodo

È giovanissima, poco più di un anno, eppure ha già inanellato tutte le mosse giuste per crescere in fretta, con un’immediata apertura al panorama internazionale, sfociata nella partecipazione alle fiere di Madrid e Los Angeles. Alla galleria milanese Jerome Zodo mancava ora una Project Room, “accessorio” sempre più indispensabile per ampliare l’offerta diversificando approccio e […]

È giovanissima, poco più di un anno, eppure ha già inanellato tutte le mosse giuste per crescere in fretta, con un’immediata apertura al panorama internazionale, sfociata nella partecipazione alle fiere di Madrid e Los Angeles. Alla galleria milanese Jerome Zodo mancava ora una Project Room, “accessorio” sempre più indispensabile per ampliare l’offerta diversificando approccio e target: ma ora arriva pure quella.
Un garage normalmente adibito all’asilo delle autovetture, che diventa nucleo espositivo e sala proiezione. Il nuovo spazio si inaugura in occasione del finissage della mostra Tall mountains. Black leale, dell’artista israeliano Eliezer Sonnenschein, presentandosi al pubblico con un appuntamento dal titolo Bloom, che vede protagonista l’intervento in loco del giovane artista sloveno Jaša (1978, Ljubljana). Cosa bolle in pentola per l’occasione? Una riconsiderazione spaziale della Project Room allestita ed alterata a luogo del vivere, Living Room.

Inaugurazione: giovedì 19 maggio 2011 – ore 18.00
Via Lambro 7 – Milano
www.jerome-zodo.com

CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.