Prendere due star dell’art system internazionale, selezionare alcune opere celebri della loro produzione e immaginare come sarebbe se, per incanto, sculture, ambienti, installazioni cominciassero a mutare. A prendere vita. Un viaggio nel mondo di Yayoi Kusama e Ai Weiwei, così come lo ha concepito Ziye Liu, artista cinese con una formazione negli USA, già collaboratore della NASA.
Tutto passa dalle infinite possibilità dell’animazione 3D: “Themes & Viariaions” è uno short film ambientato tra suggestive architetture museali, tutto giocato sulla tensione generata da lunghe carrellate, close up ipnotici e atmosfere sospese. Immagini artificiali, solcate da luci ed ombre nette, per un effetto di straordinario realismo.

Poi, d’un tratto, ha inizio l’allucinata danza. Le sfere lucenti in acciaio inox e le classiche stanze tempestate di pois firmate da Kusama, insieme alle sculture alveolari in ferro e alle cataste di sgabelli di Ai Weiwei, prendono a scomporsi, a moltiplicarsi, a ruotare, a scorrere, vibrare o lievitare. Un processo di morfogenesi, una sequenza di contrazioni, espansioni,  tempeste monumentali, modificazioni strutturali.
Studiata con estrema cura per tenere alta l’emozione è anche la colonna sonora: una partitura originale per archi, firmata dallo stesso Ziye Liu.

Helga Marsala

CONDIVIDI
Helga Marsala
Helga Marsala è giornalista, critico d'arte contemporanea e curatore. Collaboratrice da anni di testate nazionali di settore, ha lavorato a lungo come caporedattore per la piattaforma editoriale Exibart. Oggi membro dello staff di direzione di Artribune, è responsabile di Artribune Television. Svolge un’attività di approfondimento teorico attraverso saggi e contributi critici all’interno di pubblicazioni e cataloghi d’arte e cultura contemporanee. È stata curatore nel 2009 dell’Archivio SACS presso Riso Museo d'arte contemporanea della Sicilia e membro del Comitato Scientifico di SACS nel 2013, collaborando a più riprese con progetti espositivi, editoriali e di ricerca del Museo. Cura progetti espositivi presso spazi pubblici e privati in Italia, seguendo il lavoro di artisti italiani ed internazionali, specificamente delle ultime generazioni.